Arte per il XXI secolo 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Arte per il XXI secolo

   
 Raccontare l’arte italiana. Quella delle ultime generazioni. Attraverso una collezione di opere, tra pittura, scultura, fotografia, installazione e nuovi media. Tra continuità storica e suggestioni future. È la raccolta del Ministero degli Esteri… Maria Cristina Bastante 
 
pubblicato
L’idea –coraggiosa e sicuramente interessante- è quella di nucleo in continua crescita e aggiornamento. Lo diresti osservatorio se la parola non fosse vittima di una certa usura mediatica. Così la collezione di arte contemporanea del Ministero degli Esteri dedicata alle ultime generazioni –curata da Lorenzo Canova- presenta il suo primo insieme di opere: si tratta –nella quasi totalità- di lavori in comodato secondo una formula che prevede un continuo ricambio / accrescimento. Sorella dell’altra collezione della Farnesina, composta da opere storiche del ‘900 italiano (tratteggiando un percorso che va dal Futurismo, alla Pop Art, all’Arte Povera e Concettuale), questa prima parte della collezione si attesta lungo un limite cronologico che fissa al 1969 la data di nascita degli artisti invitati. Potrebbe apparire in parte una scelta opinabile o quantomeno restrittiva, ma si tratta di un termine che verrà a cadere dal prossimo anno. E –intanto- è un modo per costruire un collegamento tangibile tra l’ultima parte della collezione ammiraglia e le generazioni successive.
simone racheli, transdomestico, 2000
Sul criterio di scelta sembrerebbe dominare la varietà di mezzi: pittura (che comunque fa la parte del leone), video, fotografia, scultura e installazione, accostate, però, seguendo un preciso solco, da un lato una possibile linea di continuità, dall’altro l’incidenza dei nuovi media, l’impatto della tecnologia, le ibridazioni e gli scambi, a volte imprevedibili. Che la pittura attinga più o meno tranquillamente da un immaginario composito è dato più che conclamato, così come la permeabilità tra tagli marcatamente fotografici, immagini pescate nella rete e reminescenze in qualche modo classiche o del tutto atemporali. Stesso discorso –per quanto riguarda la molteplicità di fonti, riferimenti- si può fare per la scultura (che sceglie soluzioni installative, che si avvale di nuovi materiali, ma che non dimentica –ad esempio- l’old classic della ceramica) e, rovesciando, i termini le stesse analogie possono servire per spiegare il rapporto che lega fotografia e fonti pittoriche (se non per soluzioni formali, molto spesso per la costruzione dell’immagine). Meno presente, in collezione, il video, che pure si presterebbe ad un interessante intreccio di suggestioni e riferimenti.
marco neri, passaggio,1999
Si delinea così un orizzonte eterogeneo, ma coerente nell’orchestrazione di richiami e di rimandi: dal paesaggio –fotografato (Olivo Barbieri o Raffaella Mariniello) o dipinto (Marco Neri, Andrea Aquilanti, Marco Petrus, Pietro Capogrosso…) o in video (Stefano Cagol)- agli interni spiazzanti di Gioacchino Pontrelli (presente con un bel lavoro, René), agli oggetti molli di Loris Cecchini (qui la soft door socchiusa e afflosciata, della serie Stage Evidence). Dalla verve caustica di un Bazan in forma (Aedus: con una famigliola affatto rassicurante davanti alla TV) o a quella visionaria di Fulvio Di Piazza o Luca Matti o Marco Colazzo.
E ancora, rarefatte declinazioni non figurative (Roberto Pietrosanti, Carlo Bernardini) accanto alla figurazione monumentale (Stefania Fabrizi) o al racconto intimo (Daniele Galliano, Marta Dell’Angelo). Alla lunga –e forse non è un caso- però sembra vincere l’ironia. Da Ivana ritratta a mezzobusto come una dama del quattrocento fiorentino (Paolo Schmidlin), alle armi –qui un elmo- à la page di Antonio Riello, alla statuaria anni ’30, rivisitata da David Fagioli, agli arcinoti topi di Silvano Tessarollo, al Transdomestico -in cui ogni riferimento è assolutamente non casuale- di Simone Racheli.

mariacristina bastante


Arte del XXI secolo, a cura di Lorenzo Canova
giugno 2003 – settembre 2004
artisti invitati: Marisa Albanese, Marco Anelli, Andrea Aquilanti, Olivo Barbieri, Matteo Basilè, Alessandro Bazan, Carlo Bernardini, Paolo Bresciani, Stefano Cagol, Pietro capogrosso, Luigi Carboni, Gea Casolaro, Loris cecchini, Chiara, Elvio Chiricozzi, Marco Cingolati, Sarah Ciracì, Marco Colazzo, Gianfranco d’Alonzo, Francesco De Grandi, Marta Dell’Angelo, Fabrice de Nola, Alberto Di Fabio, Fulvio Di Piazza, Stefania Fabrizi, David Fagioli, Daniele Galliano, Alessandra Giovannoni, Federico Guida, Francesco Impellizzeri, Massimo Livadiotti, Raffaella Mariniello, Andrea Martinelli, Tommaso Massimi, Luca Matti, Rosetta Messori, Pino Modica, Daniela Monaci, Adriano Nardi, Marco Neri, Roberto Pace, Daniela Papadia, Fabrizio Passarella, Marco petrus, Roberto Pietrosanti, Piero Pompili, Gioacchino Pontrelli, Pierluigi Pusole, Simone racheli, Antonio Riello, Sara Rossi, Massimo Ruiu, paolo Schmidlin, Roberto Lucca Taroni, Alessandra Tesi, Silvano Tessarollo, Francesca Tulli, Alberto Vannetti, Velasco, Nicola Verlato


[exibart]



 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Maria Cristina Bastante
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Adriano Nardi, Alberto Di Fabio, Alberto Vannetti, Alessandra Giovannoni, Alessandra Tesi, Alessandro Bazan, Andrea Aquilanti, Andrea Martinelli, Antonio Riello, Carlo Bernardini, Daniela Monaci, Daniela Papadia, Daniele Galliano, David Fagioli, Elvio Chiricozzi, Fabrice de Nola, Fabrizio Passarella, Federico Guida, Francesca Tulli, Francesco De Grandi, Fulvio Di Piazza, Gea Casolaro, Gioacchino Pontrelli, Impellizzeri, Lorenzo Canova, Loris Cecchin, Loris Cecchini, Luca Matti, Luigi Carboni, Marco Anelli, Marco Colazzo, Marco Neri, Marco Petrus, mariacristina bastante, Marisa Albanese, Massimo Livadiotti, Massimo Ruiu, Matteo Basilè, Nicola Verlato, Olivo Barbieri, Paolo Bresciani, Paolo Schmidlin, Pierluigi Pusole, Piero Pompili, Pietro Capogrosso, Pino Modica, Raffaella Mariniello, Roberto Pietrosanti, Rossi, Sara Rossi, Sarah Ciracì, Silvano Tessarollo, Simone Racheli, Stefania Fabrizi, Stefano Cagol, Velasco
 

2 commenti trovati  

01/02/2005
eccola
http://64.233.183.104/search?q=
cache:A54-MRcpveQJ:www.exibart.com/
notizia.asp%3FIDCAtegoria%3D61%26ID
Notizia%3D10446+%22Arte+del+XXI+secolo%
22&hl=it


31/01/2005
Rosetta Messori

gentile redazione, scrivo perchè sono inserita nella collezione della Farnesina , vedi articolo,
ma digitando su google NON compare la pagina dell'articolo. Prima c'era , poi è stata tolta , perchè ??
verificate . grazie rosetta messori
Arte del XXI secolo, a cura di Lorenzo Canova
giugno 2003 – settembre 2004
artisti invitati: Rosetta Messori, ecc.....


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram