fino al 28.VII.2006 - Davide Racca - Montesarchio (bn), Nuvole Arte Contemporanea 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 28.VII.2006
Davide Racca
Montesarchio (bn), Nuvole Arte Contemporanea

   
 L’albero come figura sovrana. In un intervento minimale. Una mostra che rimanda alla metafora e al mito. Rivelando territori romantici e misteriosi… marianna agliottone 
 
pubblicato
Laureato in filosofia, Davide Racca (Napoli, 1979) ha già esposto in Italia e all’estero in mostre personali: alla Galleria du Tableau di Marsiglia nel 2004 e al Real Museo di Mineralogia di Napoli nel marzo scorso; sviluppando una linea di ricerca ispirata al fascino della poesia e della narrazione.
Simbolo pregnante di significati, l’albero non è più protagonista dell’attuale vita cementata eppure lo è nella sua opera. Scegliendo come “motto” una frase di Bertolt Brecht (“Che tempi sono questi, in cui parlare d’alberi è un delitto quasi”) e attingendo alle sorgenti dell’antropologia, Racca supera la concezione illusionistica della pittura e dipinge, direttamente sulle pareti, grandi ulivi dal rilievo schiacciato e dalle masse appiattite.
Il colore è un rosso intenso ma arido. Ogni particolare descrittivo è eliminato. L’opera è simbolica e riecheggia un mondo intimo, sentimentale. Che irrompe nello scenario minimalista e, sullo sfondo di vibrazioni sonore (ronzii che potrebbero appartenere a cicale o mosconi), introduce il visitatore in un’atmosfera da fiaba popolare.
La mostra, proprio come il saggio di Ernesto De Martino, è intitolata La terra del rimorso e rinvia ad una riflessione sulla terra, la psiche e i ricordi ancestrali che ognuno porta dentro.
Davide Racca – La terra del rimorso
In effetti, la lunga banda verticale che attraversa gli ulivi, separando i tronchi dalle radici, suggerisce vari significati: il contatto saldo con la madre terra, il passaggio ad un mondo “sotterraneo”. Tutto è simbolo nella fantasia di questo giovane erudito della filosofia. E parla della crescita, della vita e della rinascita avvalendosi di un unico soggetto: l’albero.

marianna agliottone
mostra visitata il 2 giugno 2006


Davide Racca – La terra del rimorso
Nuvole Arte Contemporanea, Via IV Novembre - 82016 Montesarchio (bn)
orari: dal lunedì al sabato 9.00-13.00 / 17.00-20.00; domenica su appuntamento
info: tel. +39 0824835518 - e.mail: nuvolearte@virgilio.it


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di marianna agliottone
vedi calendario delle mostre nella provincia Benevento
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Bertolt Brecht, Marianna Agliottone
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram