Finissage - Maziar Mokhtari Yellow Apocalypse - (galleria +) oltredimore, Bologna 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Finissage
Maziar Mokhtari Yellow Apocalypse
(galleria +) oltredimore, Bologna

   
 Finalista al Talent Prize 2013 e reduce dalla sua prima mostra in Italia. Parla Maziar Mokhtari intervistato in occasione della personale nei rinnovati spazi della galleria oltredimore Cristina Principale 
 
pubblicato
La nuova sede della galleria oltredimore ora (galleria +) di Bologna, ricontestualizzata nella zona della città chiamata Manifattura delle Arti, ha inaugurato a metà novembre ospitando la prima personale italiana di Maziar Mokhtari, artista iraniano in Italia dal 2004, finalista al Talent Prize 2013. 
La mostra intitolata Yellow Apocalypse è composta di recentissimi lavori fotografici e di un’installazione video site specific, armoniosamente ambientati negli spazi rinnovati della galleria, formalmente arredati in stile industrial. 
Le immagini limpide e luminose di Mokhtari ritraggono la sua città di nascita Esfahan vestita di giallo, come annuncia il titolo. 

Maziar Mokhtari, Yellow pilgrim in front of former textile factory (2013)

In continuità con il lavoro iniziato nel 2010 intitolato Palimpsest, in cui l’artista raffigura i muri dello spazio urbano ricoperti dello stesso giallo portando testimonianza video-fotografica della censura governativa che proprio attraverso il dominio incontrastato delle sfumature di questo colore prende forza nel suo paese, in Yellow Apocalypse è lui stesso che tinge oggetti e arredi intonando scene di quotidiana irrealtà. Giallo su giallo da intendersi come contrario alla grigia quotidianità, giallo come ciò che deve essere ben visibile.
Le sue composizioni fotografiche sono scenografie in cui immaginare la vita quotidiana e il movimento della città, sospesa però in una nuova visione metafisica. Ecco espletato uno dei compiti dell’artista, il quale fa in modo che lo sguardo cada laddove non si era mai guardato con attenzione estetica. Mokhtari inquadra pezzi di città, incorniciandoli e valorizzandoli anche grazie alla potenza del colore. «Giallo diventa muro: giallo muro e giallo semaforo: giallo traffico, dove giallo è il momento d’attesa tra il rimanere e l’andare, quando si ferma il respiro tra interno ed esterno, tra interno ed esterno come un muro: in limbo [...]» scrive il poeta iraniano Kayvan Tahmasbian, il cui testo accompagna la mostra, insieme a quello firmato dal curatore e critico italiano Eugenio Viola.
Ridipingere i muri per censurare e occultare come accade in Iran, intervenire sui muri a tua volta per interpretare spazi che ti sono appartenuti come emerge dalle opere; che legame hai con i luoghi descritti nelle tue immagini?
«Il legame nasce da una domanda sui muri di Esfahan che mi sono posto durante un viaggio nella mia città natale: perché Giallo? Questa domanda è il nucleo di partenza dei miei lavori, l’idea di una realtà che viene leggermente manipolata per essere scoperta. Il Giallo non è stata una mia scelta, é stata una mia scoperta. Il Giallo va oltre al colore in se stesso, creando una situazione gialla, a volte velenosa a volte dorata.»
Interventi appositamente costruiti e composizioni, tagli di inquadrature e aggiunte materiali dialogano con gli spazi pubblici nei tuoi "quadri video-fotografici”; che relazione c’è tra gli oggetti che scegli e le ambientazioni?
«Gli oggetti si trovano abitualmente nell’ambiente, qui vengono coperti con il colore del muro che sta dietro a loro. In questo contatto di colore nasce una città monocromatica, che proprio attraverso il giallo si svela nuovamente e si rivela in continuazione.»

Cristina Principale
mostra visitata il 15 novembre 2013

Maziar Mokhtari Yellow Apocalypse 
(galleria +) oltredimore 
Via del Porto 48 a/b, 40122 Bologna 
orari: martedì e mercoledì 14.30-19.30; giovedì e venerdì 12.00-20.00; sabato 11.00-19.00

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Cristina Principale
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram