fino al 15.III.2008 - María Rosa Jijón / Juan Sandoval - Roma, Mlac 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 15.III.2008
María Rosa Jijón / Juan Sandoval
Roma, Mlac

   
 Un viaggio attraverso la linea equatoriale, interviste e paesaggio. Tra orgogli e rivendicazioni, fotografie e musica, migrazione e vecchi ricordi. Un tracciato che, in qualche modo, arriva fino in Italia... Federica la Paglia 
 
pubblicato
Una rimembranza di vecchi documentari d’esplorazione, che scimmiotta un remoto gusto per l’esotismo, è l’impatto che si subisce guardando nei piccoli caleidoscopi appesi nelle sale del Museo romano. Il piacere per la scoperta degli antichi sguardi, che María Rosa Jijón (Quito, 1968; vive a Roma) aveva già proposto nel video realizzato col gruppo G2, segna il primo passo verso l’Equatore. In realtà è quasi un filtro da superare, una barriera mimata nella disposizione davanti alle fotografie e ai video che, insieme alle vecchie riviste e canzoni, compongono questo viaggio. O forse è la concretizzazione di una linea che prende corpo attraverso le geografie fisiche e umane proposte nelle immagini retrò. Perché il progetto in questione, sotto la sembianza cartografica, nasconde un’analisi sociologica più profonda, che prende le mosse da una mappa disegnata su un muro e si allarga alla vita di chi abita lungo la riga rossa che attraversa la cartina.
Juan Esteban Sandoval (Medellin, 1972; vive a Biella) e Jijón presentano dunque un progetto che conduce parimenti all’interiorizzazione del tema del viaggio, alla traduzione ed esplicitazione di spostamenti più profondi. Migrazione e rapporto tra identità culturale e contesto sociale sono temi attorno a cui ruotano le ricerche dei due artisti e del cineasta César Meneghetti, ideatore del progetto insieme a María Rosa Jijón. E questi elementi emergono anche dalle interviste agli abitanti dei vari Paesi lungo la linea, nascoste fra le trame di un dichiarato orgoglio di appartenenza a un luogo significativo, l’unico vero cuore di quella linea che divide il mondo. Quasi un’affermazione campanilistica portata fino in Italia, a Roma e a Biella. Riflesso personale (gli artisti provengono tutti dai Paesi interessati: Ecuador, Colombia e Brasile) di un movimento più ampio.
María Rosa Jijón e Juan Sandoval - AEquator V.2 - Mlac, Roma 2008
Una storia raccontata attraverso le storie e le voci altrui. Di certo, nulla d’autobiografico, se non il mettersi in gioco in prima persona, necessità dell’artista contemporaneo, nel suo ruolo politico da molti disconosciuto e che invece Sandoval e Jijón, latinoamericani, rivendicano. Con uno spirito di analisi ben diverso rispetto alla ricerca di un’altra ecuadoriana, Manuela Ribadeneira, che ha lavorato sulla linea equatoriale dividendola in metri (One meter of aequator) necessari per quadrare un territorio di cui impossessarsi.
Lo spazio che per la Ribadeneira è luogo di conquista, in AEquator assume invece una dimensione narrativa ed emotiva.

articoli correlati
María Rosa Jijón al Trip di Napoli
link correlati
Aequator: progetto blog

federica la paglia
mostra visitata il 7 febbraio 2008


dal 7 febbraio al 15 marzo 2008
María Rosa Jijón / Juan Esteban Sandoval - Aequator
a cura di Domenico Scudero
MLAC - Museo Laboratorio di Arte Contemporanea
Piazzale Aldo Moro, 5 (Università La Sapienza) - 00185 Roma
Orario: da lunedì a venerdì ore 10-19.30
Ingresso libero
Info: tel. +39 0649910365; muslab@uniroma1.it; www.luxflux.org


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Federica la Paglia
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: César Meneghetti, Juan Sandoval, Manuela Ribadeneira, María Rosa Jijón
 

1 commento trovato 

19/04/2008
ALESSANDRA, ITALIA
i miei migliori complimenti all'autrice del testo per Maria rosa Jijon: incalzante,suggestivo, brillante.
Complimenti a Federica La Paglia.


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram