fino al 27.II.2005 - Gunter Brus - Bologna, GAM 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 27.II.2005
Gunter Brus
Bologna, GAM

   
 Solo il corpo. Come una tela su cui intervenire. Come intenzione ed evento. Così Gunter Brus e gli Azionisti Viennesi davano scandalo, nei primi anni ’60. E anticipavano la Body Art. Una retrospettiva racconta il virtuoso dello squilibrio… greta travagliati 
 
pubblicato
E’ l’Austria aristocratica e perbenista dei primi anni ’60 a far esplodere in Gunter Brus la necessità di scandalizzare, sovvertendo i canoni culturali e di conseguenza anche artistico-espressivi. Egli traspone tutta la violenza della reazione dal quadro al suo corpo, usato come una tela tradizionale, colorato e martoriato, in quel bisogno incessante di esprimere l’Informale. Non di darvi forma ma semplicemente di attuarlo, atteggiamento anti—artistico che non può non ricordare quello dei costruttivisti o dei dadaisti della prima generazione.
Il mio corpo è l’intenzione. Il mio corpo è l’evento. Il mio corpo è il risultato” dice. Scrive sul suo diario: “…non devi mai formulare un programma…la pittura è aperta e contraddittoria, come la vita, e non si lascia imprigionare dai programmi”. Dell’Azionismo Viennese, di cui fu il protagonista più radicale, ha rappresentato l’elemento esistenzialista.
Inizialmente furono azioni di autopittura, come Ana (1964), dove il tentativo di dipingere il corpo suo e di sua moglie sfociava però in un irrefrenabile bisogno di colorare tutti gli oggetti e le pareti della stanza. Poi la necessità d’espressione prende sempre più il sopravvento, e lo portava ad azioni ogni volta più provocatorie e al limite della follia, del suicidio: si fascia e sporca il corpo, lo ricopre di oggetti affilati, defeca in pubblico e si autolesiona. Dagli anni ‘70 inizia invece a pensare azioni tanto violente da non poter più essere realizzate: le illustra minuziosamente in immagini con tanto di Günter Brus Aktion „Ana“, 1964 Silbergelatinepapier Foto: Helmut Khasaq © Günter Brus didascalie. Inizia quindi un’intensa attività letteraria, in cui i temi sadomasochistici sempre più inopportuni sono rigorosamente correlati ad illustrazioni grottesche. Anche i quadri, espressivi come quelli di Schiele, onirici quanto quelli di Redon, iniziano lentamente a traboccare di frasi, fin a che l’iconicità scompare e solo il titolo rende ragione a schizzi violenti ed enigmatici che impregnano la tela.
In un certo senso io non ho mai abbandonato l’azionismo, così come lo intendevo” spiega.” Ancora oggi lavoro in sedute che assomigliano molto allo svolgimento delle azioni. Ciò che è cambiato è il palcoscenico su cui avviene lo spettacolo”.
Così Viaggio intorno all’opera è il programmatico titolo scelto da Brus stesso per la retrospettiva, che non potrebbe trovare migliore realizzazione se non alla GAM di Bologna, struttura circolare e sufficientemente ampia da poter ripercorrere tutto il cammino effettuato dall’artista. Dalle numerose foto delle Azioni effettuate negli anni ’60, agli studi delle stesse, e poi alla svolta iconografica, documentata da quadri e libri. Per una più esaustiva comprensione della mostra, alla fine della stessa è proiettato un video con le riprese di alcune Azioni dell’artista e le analisi di alcune sue opere.
Attuate o solo ideate, le azioni di Brus hanno un comune denominatore che le distingue e le caratterizza come arte profondamente contemporanea: come sostiene Lea Vergine nel libro Body Art e storie simili, il corpo come linguaggio (Skira) “…dopo le scoperte freudiane gli artisti sentono la necessità di mostrare tutte le loro debolezze fisiche e psichiche…di demolire le convenzioni di decenza da cui dipende la grande menzogna, lacerare lo schermo posticcio che separa il pubblico dal privato”.” Perché “Ogni latrina è salotto, ogni salotto è latrina”.

greta travagliati
mostra visitata il 16 dicembre 2004


Gunter Brus. Viaggio intorno all’opera. Una retrospettiva dal 1960 al 1996
Galleria d’Arte Moderna, Bologna in collaborazione con Albertina Vienna
Piazza della Costituzione,3 (zona fiera)
tutti i gg 10-18, ch Lun.
ingresso:euro 4. Ridotto:Euro 2
www.galleriadartemoderna.bo.it
catalogo: Verlag der Buchhandlung Walter Kònig, Cologne

[exibart]


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di greta travagliati
vedi calendario delle mostre nella provincia bologna
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Dem, Freud, greta travagliati, Gunter Brus, Lea Vergine, Schiele
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram