Il Genio di Palermo 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il Genio di Palermo

   
 E tre. Il "Genio di Palermo", l'apertura degli studi degli artisti, giunta al terzo anno consecutivo, segna un punto importante per la città e gli artisti che vivono a Palermo   
 
pubblicato
La manifestazione, ideata da Eva di Stefano, che ne è curatrice con me e Ida Parlavecchio, ha visto quest'anno una particolarità, ovvero l'attribuzione di premi e ateliers per artisti, su indicazione di una prestigiosa giuria (Yves Aupetitallot, Magasin di Grenoble, Luca Massimo Barbero, Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia, Susan May, Tate Modern, Londra, Petra Joos, Guggenheim di Bilbao, Ursula Krinzinger dell'omonima galleria viennese, Gerald Matt della Kunsthalle di Vienna, Thierry Ollat degli Ateliers d'Artistes di Marsiglia, Antonio Presti della Fiumara d'Arte, Catania, Sergio Risaliti di Palazzo delle Papesse di Siena).
Le tre iniziali borse di studio, durante i giorni della manifestazione, sono addirittura raddoppiate, per espresso desiderio della giuria entusiasta.
Il Premio Genio di Palermo, che vedrà il "materializzarsi" di un singolare progetto fotografico, è andato a Domenico Mangano, ventiquattrenne studente dell'Accademia di Belle Arti, vincitore anche di un Atelier a Marsiglia, mentre il Premio Fiumara d'Arte, la realizzazione di una stanza d'artista, è stato attribuito a Francesco Simeti. Per gli ateliers, vincitori sono anche Rocco Carlisi al Kunstlerhaus di Amburgo, Croce Taravella e Mari Caramia al Tacheles di Berlino, mentre Alessandro Di Giugno e Marilena Sardina saranno ospiti degli atelier per il programma del Ministero della Cultura viennese.
Per cinque giorni la città ha vissuto intensamente uno speciale rapporto con la creatività, e i 38 studi aperti fino a mezzanotte hanno creato un labirinto intrigante, composto da persone e architetture, animando così vicoli e palazzi, tra storia attuale e memoria del passato. Molti i dibattiti, le opinioni, i pareri a volte anche contrastanti. Ed è stato emozionante scoprire che il filo che tutti cercavano era quello dell'arte contemporanea, adesso più visibile e meno nascosto. Un'esperienza professionale e umana che certamente ha insegnato molto, e che ha indicato una strada, quella della stabilità, che speriamo non tardi a giungere, magari sotto forma di una Agenzia per l'arte, ipotizzabile punto di riferimento per artisti e operatori culturali.

Paola Nicita



Dal 13 settembre 2000 al 17 settembre 2000
Il genio di Palermo. Studi aperti degli artisti, terza edizione. Palermo, centro storico

Articolo correlato
Il Genio di Palermo, servizio di Ugo Giuliani


[exibart]



 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alessandro Di Giugno, Antonio Presti, Croce Taravella, Dem, Domenico Mangano, Eva di Stefano, Francesco Simeti, Gerald Matt, Ida Parlavecchio, Luca Massimo Barbero, Paola Nicita, Petra Joos, Sergio Risaliti, Susan May, Yves Aupetitallot
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram