Fino al 15.IX.2017 - Gianni Politi, Mary Zygouri, Campostabile/Stefania Zocco - Moon, Cast... 3131 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 15.IX.2017
Gianni Politi, Mary Zygouri, Campostabile/Stefania Zocco
Moon, Castello di Carini

   
  Giuseppina Vara 
 
Fino al 15.IX.2017 - Gianni Politi, Mary Zygouri, Campostabile/Stefania Zocco - Moon, Castello di Carini
pubblicato

Nel 1154, anno in cui Ruggero II moriva, Al-Idrisi terminava il suo famoso libro Kitab Rugiar (Il Libro di Ruggero). In questo il geografo parlava di un castello di recente costruzione, l’antico maniero di origini arabo-normanne che dall’alto di una rocca dominava il borgo fortificato ai suoi piedi, oggi cittadina alla periferia di Palermo, Carini. All’interno delle cinte della fortezza, ai piedi del monte Saraceno, il mare a tramontana, tra torri, merli e pinnacoli, si annidano avvenimenti e racconti in una miscellanea di vicende intrise di verità storiche e dettagli leggendari legati alla morte della nota Baronessa di Carini. 
Al di là delle mura medievali che un tempo tracciavano l’antico borgo, grazie a un progetto a cura di Daniela Bigi, Giuseppe Buzzotta e Gabriella Ciancimino, nasce Moon, centro d’arte contemporanea che in qualche modo contribuisce ad apporre superfici epidermiche alla stratificazione storica e architettonica del castello, in una traiettoria fortemente tesa verso il contemporaneo. Questo luogo misterioso protende le sue radici siciliane verso il panorama internazionale, divenendo terreno d’incontro per la ricerca di artisti italiani e stranieri e innescando un dialogo fervido che si serve dell’arte, dei plurimi linguaggi della contemporaneità per rimarcare la sua identità e lo stretto rapporto con il territorio e la comunità locale.

null
Campostabile, Varie dal kilometro classico, installazione

Le sale del piano terra sono interstizi di confronto tra artisti emergenti nel panorama siciliano e la greca Mary Zygouri. Varie dal kilometro classico è l’installazione site-specific del duo Campostabile e di Stefania Zocco. Le immagini fotografiche di tessuti del duo, incastonate in una composizione cristallizzata o isolati in frammenti declinati in piccola scala, sono l’esito di un’attenzione per il dettaglio che riecheggia nel minuzioso lavoro di S. Zocco. L’artista ragusana ripercorre con un sottile tratto disegnato le venature delle mura, sovrapposizioni o mappature di una storia architettonica che progredisce per stratificazioni, per particolari e tracce. Il senso della storia diventa disseminazione o coaguli di elementi grafici sottili e quasi impercettibili. L’esilità del segno e la sua inafferrabilità, il carattere modulare e ripetitivo del tratto di Zocco sono riequilibrati dal codice linguistico dirompente di Mary Zygouri, legato invece alla tangibilità della performance e alle tematiche sociali sviscerate in "videoallegorie” del complesso rapporto dell’uomo con il potere.
Gianni Politi, trascorso un mese di residenza in Sicilia, reinterpreta l’immaginario pittorico evocato dagli affreschi del castello ripartendo dal dettaglio cromatico e dalle variazioni tonali distintive delle quattro stagioni, per innestare un dialogo modulato non solo con lo spazio, ma anche con il capillare intervento di restauro che negli ultimi dieci anni ha interessato l’edificio. Nel piano nobile, ai piedi di affreschi più o meno lacunosi, i dispositivi pittorici di Politi (Vussurìa) rievocano antichi teleri, dipinti murali "mobili” o staccati dalla superficie, intonaci scollati, patine di colore discontinue. Le grandi quinte del contemporaneo artigiano di corte creano un ambiente che attiva una dicotomica temporalità: storica e retroattiva da un lato, dall’altro connessa a una dimensione oscillante tra il visibile e qualcosa di ancora inconfessato che trapela dagli squarci aggettanti del lino. 
Lo spirito di Moon sembra essere la risposta a quella locuzione esortativa inscritta nel portale marmoreo del piano superiore dove, tra due fenici rinascenti dalle fiamme, è sancito "Et nova sint omnia”. Tutto sia rinnovato.

Giuseppina Vara
mostra visitata il 3 agosto

Dal 15 luglio al 15 settembre 2017
Gianni Politi, Vussurìa; Mary Zygouri, Allegorical Humanities; Campostabile/Stefania Zocco, Varie dal kilometro classico
Moon, Castello di Carini
Corso Umberto I, Carini (PA)
Orari: dal lunedì al venerdì 09:00-13.00/15:00-19:00, sabato 15:00-24:00
Info: www.mooncontemporary.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Giuseppina Vara
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram