fino al 30.IX.2004 - Massimo Festi / Matteo Farolfi / Etienne Zerah - Genova, Galleria Pas... 3205 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/10/2018
Dopo 25 anni la statua di Zeus in trono torna a Baia
20/10/2018
Notturni da Chopin a Carlo Mattioli. All’Auditorium di Parma, concerto dedicato all’artista
20/10/2018
Il Sub-Marine di Giusva Pecoraino approda a Palermo

+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 30.IX.2004
Massimo Festi / Matteo Farolfi / Etienne Zerah
Genova, Galleria Passo Blu

   
 Corpo e immagine. Tre artisti un fil rouuge che li unisce. L'utilizzo del digitale. Per evocare la materia dipinta, per raccontare claustrofobiche visioni. O per accostare i tasseli di una nuova realtà... Daniela Mangini 
 
pubblicato
Uno sguardo, un cromatismo, un effetto quasi tattile si legano in un osmosi che cattura lo spettatore. Con Mixed Media Massimo Festi (n. 1972) ripropone attraverso la tecnopittura la sensazione delle pennellate, rappresentando paesaggi interiori che non nascono da un viso, ma che rendono quel viso elemento significativo. La percezione di ruvidezza si accompagna ad un volto segnato e pensoso, lo sguardo intenso nell’Ulisse ci raggiunge attraverso l’intensità del viola con una trama fatta di segni determinati, a tratti violenti. La stampa mimaki su pvc, con l’esaltazione dei colori che ne deriva, rende ancora più emotivo l’impatto con le opere. Diverse identità o momenti intimi si aprono ai nostri occhi, che ne apprezzano le sfumature. 017_AUTOSCATTOTRIBUTE_AGAIN
Se con Massimo Festi i lineamenti umani vengono caricati di tutto il loro spessore, in uncommonpop di Matteo Farolfi (n. 1972) l’immagine umana viene svuotata, banalizzata, decontestualizzata. Qui l’attenzione viene catturata non più dagli sguardi ma dai sorrisi, abbondanti e inutili. Non più visi, ma facce che spuntano in un melting pop fatto di scritte, disegni, fotografie, ritagli della nostra società. Qui l’evocazione non riguarda più mondi privati ma richiama ad un anima collettiva fittizia e artificiale. Le tecniche utilizzate dall’artista sono le più varie: collage, digitale, transfer, pittura ad olio. E’ soprattutto attraverso quest’ultima che emerge l’inquietudine di Farolfi e la sua visione claustrofobica della società.
La fotografia è invece la tecnica espressiva di Etienne Zerah (n. 1977), artista emergente sul quale Federica Barcellona e la sua galleria puntano molto. Con Zerah il corpo umano, quasi sempre maschile, armonioso, efebico, diviene esso stesso materiale da plasmare, tela su cui imprimere la propria simbologia. Si tratta di performance di cui la fotografia diviene tramite. Anche Zerah comunica attraverso l’elaborazione digitale, come nel trittico il giornalista, un’immagine degna delle pubblicità di Calvin Klein a cui si sovrappone l’orrore del sangue e dei cadaveri, il ritratto di una bellezza molle disturbata dalla turpitudine della morte.

articoli correlati
dig.IT.alia, proposte dal pianeta digitale
link correlati
www.massimofesti.com
www.matteofarolfi.it


daniela mangini


Festi/Farolfi/Zerah – Galleria Passo Blu spazio d’arte e d’avanguardia reale e virtuale, Via Cairoli 1 rosso, Genova
tel 010.2518567 e-mail: info@passoblu.it  www.passoblu.it  
orario: da lun a ven 10:00-13:00 16:00-19:30 sabato e domenica su appuntamento
biglietti: ingresso libero
curatrice Federica Barcellona


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Daniela Mangini
vedi calendario delle mostre nella provincia genova
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Calvin Klein, Massimo Festi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram