fino al 5.XI.2006 - Timothy Greenfield-Sanders - Napoli, Museo di Capodimonte 3053 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 5.XI.2006
Timothy Greenfield-Sanders
Napoli, Museo di Capodimonte

   
 A Napoli, dopo cinque anni, torna ad esporre il più ricercato dei portrait photographer. Con i suoi vasti ed enigmatici ritratti e il suo spirito narrativo. In un percorso che alterna romanticismo e sensualità... marianna agliottone 
 
pubblicato
Faces and Names è la prima mostra di Timothy Greenfield-Sanders (Miami, 1952; vive a New York) in un museo italiano e presenta trenta ritratti realizzati dal fotografo americano tra la fine degli anni Settanta e oggi. Curata da Gianni Mercurio, l'esposizione è un conciso riepilogo di una vasta ricerca che celebra l’arte, il cinema, la musica e la politica in un deliberato progetto di “archiviazione” (e iconicizzazione) della contemporaneità.
Da Orson Welles a Nicole Kidman, da Francesco Clemente a Cindy Sherman, da Keith Haring a Mimmo Paladino, fino a George W. Bush, in questi ritratti è di precetto il rigore, un understatement estetico che coinvolge le ambientazioni, le luci e la gestualità. Allo stesso tempo però, gli sguardi tradiscono quel non so che vago e indeterminato che dona un'aura romantica ai soggetti. Nessun distacco, dunque, ma coinvolgimento: ogni scatto (come rivela il film-documentario Thinking XXX, in mostra al piano terra) ha un suo rituale, durante il quale l’artista crea una relazione diretta, conoscitiva, con i personaggi. Il centro focale delle foto sono, di solito, gli occhi; mentre tutto il resto è leggermente sfocato dai vecchi obiettivi di un'ingombrante macchina fotografica Fulmer&Schwing.
Nelle pose, qua e là, Greenfield-Sanders cita l’arte del passato (Paul Cezanne, Francisco Goya), facile da intravedere nei ritratti del ciclo XXX, 30 Porn Star Portraits. In queste opere l’utilizzo del colore (investito dalla medesima luce chiara e trasparente) sacrifica le raffinatezze chiaroscurali del bianco e nero. Ogni fanciulla è ritratta in due versioni, un'alternanza di candore e franca sensualità, di erotismo e castigata avvenenza. Heather Hunter, Jenna Jameson, Tera Patrick e Tawny Roberts si presentano trionfali, grandi e isolate su un fondale chiaro, astratto e monocromo.
Timothy Greenfield-Sanders, Veduta della mostra (XXX room), Napoli, Museo di Capodimonte
Il viso ammaliante sembra suggerire l’idea che in ognuna possano coesistere entità diverse, e persino antitetiche, della femminilità: “…accostare le due immagini”, afferma Mercurio, “equivale a creare un gioco di rimandi linguistici che mettono in dubbio, e al tempo stesso confermano, l’identità multipla dei soggetti. Le trenta pornostar ritratte da Greenfield- Sanders sono uno spaccato dell’umanità in tutte le sue sfaccettature e in tutti i suoi stili di vita, anche se la ‘lente’ dell’artista sembra in questo caso limitare il proprio campo visivo…”. Una visione dialettica, dunque, che pone in primo piano entrambe le facce del doppio, accogliendole in un’unica, intrigante identità.

articoli correlati
Intervista a Timothy Greenfield-Sanders
link correlati
www.greenfield-sanders.com
www.thinkingxxx.com

marianna agliottone
mostra visitata il 6 ottobre 2006


Timothy Greenfield-Sanders – Faces and Names
A cura di Gianni Mercurio - Museo di Capodimonte, via di Miano 1- 80100 Napoli  - Orario: tutti i giorni dalle ore 8.30 alle 19.30 (la biglietteria chiude un’ora prima); mercoledì chiuso. - Biglietti: mostra di Timothy Greenfield-Sanders/Museo: Intero 7.50 €; Ridotto (18/25 anni) €3.75; Gratuito (minorenni e over 65) - Info: 081 7499111- artina@arti.beniculturali.it
Libro-catalogo Skira Edizioni


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di marianna agliottone
vedi calendario delle mostre nella provincia Napoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Cezanne, Cindy Sherman, Francesco Clemente, Francisco Goya, George, George W. Bush, Gianni Mercurio, Goya, Keith Haring, Marianna Agliottone, Mimmo Paladino, Nicole Kidman, Orson Welles, Timothy Greenfield-Sanders
 

11 commenti trovati  

30/10/2006
clic
è proprio perché le ho viste che mi sono permesso di lasciare un commento... ovviamente. e davvero non capisco che cos'abbiano di eccezionale: né dal punto di vista tecnico, né sotto il profilo dell'invenzione... ripeto, mi sembrano molto banali, foto che chiunque dotato di una buona attrezzatura può fare. ora mi argomenti il tuo giudizio, per favore? cos'ha di tanto 'grande'? le luci, la composizione, l'ispirazione, la scelta dei soggetti, l'inquadratura?

29/10/2006
annibale, Italy
L'arte si è persa la pubblicita' no!
Tanto ,ma tanto Marketing Comunicativo!


29/10/2006
più rispetto
Ehi, non scherzare! Tomothy ha immortalato anche il nostro CARO DirettorTonelli :-)

29/10/2006
mammolo
figurati, se va in miniera lo cacciano via: quella è gente seria! piuttosto, mandiamolo a fare i calendari per i camionisti...

28/10/2006
mario, napoli
vatti a vedere le opere dal vivo e ne riparliamo.

27/10/2006
clic
mi spieghi cos'hanno di speciale? tirami fuori dalla camera oscura dell'ignoranza...

27/10/2006
marco n, torino
Due tette, due sguardi alla playboy spiccia, andate a lavorare voi che argomentate su queste cazzate.In miniera barboni.

27/10/2006
mario, napoli
E che vuol dire???
T.G-S. non è il più grande artista degli ultimi 30 anni ma, di certo, è un interessantissimo ritrattista.


27/10/2006
elio, palermo
nasce un artista ogni 20 anni.
e certamente non è lui.


26/10/2006
mario, napoli
ma non dir cavolate! alcune foto sono splendide

26/10/2006
clic
una mostra di una banalità deprimente

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram