fino al 15.IX.2006 - Max Neumann - Napoli, Mimmo Scognamiglio 3126 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 15.IX.2006
Max Neumann
Napoli, Mimmo Scognamiglio

   
 Volti impalpabili e scenari essenziali. Si succedono lungo sequenze silenziose. Neumann coglie la solitudine del suo tempo. E la esprime in una suggestiva ricerca cromatica… marianna agliottone 
 
pubblicato
Veri e propri archetipi letterari, costruiti sul motivo fondamentale dell’essere e dell’esistere. Per Max Neumann (Saarbruecken, 1949) la figura umana non è che una sagoma vuota ritagliata. Un testimone muto e solenne che attraversa la mostra e dice tutto, senza un gesto e senza bisogno di commento.
Alla sua terza personale nella galleria partenopea, l’artista tedesco presenta cinque dipinti che pongono l’osservatore al centro di un’atmosfera beffarda e surreale. Nelle sue vaste e solitarie tele il clima artistico e letterario del Novecento si rivela un punto di riferimento estremamente suggestivo: la sua ricerca è come una stretta di mano tra le forme pure e impersonali della scultura di Brancusi e l’atmosfera magica della pittura metafisica. È un immaginario quasi drammaturgico; fatto di volti che nascondono ironicamente la propria natura e, pur nelle loro forme così assolute ed essenziali, si offrono come metafora della presenza umana nel mondo.
Ieratici, stilizzati, appena umanizzati dagli abiti borghesi; ecco apparire ad uno ad uno i personaggi senza vita di un universo familiare, attuale, eppure stranamente inquietante. Del resto, il richiamo ad elementi di cultura italiana extrapittorica non è azzardato: il motivo dell’ombra, l’incomunicabilità, il tipo di personalità effimera fanno pensare al Nessuno di Max Neumann - Senza Titolo – 2005 - olio su tela cm.130 x 130 Pirandello; la scelta, quasi ossessiva, per un autore che ha fatto della perdita d’identità dell’uomo moderno il tema centrale della sua produzione.
Nel ricorso a simili fantasmagorie, dunque, Neumann realizza i suoi quadri: colti, raffinati, con un sentimentalismo ben padroneggiato e con una voluta equivocità che sembra al contempo turbare e deliziare. Ma sono anche i densi e sonanti rapporti di colore a risultare particolarmente felici nelle sue opere: campiture che, senza fusioni né sfumature, diventano struttura; tinte che, nonostante i segni marcati, rendono un continuum cromatico assoluto (attraverso la giustapposizione di toni rossastri e grigio-blu o con la gradazione di tinte chiare). Una sorta di equilibrio interno, increspato da mosse e torsioni bloccati al momento giusto e che rievocano un silenzio così arcaico da rendere la sua figurazione non solo narrativa ma anche simbolica e fortemente enigmatica.

link correlati
www.maxneumann.com

marianna agliottone
mostra visitata l’8 giugno 2006


Max Neumann
Mimmo Scognamiglio Arte Contemporanea, Via Mariano D’Ayala 6 (chiaia) –
80121 Napoli - info tel. +39 081400871 – orari dal lunedì al venerdì ore 15.30-19.00 - info@mimmoscognamiglio.com - www.mimmoscognamiglio.com


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di marianna agliottone
vedi calendario delle mostre nella provincia Napoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Brancusi, Marianna Agliottone, Max Neumann, Mimmo Scognamiglio
 

1 commento trovato 

10/07/2006
bzzz
bella mostra e bella recensione, parimenti colta e raffinata. piacevolissima combinazione.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram