fino al 30.X.2005 - Antonio Biasiucci – Res - Roma, Magazzino d’Arte Moderna 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 30.X.2005
Antonio Biasiucci – Res
Roma, Magazzino d’Arte Moderna

   
 Reperti, ingranaggi e animali impagliati. E la vertigine del bianco e nero. E’ di scena la natura delle cose (e non solo) secondo la fotografia. Quando il mondo diventa maschera anche fuori del tempo… Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Abito scuro e zero fronzoli, una mostra di Antonio Biasiucci (Caserta, 1961; vive a Napoli) è ogni volta un itinerario nel cuore di tenebra delle cose, di tutte le cose. Un irriducibile venire alla luce di realtà sprofondate (qui volti e strutture meccaniche, reperti e animali impagliati; altrove, stelle e vulcani) in cui la vita stessa che si fa calco torna ad essere, e ad apparire, teatro.
Di scena, il bianco e nero estremo di una serie di stampe fotografiche, di formato quadrato, sistemate a parete come a impaginare in altrettante lavagne in sequenza –durissime, di un nero accecante– una lezione che ha per tema la sedimentazione della materia. Perché ci si può avvicinare ad ogni spicchio di cosmo fino a vederne (e, perché no, sentirne e misurarne) le porosità, le scalfiture, gli orli paurosi che si allontanano delineando occhi, bocche o crateri. Ci si può sporgere fino a riconoscere una per una, grazie alla luce “matita della natura”, le maschere che appaiono sepolte vive (e vegete) sotto il bitume del tempo; fino ad accorgersi –gratta gratta, come si suol dire– che tutto è epidermide e nulla è polvere, anche e soprattutto quando si ha a che fare con l’abisso.
E allora, in questo chiedersi dove vanno a finire le cose che è proprio della fotografia iperfisica di Biasiucci –importa poco, qui, distinguere i relitti meccanici del dismesso stabilimento dell’Italsider di Bagnoli dagli organismi rinvenuti nelle teche di un museo scientifico o dai volti sorpresi in un museo antropologico–, a raccontare le cose come stanno interviene la texture primaria di ciò che, messo a fuoco, senza muoversi di un millimetro pulsa e tace: pietre, ingranaggi, peli come corde d’acciaio, profili aguzzi di mirabolanti calcificazioni.
Antonio Biasiucci
Il risultato è un po’ a sorpresa il paradosso di una ricognizione “calda”, il cui procedere per riesumazioni appare antitetico a quello raggiunto dalla fotografia di un Thomas Struth, dove, al contrario, ciò che conta è rintracciare il gelo di un ordine sovrastante –e sovrumano– nel cuore stesso della vita vissuta. Sta di fatto, restando al più stringente degli esempi, che nel lavoro di Biasiucci è del tutto irrilevante il ricorso al colore grigio in quanto figura del neutro e dell’immateriale, quel colore –come ebbe a scrivere Gerhard Richter– che “ha la capacità, come nessun altro, di rendere visibile il ‘nulla’”. C’è, viceversa, nel suo affacciarsi visionario su ogni cripta possibile, così tanto nero da lasciar risplendere ogni cosa incontrata, viva e vegeta (e familiare) anche quando perduta o dimenticata, di un imprevisto rosso sangue.

pericle guaglianone
mostra visitata il 28 settembre 2005


Antonio Biasiucci – Res
Testo di Mario Codognato
Roma, Magazzino d’Arte Moderna
Via dei Prefetti, 17 (00186)
Ingresso libero
Orario: da martedì a venerdì 11-15 e 16-20; sabato 11-13 e 16-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
Contatti: +39 066875951 (info), +39 066875951 (fax)
Sito web: www.magazzinoartemoderna.com
E-mail: info@magazzinoartemoderna.com


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Antonio Biasiucci, Gerhard Richter, Mario Codognato, pericle guaglianone, Thomas Struth
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram