Fino al 18.I.2017 - John R. Pepper, Evaporations - Fondazione terzo Pilastro Museo, Roma 3061 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 18.I.2017
John R. Pepper, Evaporations
Fondazione terzo Pilastro Museo, Roma

   
  Valentina Martinoli 
 
Fino al 18.I.2017 - John R. Pepper, Evaporations - Fondazione terzo Pilastro Museo, Roma
pubblicato

"Evaporations” è il titolo della personale di John R. Pepper ospitata nelle sale di Palazzo Cipolla a Roma. 
Figlio d’arte (sua madre è la nota scultrice Beverly Pepper; una sua scultura apre il percorso di mostra) e allievo di grandi nomi della fotografia, a 14 anni diventa assistente di Ugo Mulas, per intenderci. Con la sua opera Pepper riesce a immergerci in una serie di visioni liquide e sfumate, scatti di luoghi senza riferimenti temporali o geografici. Le 50 fotografie esposte sono state scattate tra il 2012 e il 2013 tra Stati Uniti, Russia, Finlandia, Italia e Grecia, ma, a parte i casi in cui l’obiettivo viene puntato su New York e i suoi riconoscibilissimi luoghi icona, come il luna park di Coney Island o la Statua della libertà, riesce difficile collocare l’immagine che appare ai nostri occhi, e forse neanche ci interessa farlo.
La scelta del bianco e nero ha già di per sé una connotazione atemporale, senza dubbio affascinante; la presenza di esseri umani senza volto, definiti dalle ombre che proiettano controluce, rende queste foto magiche e potenti. Se si priva un’immagine degli elementi riconoscibili infatti, che inevitabilmente portano l’osservatore al giudizio, al collegamento con la memoria, con le proprie opinioni, con i viaggi fatti, ciò che vediamo diventa archetipo di un’esperienza. 

null

Il singolo attimo catturato dal fotografo viene spogliato dalle implicazioni soggettive e diventa Momento, che ne sia protagonista una piroetta, la riva del mare, o il profilo dei grattacieli poco importa, è l’assoluto del tempo cristallizzato nella sua forma primigenia, antecedente al suo declinarsi in tutti gli accidenti e i casi del deperibile. Rimane li, in eterno, fermo ma in assoluto movimento. Il tempo che c’è da sempre, ma di cui non è trascorso neanche un secondo.
È la luce la chiave di lettura dell’opera di Pepper; il chiaroscuro che scandisce i volumi e le profondità, che divide tutto tra bianco e nero, tra ciò che è pesante e ciò che è leggero, che cesella linee guida e curvature improvvise. Si esce dalle sale senza riuscire ad avere una memoria differenziata di quello che si è visto, ma questo non è un male, anzi; un Momento non può essere scisso, è compatto e indivisibile, e nella mente tende a restare come sensazione di vissuto e non come colpo di retina.  

Valentina Martinoli
mostra visitata il 7 gennaio 

Dal 22 novembre al 18 gennaio 2017
John R. Pepper, Evaporations
Fondazione terzo Pilastro Museo - Palazzo Cipolla
Via del Corso 320, Roma
Orari: dal martedì alla domenica dalle 11.00 alle 19.00
Info: http://www.fondazioneterzopilastro.it
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Valentina Martinoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram