fino al 3.VI.2007 - Giacinto Gigante - Napoli, Museo Pignatelli 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 3.VI.2007
Giacinto Gigante
Napoli, Museo Pignatelli

   
 A Napoli i colori di Giacinto Gigante. Insieme al fascino di paesaggi soleggiati e macchie di colore. Un viaggio tra natura, luci, suggestioni. Sul ponte gettato tra classicismo e sperimentazione… marianna agliottone 
 
pubblicato
L’anno appena concluso ha celebrato il bicentenario di Giacinto Gigante (Napoli, 1806-1876). Per l’occasione la Soprintendenza per il Polo Museale Napoletano –insieme all’affiatato team di Regione, Provincia e Comune- gli dedica una duplice rassegna: disegni (al Museo di Capodimonte) e circa centocinquanta dipinti ripescati da collezioni pubbliche campane e allestiti nei locali sotterranei del Museo Pignatelli.
Gigante è stato in testa al quel folto gruppo di “posillipisti” che nella Napoli della prima metà dell’Ottocento segnarono il passaggio dalla veduta documentaria, prospettico-topografica, ad un’interpretazione più romantica ed emozionale del paesaggio: l’ecologia mediterranea (in mostra Sorrento, Amalfi, Il Giardino Inglese a Caserta, Villa a Quisisana) e gli scorci urbani (che diventavano cronaca quando vi trascriveva date e note della Napoli di due secoli fa). Ma anche i ritratti e gli interni delle chiese napoletane (Duomo, Chiesa di San Giovanni a Carbonara, Ritratto del barbiere di corte, Domenico Morelli) sono dipinti con una pennellata vivace, fluida, che pone in secondo piano -senza abbandonarlo del tutto- il problema di contorni, della veduta prospettica, dell’equilibrio chiaroscurale rendendo protagonista la diversa reazione alla luce di ciò che è corposo e opaco (stoffe, isole, promontori) o mutevole e lucente (acqua, atmosfera).
Un pittura di paesaggio che tenta di svincolarsi dalle convenzioni, dunque, agevolata- paradossalmente- dall’essere considerata un genere minore. Questo fattore consentiva una maggiore libertà rispetto agli altri generi, certo, ma sull’impegno di Gigante nell’aggiornamento europeo della cultura artistica italiana occorre fare una riflessione, specie sulla definizione il Turner napoletano più volte citata nel materiale informativo sulla mostra.
Giacinto Gigante, Amalfi, Olio su carta incollata su tela, mm 310x520 (Sorrento, Museo Correale di Terranova)
Un semplice confronto tra le opere dei due autori, pertanto, può risultare illuminante: quando nel 1852 Gigante esegue Il Parco di Caserta oppure, nel 1855, Napoli dalla Conocchia, Turner aveva dipinto (già da un po’) Pioggia, vapore e velocità. E non guardava alla prospettiva, al disegno, all’armonia chiaroscurale, ma al paesaggio, con l’ansia di coglierne l’atmosfera e la luce esprimendola in un’esplosione informale di colori. Certamente, l’ampia produzione di Gigante resta un’occasione per ammirare la sua grande padronanza tecnica e coloristica, la ricerca di quei chiarori soleggiati e flagranti (colti felicemente in Tramonto a Caserta) che i locali e, soprattutto, i pannelli espositivi troppo scuri di Villa Pignatelli tuttavia non lasciano esprimere appieno.

marianna agliottone
mostra visitata il 16 dicembre 2006


I colori della Campania. Omaggio a Giacinto Gigante. A cura di Nicola Spinosa
Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes - via Riviera di Chiaia 200 – 80121 Napoli - Orari: tutti i giorni 9.00 – 14.00 (martedì chiuso) - Info: singoli e gruppi adulti 848800288 – cellulare ed estero 0639967050 – scuole 848800288
fax +39 08119720473 - e–mail: ufficioscuola@lineadarte.it
Biglietti: mostra e museo euro 5.00 (intero) euro 4.00 (ridotto)
Catalogo Electa Napoli euro 30


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di marianna agliottone
vedi calendario delle mostre nella provincia Napoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Domenico Morelli, Giacinto Gigante, Marianna Agliottone, Nicola Spinosa, Turner
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram