Fino al 27.X.2013 - Gilmour & Mathis. L'arte contemporanea incontra l'industria - Genova, ... 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 27.X.2013
Gilmour & Mathis. L'arte contemporanea incontra l'industria
Genova, Palazzo Ducale – Liguria Spazio Aperto

   
 Lo scultore inglese e la fotografa americana si misurano con l'Italia produttiva, offrendoci due personali letture del made in italy d'autore. Artistiche, ma anche molto concrete  andrea rossetti 
 
pubblicato
Scrive Luca Beatrice: «che cosa accomuna un industriale e un artista? Per entrambi vale una regola fondamentale: essere creativi». Considerazione valida e condivisibile, rimarcata in occasione dell'opening di Gilmour & Mathis. L'arte contemporanea incontra l'industria, mostra nata con la cooperazione congiunta di più teste pensanti e prolifiche, dal curatore Beatrice all'industriale (produttore di componenti per nautica) Bruno Guidi, ai fratelli Marco e Giacomo Camuffo, titolari degli omonimi cantieri navali. Il perno di tutto però sono ovviamente due artisti, diversi e sintonici, lo scultore Chris Gilmour (Stockport, 1973; vive e lavora a Udine) e la fotografa Jill Mathis (San Antonio, Texas; vive e lavora in Italia). 

Chris Gilmour – Motorboat – 2013 – cartone riciclato e colla – m 5,50 x 2,50 – courtesy l'artista

Gilmour è meticoloso fino all'eccesso, attento nel trasferire su cartone riciclato le forme di oggetti simbolo della produzione industriale, dalla Fiat 500 alla Lambretta. A Genova, in concomitanza col salone nautico, in mezzo a Guidi e Camuffo, la sua ultima creazione non poteva che essere Motorboat, piccolo (si fa per dire) yacht in scala 1:1 (il dimensionamento realistico è l'altra peculiarità spiazzante delle sue creazioni); un magico lavoro di attenzione al particolare e di pulizia nella sagomatura verosimile di un materiale tecnicamente improprio quanto imperante, col quale Gilmour è capace persino di restituire la consistenza morbida di una seduta seguendo un rapporto massa-volume quasi neoclassicista. E quando l'arte incontra l'industria del settore nautico ci si può permettere di giocare non solo con forme e materiale, ma anche con la logica che impone una debita distanza tra cartone e ambientazione acquatica, e che nella pratica rende ancor più inservibile un oggetto-scultura nemmeno potenzialmente collocabile nel contesto a lui più consono. 
L'opera di Gilmour è quindi un doppio feticcio, un totem puramente rappresentativo, bello, perfetto e accattivante, ma in nessun modo fruibile, né come opera in sé né come oggetto che riproduce. Motorboat è e rappresenta a tutti gli effetti l'essenza più classica e autentica della statuaria contemporanea. 
Complementare a quello di Gilmour è il lavoro fotografico di Jill Mathis ambientato nei cantieri Camuffo, alla ricerca di un racconto logico-iconografico pertinente e organico in sé stesso. Il suo interesse per la mano lavoratrice non è bloccato alla soddisfazione estetica, piuttosto - complici anche le grandi dimensioni degli scatti esposti - appare come un pressante obbligo ad interpretare quel mondo fatto di uomini e produzione, dove dettaglio simbolico e caratteristica semplicemente soggettiva possiedono il medesimo valore descrittivo. Lavorando sulla differenza tra soggetto e contesto, tra fuoco e fuori fuoco, Mathis mette in correlazione fisicità e gesto, gesto e mestiere, scava nell'epidermide per trarne espressività pura, appassionandosi senza mezzi termini anche alla peluria sintetica di un guanto da lavoro. 
Alle opere di Gilmour e Mathis fanno da spalla due video del regista Alberto Nacci, altro protagonista di questo connubio "industrial-artistico”, che puntano sul ritmo delle immagini (sottolineate da un perfetto commento musicale) per focalizzare gli artisti in piena fase creativa, riportando i loro lavori ad una formulazione tra prenatale e in fieri costellata di risvolti poetici.

Andrea Rossetti
mostra visitata il 2 ottobre 2013


dal 3 al 27 ottobre 2013
Gilmour & Mathis. L'arte contemporanea incontra l'industria
a cura di Luca Beatrice
Palazzo Ducale – Liguria Spazio Aperto
Piazza Matteotti 9 – (16123) Genova
Orario: da lunedì a domenica, ore 11 - 19
Info: +39 010562046  

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di andrea rossetti
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram