Fino al 3.III.2019 - Vincenzo Schillaci, Mike - Operativa arte contemporanea, Roma 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 3.III.2019
Vincenzo Schillaci, Mike
Operativa arte contemporanea, Roma

   
  Alessandra Caldarelli 
 
Fino al 3.III.2019 - Vincenzo Schillaci, Mike - Operativa arte contemporanea, Roma
pubblicato

Per la seconda volta gli spazi della Galleria Operativa Arte contemporanea ospita una personale di Vincenzo Schillaci, testimonianza viva di un agire scrupoloso che ha a che fare con l'azione del ripetere. Ripetere in maniera schematica, secondo un iter programmato. Ripetere come sinonimo di controllo ed evasione allo stesso tempo, tentativo di mettere in ordine la grandezza del pensiero e, contemporaneamente, volontà di lasciarla andare oltre i confini prestabiliti del dipingere, dello scolpire, del fare. 
Schillaci si riconferma essere un artista dall'animo caparbio e deciso, pragmatico e istintivo, un po’ come Mike, il galletto che dà il titolo alla mostra: privato della testa dal proprio padrone che desiderava mangiarlo, il celebre animale di varietà Wyandotte originario del Colorado riuscì a sopravvivere per diversi giorni nutrito dell'osso del collo mediante l'uso di un contagocce. Il suo gesto rispecchia perfettamente questa premessa: un'impetuosa stratificazione - e di senso e di materia - che trova il suo posto sulla superficie del quadro. Non un solo strato è però sufficiente e il fitto ispessimento racconta una storia, narra un significato seppur cancellandone le tracce allo stesso tempo. 

null
Vincenzo Schillaci, Mike, 2018, installation view at Operativa Arte Contemporanea, Rome Courtesy the artist and Operativa, Rome photo © : Sebastiano Luciano

I lavori di Vincenzo Schillaci partono da una composizione che prende le proprie basi dal canone di Policleto, dunque da un principio di forte razionalità e perfetto equilibrio. Eppure il risultato finale è la celebrazione brillante della materia, dove la pittura si tramutato come in strati di ruggine, di ossidazione. Il gesto è trattenuto nel perimetro del quadro, pronto ad esplodere da un momento all'altro: il colore raggiunge uno spessore strutturale di cui rimane testimonianza nei lati della tela, ove la storia del quadro si svela in tutta la sua storia, dal bianco grezzo privo di colore, passando per tutti i passi intermedi del racconto.
Non si tratta di quadri ‘monocromi', sarebbe uno sbaglio considerarli tali se si mette in conto che, come Schillaci stesso ha dichiarato più volte, i suoi sono stati prima di tutto quadri figurativi. Figurazione che scompare dietro la stratificazione del senso, dietro quell'accumulo di colore che resta visibile nell'invisibile, nell'impossibilità e nella mancata volontà di farne a meno. Eppure non si tratta di un processo di cancellazione, quanto piuttosto di evoluzione e completamento. 
La materia trova, solo formalmente, la sua dimensione nel confine geografico del quadro, ma si tratta di limiti non realmente esistenti, si tratta di confini effimeri che lasciano entrare, lasciano intravedere. La materia grezza non assomiglia più ai suoi livelli sottostanti, quella parte del racconto non è più visibile, eppure il fatto stesso di non essere perfettamente liscia e lineare la rende pregna di codici. Un risultato dunque sviluppato, contaminato, che offre un ponte di collegamento tra quello che il quadro era e quello che potrebbe ancora diventare in potenza, in uno stato di continua evoluzione. 

Alessandra Caldarelli
mostra visitata il 15 dicembre 2018

Dal 15 dicembre 2018 al 3 marzo 2019
Vincenzo Schillaci, MiKe
Operativa arte contemporanea 
Via del Consolato, 10 – 00186 Roma
Orari: dal mercoledì al sabato 16:30 - 19:30
Info: info@operativa-arte.com; www.operativa-arte.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alessandra Caldarelli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram