fino al 12.IX.2004 - Pablo Echaurren - Roma, Chiostro del Bramante 3050 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 12.IX.2004
Pablo Echaurren
Roma, Chiostro del Bramante

   
 Depero e il gatto Felix a spasso nel chiostro del Bramante. Un’arte sempre molto applicata, imprendibile. Una grande mostra. Tra sfavillanti ceramiche a grottesca e copertine di cd musicali, tarsie in stoffa e controcultura anni ’70... Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
L’infezione è ormai conclamata. Per l’arte di Pablo Echaurren (n. 1951) che s’impossessa di un luogo tra i più emozionanti di Roma, la parola contaminazione possiamo spenderla tranquillamente. Un’antologica in effetti inattesa, ma soltanto perché ha dell’incredibile il lasso di tempo che invece riesce a coprire. Che suona come il giusto riconoscimento -da parte di questa città meno sonnacchiosa e ingrata di quanto saresti disposto a pensare- per un’attività ormai più che trentennale.pablo echaurren_il mio obelisco_2004
Location rinascimentale e pedigree avanguardistico reagiscono come composti chimici, fanno da ideale terreno di coltura per quel virus che è l’arte senza aggettivi. Anzi, per quell’arte che “applicata” si finge soltanto. Perché in questo scrigno ricolmo di veleno, stavolta –ça va sans dire– c’è davvero di tutto.
Circa duecento pezzi, dalla sorprendente serialità minimal dei primi acquerelli che pure grondano un’imagerie viscerale (i cosiddetti “quadratini” poi adattati alle copertine delle edizioni Savelli, quelle di Porci con le ali), fino alle vetrate neanche troppo improbabili. Dalla fumettistica più roboante alle calde tarsie in panno imbottite, fino ai grandi piatti a ingobbi policromi (forse la cosa più bella) e alle ceramiche più sfavillanti.
E ancora: dal rigore dei pur giocosi acrilici dei primi ’90 (La via della sete) fino ai quadri più recenti, viceversa sontuosi eppure dolenti (Il monologo dei massimi sistemi). In un’incessante oscillazione tra riferimenti alti e “cultura di massa”. Tra Fortunato Depero–giustamente colto nel suo paradossale sguardo da primitivo– e il gatto Felix. Tra bestiari medievali in technicolor e arruffata controcultura anni ’70. Tra l’horror vacui –“paranoico-critico” ante-litteram– della grottesca blu su blu in berettino (Il mio obelisco) e le vertigini di un Escher che però mostra tutti i denti (Vortice). Ma in un percorso espressivo tanto imprendibile da apparire –come sempre avviene in questi casi– soltanto straripante. Perché più che per pablo echaurren_Divinità senza pietà - Abu Ghraib_2004sottrazione di aura si è intervenuti ovunque –generosamente– per dispersione della stessa.
E a scintillare in questo strano luna park, in cui in sordina avverti come un pianto desolato, c’è anche –e forse soprattutto, perché ben più provocatoria– l’ostentata noncuranza per quella gerarchia dei registri di riferimento che le tante tecniche espressive adottate –in troppe, oltre che troppo difformi– finiscono fatalmente per reclamare. Perché quando l’arte è davvero senza aggettivi, di starsene soltanto là dove t’aspetti di trovarla non ne vuol proprio sapere.

pericle guaglianone
mostra visitata il 30 giugno 2004


PABLO ECHAURREN
Roma, Chiostro del Bramante
Via della Pace (00186)
Orario: mar e gio 16-21; mer e dom 16-20; ven e sab 16-24.
Biglietto intero € 4,00 - Ridotto € 2,5.
Info: 06 68809035
Catalogo: Gallucci € 25, in mostra €23.
E-mail: direzione@chiostrodelbramante.it
Sito web: www.chiostrodelbramante.it


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Bramante, Fortunato Depero, Pablo Echaurren, pericle guaglianone
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram