fino all’8.XII.2005 - Letizia Bellavoine – Private Boundaries - Roma, Altri Lavori In Corso 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino all’8.XII.2005
Letizia Bellavoine – Private Boundaries
Roma, Altri Lavori In Corso

   
 Otto ritratti metropolitani al femminile. Ragazze -e appartamenti– che danno del tu alla vita. E alla macchina fotografica. Letti sfatti, make up sommari, abiti sgargianti buoni per ogni occasione... Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Otto giovani donne, otto scatti in cui l’artista (Letizia Bellavoine, Parigi 1974; vive a Roma) si mette ad intimare “adesso guardami” ad altrettante sconosciute. Una parvenza di posa e via, giusto il tempo perché una serie di incontri tanto fulminei quanto ravvicinati possa dare luogo, all’opposto, ad una sequenza di rigorose foto-tessera. Sì, perché Charlotte, Carmela, Ritzko e Natasha, nei panni dell’amica di sempre, hanno tutta l’aria di aver avuto (e di avere, ancora) molto da fare e, soprattutto, poco (pochissimo) tempo per farlo; tutta l’aria di voler rispondere ogni volta “eccomi”, con un fare intimato come di confessione, attraverso un atteggiamento cordiale proprio perché sbrigativo.
Inquadrare un contesto geopolitico di riferimento (occidentale? forse; globale? certamente) sarebbe fuorviante. Più interessante ricondurre il tutto ad una dimensione di bohème urbana in quanto tale soltanto presunta, ad una realtà che inebriante si dichiara –si vorrebbe– soltanto. Il make up volgare, la fierezza dei volti (“eccomi, sto bene”), le vesti dozzinali eppure sgargianti, gli appartamenti-camerino con i loro andirivieni anonimi benché spettinati, persino i letti sfatti che sono tali perché –semplicemente– non c’è stato il tempo di rifarli: tutto quanto riferisce dell’autenticità di stenti tutt’altro che in posa; tutto quanto testimonia di vite vissute senza un attimo di tregua ma non fino in fondo; tutto quanto di esistenze che, a ben guardare, abitano il ventre delle metropoli più convulse come si deve e non come si può.
Letizia Bellavoine, Carmela, stampa lambda su alluminio, cm 100x100
La stessa scelta di un refrain cromatico che si ritrova ovunque (il rosso a braccetto col verde, con annessa citazione della Marcella di Ernst Ludwig Kirchner, la prima fanciulla acida della storia dell’arte), benché si tratti del più espressionista –del più indolenzito– degli accostamenti possibili, nella sua presenza reiterata più che ad implicazioni del genere “estetica relazionale” fa pensare ad una lucida intentio da reportage. Insomma, un casting vero e proprio che, lontano anni luce dal “devil’s playground” ebbro di sensibilità e di morte cantato da Nan Goldin, finisce per delineare con apprezzabile nitore il profilo di un’umanità semplice e agguerrita.

pericle guaglianone
mostra visitata il 15 novembre 2005


Letizia Bellavoine – Private Boundaries
Roma, Altri Lavori In Corso – Via del Governo Vecchio 7 – 00186 – Ingresso libero – Dal lunedì al sabato dalle 17 alle 20 – Info: +3906861719 (tel./fax) – E-mail: info@altrilavoriincorso.com – Sito web: www.altrilavoriincorso.com


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Ernst Ludwig Kirchner, Nan Goldin, pericle guaglianone
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram