architettura_biennale 2004 - Maybe… Kinshasa - Venezia, Giardini di Castello 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

architettura_biennale 2004
Maybe… Kinshasa
Venezia, Giardini di Castello

   
 Succede in una Biennale che fa della metamorfosi la cifra del nuovo millennio, che il leone d’oro lo vinca l’allestimento dedicato ad una città senza architettura. Succede ed è successo. Così il Padiglione del Belgio racconta Kinshasa. Crocevia di tanti mondi… nicola davide angerame 
 
pubblicato
Può sembrare paradossale, ma fuori dalle consuetudini dell’Occidente può avvenire che una città senza architettura, come Kinshasa, si faccia emblema di una specificità non assimilabile agli schemi urbanistici della mondializzazione. L’indagine sulla capitale dell’ex Congo belga, che ha garantito il Leone d’Oro al padiglione del Belgio, ne è un mirabile esempio. Qui l’analisi proposta dall’antropologo Filip De Boeck, in collaborazione con la fotografa Marie-Françoise Plissart, mostra una megalopoli organizzata in modo spontaneo, incentrata su di un potente immaginario collettivo e nutrita degli avanzi di una modernità d’importazione.
Video, fotografie, interviste ed un libro (di Filip De Boeck, Kinshasa. Tales of the Invisible City, Ludion 2004) servono a narrare l’identità di una città post-coloniale africana come tante, che dopo l’indipendenza è precipitata in conflitti, etnici e politici, finalizzati al controllo delle risorse.
Ciò ne ha impedito lo sviluppo, ma non la crescita. L’architettura, intesa come arte della costruzione, è stata sostituita da una nuova estetica, segnata dalla decadenza degli spazi urbani e dalla sape: la progettazione architettonica del corpo attraverso il body-building e la danza. Kinshasa non è costruita con vetro, acciaio e cemento, ma con muscoli, sudore e superstizioni, dentro una temporalità apocalittica affermata da una religione che annuncia la fine del mondo. La megalopoli è in realtà un megavillaggio organizzato intorno ad un immaginario collettivo portentoso, dove “l’unità infrastrutturale primaria è il corpo umano”. Lo spazio mentale condiviso si nutre di credenze animiste, di teleprediche, di tele-esorcismi e del commercio delle indulgenze chiamate icasticamente “sementi”. “La gente – dice De Boeck - semina gioielli, macchine e case per ottenere un miracolo, un lavoro, una guarigione o un biglietto per il paradiso”.
Kinshasa, the Imaginary City Marie-Françoise Plissart Untitled, 2000, 165x165 cm
Antenne televisive usate come stendipanni, carcasse d’auto cannibalizzate e lasciate in strada come sculture d’arte povera sono alcune immagini di un paesaggio fatto di cimiteri, discariche e tetti in lamiera, sotto i quali arrancano stanchi mercati privi di ogni bene. Le abitazioni coloniali somigliano alle vicine baracche ed i muri imbiancati dei negozi gestiti dalle “Chiese del risveglio”, attraggono l’attenzione con slogan come: “tu dai a Dio e Dio darà a te”. Eppure la città continua a vivere.
Le soap opera nigeriane, la paura dei morti viventi o i bambini stregati, esorcizzati e respinti in strada dalle proprie famiglie, rappresentano alcuni dei fenomeni quotidiani di massa di una città in cui la vita si intreccia con la morte. Il suo respiro è quello asfissiato del fiume Congo, sulle cui sponde si erge un’architettura fantastica, dove le navi sono trasformate in baraccopoli ed i mercati sfruttano i nuovi straordinari ibridi della tecnologia del rifiuto. Patchwork ancora miracolosamente funzionanti, avanzi di una civiltà scomparsa, fagocitata dalla nuova ed antica architettura, senza architettura sulla quale poggia la vita di una città con sei oppure otto milioni di abitanti. E questo, nessuno lo sapeva.

nicola davide angerame
mostra visitata il 21 settembre 2004


12 settembre - 7 novembre 2004
Padiglione del Belgio
IX Biennale di Architettura
Giardini, Venezia
ore 10.00 - 18.00 (tutti i giorni)
Informazioni Ufficio Stampa:
Tel. 041 5218846 / -716 - Fax 041 2705975
e-mail infoarchitettura@labiennale.org  
Biglietti Intero: 12 €
Ridotto: 10 €
Under 26 e studenti: 7 €
su Internet: biglietteria ondine
Come raggiungere la mostra Linee ACTV 1/51/61/82/41 da Piazzale Roma e Ferrovia
fermate: Arsenale; Giardini
Servizi per il pubblico info point
presso Padiglione Venezuela ai Giardini
Visite guidate
Catalogo
ediz. italiana: Marsilio (3 volumi) 50 €
ediz. inglese: Rizzoli New York (3 volumi) 75 $


[exibart]


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di nicola davide angerame
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Nicola Davide Angerame
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram