fino al 3.III.2005 - Gilles Berquet – Les Voyeurs Modernes - Roma, Mondo Bizzarro 3041 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 3.III.2005
Gilles Berquet – Les Voyeurs Modernes
Roma, Mondo Bizzarro

   
 Signore e signori, la sensualità della donna di sempre. Liberata, celebrata, rincorsa anche oggi. Un’inconfessabile trionfo. Che la fotografia prova a raccontarci. Tra scenari naturali, bondage e atmosfere fetish…  Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Tante foto, in un rigoroso bianco e nero, e un soggetto soltanto: il corpo femminile. Che però, organizzata in suo onore la festa, ne combina –neanche a dirlo– di tutti i colori.
Gilles Berquet (classe 1956; dagli anni ’80 espone in Europa, Giappone, Stati Uniti) sbarca a Roma senza fare sconti, con l’erotismo della sua donna incontenibile che lascia poco spazio al fraintendimento. Portata a spasso per i boschi come un semidio assetato, messa a tu per tu col muso nero di un pitbull o con i più astrusi parafernalia porno, la protagonista di queste nitide apparizioni è ovunque –tremendamente– a suo agio. Mai un ammiccamento o una posa leziosa: né mentre abbraccia nuda un grande albero, né mentre è alle prese –la naturalezza di adorabile belva è la stessa– con l’armamentario sado-chic più mirabolante.
Poche storie, insomma: il piacere è davvero tutto suo. Lo spettacolo dei sensi mette in scena da sé la propria pienezza, persino quando la grammatica è quella fetish o laddove l’accelerazione bondage lascerebbe presagire un parossismo compiaciuto che, invece, arriva semplicemente quando arriva.
Sguardi dolci e spietati, qualche volta provati, comunque indomabili. L’uso perentorio della luce sembra allontanare il sospetto di un qualche maschietto posizionato altrove, magari poco fuori l’inquadratura, come un deus ex machina qualsiasi. Per non parlare, poi, del pissing: vero leitmotiv di questa collezione di dee libere e belle, e per giunta esultanti.
Cartoline –tutt’altro che patinate– dell’ebbrezza, trionfi con tanto di zampillo, spesso impeccabili e senza un serio impianto narrativo. Non una poetica del corpulento, né –tanto meno– uno sguardo pruriginoso sui soliti vizi di un’aristocrazia pallida e insonne: a salire (in piedi) in cattedra, qui, vestito quasi sempre di sole scarpe, è l’eterno femminino. Di che scandalizzarsi, dunque?
gilles berquet
Siamo lontani, a ben guardare, tanto dalla statuaria di Robert Mapplethorpe quanto dal voyeurismo per partizioni sceniche di Helmut Newton e di Roy Stuart: semmai, un eros tanto insopprimibile ce l’ha raccontato la fotografia di Pierre Molinier. Ed è in effetti una donna diversa, più scabra eppure più sofisticata, una donna –a ben guardare– dannatamente europea, la creatura liberata e celebrata –e rincorsa, fin nei suoi spiragli più segreti– dall’occhio fanciullo di Gilles Berquet.
Lo rivelano, guarda un po’, i capelli: quell’acconciatura inequivocabile e –a dirla tutta– irresistibile. Questione di gusti, certo.

pericle guaglianone
mostra vista il 18 febbraio 2005


Gilles Berquet – Les Voyeurs Modernes
Roma, Mondo Bizzarro
Via Reggio Emilia 32c/d (00198 – Nomentano\Porta Pia)
Ingresso libero
Dal lunedì al sabato 11:30 – 19:30
Info: 06.44247451 (tel. / fax)
E-mail: info@mondobizzarro.net
Sito web: www.mondobizzarro.net


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
vedi calendario delle mostre nella provincia roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Helmut Newton, pericle guaglianone, Robert Mapplethorpe, Rossi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram