fino al 24.II.2007 - Pittura elettrica #2 - Vitulano (bn), Giamaart Studio 3059 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 24.II.2007
Pittura elettrica #2
Vitulano (bn), Giamaart Studio

   
 L’energia della pittura? Ha il sapore dell’elettricità e un chiodo fisso: la contaminazione. Cinque artisti in bilico tra tradizione e tecnologia. E uno spirito interattivo che lascia spazio alla riflessione… marianna agliottone 
 
pubblicato
Negli ultimi anni, l’atto di comunione tra pittura e nuovi media si muove su confini sempre più incerti. Mentre la fotografia e le diverse forme di comunicazione elettronica hanno cercato di dare ai linguaggi più tradizionali nuovi input per rinnovarsi, la ricerca pittorica più recente si è lasciata intimidire dall’autorità delle immagini trasmesse dalla stampa quotidiana, dai video e dalle pubblicità.
In questo spinoso territorio di confronto Pittura elettrica approda al suo secondo appuntamento, col medesimo intento di riflettere sul valore della pittura in relazione alle potenzialità e ai segni provenienti dalla sfera della comunicazione massmediale. Il grosso della mostra si focalizza sulla figura umana: icone, stereotipi femminili e modelli comportamentali, che mescolano il linguaggio quotidiano e popolare a quello pittorico.
Una quasi totale identificazione con l’immagine fotografica si ha nei dipinti di Adriano Nardi (Rio de Janeiro, 1964; vive a Roma). Il suo è un repertorio iconografico assai familiare: quello trasmesso dalle pagine delle riviste di moda e dalle pubblicità. Le protagoniste sembrano ritagli trasferiti sulla tela e ‘abbelliti’ da un gioco di campiture astratte, colorate, sovrapposte all’immagine stereotipa della femminilità.
Ancora donne (calate in atmosfere un poco noir), al centro delle opere di Igor Verrilli (Benevento, 1969): forti contrasti di luci ed ombre, sfondi nerissimi rischiarati dai toni bianchi e grigi della pelle nuda. Un ideale erotico tutto tenebre e drammaticità ma alleggerito dall’ironia dei titoli (Quando scappa scappa!, Maronna mia, Lasciatemi grattare in pace).
Mauro Di Silvestre (Roma, 1968), invece, ricerca l’istantaneità e la flagranza dell’evento. Servendosi di realismo meticoloso come un trompe l’oeil, descrive l’atmosfera eccitante e fugace delle feste di compleanno. L’inquadratura, ravvicinata e incorniciata da un bordo bianco, ha il sapore delle foto ricoAdriano Nardi, Faglia arborea, 2005, olio su tela, cm 35 x 55. Courtesy Giamaart Studio rdo e sembra alludere al clima da cliché della società contemporanea.
Interessanti i dipinti di Angelo Bellobono (Nettuno, 1964; vive a Roma), oscillanti tra spontaneità espressionista ed un realismo di raffinata esecuzione. L’autore impiega inquadrature ravvicinate e modella il colore come fosse creta: neri e bianchi che si sovrappongono, qualche sfumatura dorata, e ombre azzurrine che accentuano la sfocatura e l’effetto deformante del soggetto. Una pittura più carica di soggettività, che punta lo sguardo sullo spettatore e lo attrae con la sua intensa emotività.
Infine (come già nel primo capitolo della rassegna), accanto ai dipinti è presentata un’opera di animazione, questa volta firmata da Silvano Tessarolo (Bassano del Grappa, 1956; vive a Tezze sul Brenta, Vicenza). L’artista ripropone le sue sculture (fatte con giocattoli, cartone e cera) in forma tridimensionale e realizza un surreale volteggio di ossa e muscoli. L’atmosfera sinistra dell’opera è sottolineata da un’ambientazione arida e sconfinata che diventa metafora dell’incertezza e della fragilità del reale.

articoli correlati
Pittura elettrica #1
Angelo Bellobono – Temporary civilization
Intervista a Mauro Di Silvestre
link correlati
www.angelobellobono.com
www.igorverrilli.com
www.adrianonardi.com

marianna agliottone
mostra visitata il 30 settembre 2006


Pittura elettrica (capitolo II)
GIAMAART STUDIO – via Iadonisi 14 - 82038 Vitulano [bn]
info tel/fax +39 0824 878665 - +39 338 9565828
orari: dal martedì al sabato 17.00-20.00 (possono variare, verificare sempre via telefono) - info@giamaartstudio.it - www.giamaartstudio.it

a cura di Lorenzo Canova

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di marianna agliottone
vedi calendario delle mostre nella provincia Benevento
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Adriano Nardi, Angelo Bellobono, Canova, Igor Verrilli, Lorenzo Canova, Marianna Agliottone, Mauro Di Silvestre
 

2 commenti trovati  

17/11/2006
lorè
ah sperà, ma fatte l'affarazzi tua!!!

17/11/2006
speranza
A' Lorè: secondo ed ULTIMO capitolo????


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram