Fino al 22.X.2014 - Marco Lodola & Jill Mathis. Nuovo Mecenatismo: immaginare il futuro - ... 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 22.X.2014
Marco Lodola & Jill Mathis. Nuovo Mecenatismo: immaginare il futuro
Galata Museo, Genova

   
 La strana coppia dell'arte contemporanea. Personalità, ruoli e capacità molto differenti, ma con un obiettivo comune: rileggere il presente per costruire il domani  andrea rossetti 
 
Fino al 22.X.2014 - Marco Lodola & Jill Mathis. Nuovo Mecenatismo: immaginare il futuro - Galata Museo, Genova
pubblicato
L'industria nautica, settore per clienti d'élite, e l'arte contemporanea, universo accessibile anche a chi una "barchetta” non se la può permettere. La prima, penserete voi, non ha certo grandi esigenze di merchandising, né pressanti vocazioni stylish, quelle che invece spesso la seconda - ad esempio in campi che vanno dall'abbigliamento al design funzionale - riesce a fronteggiare in scioltezza. 

Marco Lodola – Surfin' bird – 2014 – perspex, led e pellicole adesive – cm 350x225x35 – courtesy l'artista – photo Marcella Milani

C'è però chi questa logica di pensiero l'ha sbaragliata già da qualche tempo, nella convinzione che la produzione nautica e quella artistico-contemporanea possano compenetrarsi e crescere di pari passo. È la Guidi, azienda fabbricatrice d'impiantistica per natanti, che anche per il 2014 non fa mancare la sua entrata a capofitto nel visuale contemporaneo, supportata dal "cavallo di battaglia” Jill Mathis (San Antonio, Texas; vive e lavora in Italia) e dalla new entry Marco Lodola (Dorno, 1955; vive e lavora a Pavia). Con l'occasione di "Lodola e Mathis. Nuovo mecenetismo: immaginare il futuro” riuscirete perciò a capire quanto viti, bulloni, tubi e pezzi di raccordo - tra l'altro oggetti che difficilmente vedrete al loro posto anche salendo in barca - possano entrare a far parte dell'immaginario artistico collettivo. 
Una doppia personale curata da Ivan Quaroni, dove i due si dimostrano in sintonia forse più di quanto si possa pensare. Innanzitutto Mathis, la fotografa che secondo Quaroni «dà agli oggetti una dimensione scultorea»: così è, le sue immagini sono di un'immediatezza estetica incredibile, quasi dei trompe l'oeil tesi a riscrivere ogni particolare nella sua corretta volumetria. Bulimica la ricchezza di forme e textures, utile a creare altalenanti situazioni percettive, che vanno da un ammasso di piccole borchie ritratte a mo' di perfetto accumulo in stile minimal, al moto instabile - più che bloccato potenzialmente ancora in divenire - di tubi sovrapposti studiati nella loro consistenza. Una descrizione di prodotto arbitraria e accurata fin nei minimi dettagli, sapida nei riverberi di luce su superfici assorbenti quanto nella brillantezza cromata di piccoli pomoli, quest'ultimi pronti a restituire l'immagine di Mathis all'azione come fosse un pattern. 
Altra nota di valore la presenza sparsa di blu e rossi accesi, incursioni a vocazione pop tutt'altro che marginali se a spalleggiare il lavoro della fotografa texana è lo spirito indefessamente pop di Lodola. Potete amarlo o odiarlo, tanto l'artista della bassa padana rimane fedele a sé stesso, l'uomo che dall'innesto tra pop art e fauvismo ha fatto nascere un idioma visivo tutto suo, subito riconoscibile e adatto a tutte le età. Un creativo a garanzia di presa sul pubblico, specie quando il suo mondo scultoreo, plasticoso e colorato s'illumina di tubi led aggrovigliati, farcia - o più poeticamente anima - per un grosso involucro di perspex sagomato a forma di futuribile scafo. Surfin' bird è cento per cento Lodola, simpatico e delizioso nei coloratissimi dettagli adesivi simili ai vecchi "trasferelli”, mentre raffreddano ogni velleità giocosa - e creano il giusto contrasto - i componenti cromati come il bocchettone del carburante, preso pari pari dalla produzione di serie. Operazione contemporanea e avveniristica per un Lodola qui particolarmente capace secondo Quaroni nel «dare realtà ad un'idea». E, aggiungiamo noi, piazzarci di fronte un futuro dinamico e colorato, che non guasta mai.

Andrea Rossetti
mostra visitata il 2 ottobre 2014 


dal 2 al 22 ottobre 2014
Lodola e Mathis. Nuovo mecenetismo: immaginare il futuro
a cura di Ivan Quaroni
Galata Museo del Mare
Calata de mari 1 – (16126) Genova
Orari: tutti i giorni, ore 10 – 19.30

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di andrea rossetti
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram