fino al 22.IV.2005 - Alex Pinna – Equilibri - Torino, Ermanno Tedeschi Gallery 3048 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
I capolavori degli Uffizi, raccontati dalle voci degli attori
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 22.IV.2005
Alex Pinna – Equilibri
Torino, Ermanno Tedeschi Gallery

   
 Una trilogia. Pensata però come unico progetto, da subito. Ma realizzata in tre momenti, in tre spazi, e addirittura in tre città diverse. Ognuna con ulteriori possibili sviluppi, a volte inaspettati, comunque narranti la storia esistenziale dell’uomo… daniela trincia 
 
pubblicato
Lo spunto è nato dall’uscita del catalogo monografico: l’attività artistica di Alex Pinna (Imperia, 1967; vive a Torino) degli ultimi dieci anni. Rileggendo tutti i suoi lavori, si è preso così l’occasione di individuare anche quelli più rappresentativi, quelli che hanno sviluppato un certo percorso creativo e narrativo, e che sono perciò testimoni delle sue intime riflessioni. Sono nate in questo modo le precedenti mostre di Terni (Hombre, 2004 - Galleria Ronchini) e di Genova (2Con, 2005 - Galleria Guidi&Schoen). Ed ora Equilibri, di Torino, conclusiva della trilogia.
Pur ri-conoscendole, le opere di Pinna suscitano sempre quel senso di stupore, che nasce dal loro essere sculture a metà tra il possibile e l’impossibile, tra il verosimile e l’inverosimile. E allora eccoli: il “funambolo” (Alias, 2000) che in in-stabile equilibrio, cammina sulla sua esile corda, che taglia per intero tutta la galleria, sospesa nel nulla; il “trapezista” (Alias 2004) che si lascia penzolare nel vuoto; o “l’equilibrista” (Equilibrio 2004), che riesce a stare in verticale sulla testa su una perfetta sfera. E di nuovo l’uso di diversi materiali: la corda, l’acciaio, il bronzo, il marmo, il plexiglass, la ceramica. Con in più, in alcuni casi, l’intento di impreziosire: una foglia d’argento applicata sulla resina.
Anche questa è stata per l’artista una nuova scoperta, perché il risultato ottenuto è assolutamente ambiguo, perché una volta finita, non è più resina, non sembra più neanche una scultura. Finita è qualcos’altro.
Alex Pinna
Pinna ha abilmente “giocato” con tutto lo spazio della galleria, anche quello meno visibile, più nascosto. Come ad indicare che alcune cose preziose sono spesso velate. Una traslata critica all’attuale sistema, dove la comunicazione è molto esplicita, dichiarata, quando invece a volte si vorrebbe subire il fascino di un pizzico di mistero. Sembra, in definitiva, esserci un po’ la conclusione della sua riflessione: l’uomo può tutto. Può essere solo, in coppia, sul limite o sicuramente sdraiato.
Mentre la mostra di Terni è stata sentita dall’artista come quella più innovativa, più unitaria, con ancora molto forte il concetto del contenuto e del racconto, questa di Torino gli ha dato la consapevolezza che c’è ancora molto da sviluppare, soprattutto in termini di eleganza, di equilibrio, di una certa sottigliezza delle linee e delle forme. E come spesso accade, questa riflessione è stata una sorta di illuminazione, avuta a fine allestimento della mostra. Inaspettata e improvvisa, come tutte le idee. Infatti, seppur a Torino ancora è forte il racconto, “ho avvertito che c’è ancora molto da sviluppare in termini di forma, di cosa vuol dire la scultura di per sé, di sconcettualizzarla” spiega Pinna. E allora aspettiamo i nuovi risultati.

articoli correlati
Alex Pinna in mostra a Genova
La mostra di Terni

daniela trincia
mostra visitata il 2 aprile 2005


Alex Pinna – Equilibri, Emanno Tedeschi Gallery, via carlo ignazio giulio 6 (porta palazzo), 10122 torino
orario dal martedì al sabato 11.00-13.00, 16.00-20.00, ingresso libero, t 011 4369917, f 011 4357632 e info@etgallery.it - www.etgallery.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di daniela trincia
vedi calendario delle mostre nella provincia Torino
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alex Pinna, Daniela Trincia, Ermanno Tedeschi, Guidi, Schoen
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram