arteatro_contaminazioni - Masque Teatro - Bologna, Teatri di Vita 3134 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

arteatro_contaminazioni
Masque Teatro
Bologna, Teatri di Vita

   
 Sinfonia per cinque corpi. Giovani criminali sprofondati nel buio di una prigione. Masque Teatro, tra sadismo e sensualità, racconta la tensione che sfocia dall’essere ferocemente contro... giorgia sinicorni 
 
pubblicato
Un’architettura fatta di ferro arrugginito, acciaio, fango e filo spinato ospita i corpi seminudi degli attori di Masque Teatro. La compagnia romagnola, i cui membri fondatori Catia Gatelli e Lorenzo Bazzocchi, rispettivamente sociologa e ingegnere, si è contraddistinta fin dai primi anni Novanta per una tensione verso la materia e l’atto scenico del costruire. Anche in questo ultimo lavoro, Il ragazzo criminale -presentato nella stagione invernale dei Teatri di Vita di Bologna- la scena è completamente occupata da una struttura abitativa, una macchina scenica su due piani, composta da celle e da un cortile immaginario. Ciò che s’impone allo sguardo, più che la rappresentazione di una prigione vera e propria, è l’evocazione di possibili luoghi di reclusione, mentale, fisica e spirituale. Qui, separati da tre livelli di filo spinato, i corpi si muovono in una quasi totale solitudine, intrecciando una partitura muta di gesti provocatori in bilico tra una sensualità mai risolta e un’attitudine sadica: una donna usa del rossetto per tracciare una croce sulla propria coscia, un’altra fa pipì in terra, un uomo si spoglia e, nascosti i genitali tra le gambe, si infila rose rosse nel pube.
L’ impeto che sorregge i gesti, la nudità dei corpi esposti, la loro dimensione forzatamente erotica si trasforma, sotto il peso dell’isolamento -di fatto solo immaginato- in autoerotismo, e quindi in una forma di compiacimento. Mentre il riferimento alla violenza cieca della coppia di serial killer descritta da Rainer Werner Fassbinder in Pre-paradise sorry now sembra porsi solo come antefatto rispetto all’azione scenica, questo compiacimento autoerotico ci riconduce, molto più chiaramente, alla scrittura caustica di Jean Genet, al suo testo scritto per la radio e mai messo in onda Il giovane criminale.
Una scena dello spettacolo di Masque Teatro
Qui, lo scrittore francese polemizzava contro l’atteggiamento paternalistico della classe borghese, che avrebbe voluto fare di ogni minorenne chiuso in riformatorio un individuo da redimere. Egli rivendicava una loro, e una propria in quanto anch’egli ex minorenne recluso, autonomia e superiorità ideologica e spirituale. Nelle sue parole il giovane, che ha commesso il delitto, insegue il rigore, l’eroismo a tutti i costi, il male quale estrema opposizione alla mediocrità e al conformismo borghese. Ecco quindi che i corpi in scena si mostrano fieri a chi li guarda e sembrano davvero muoversi sul filo delle parole genettiane “saremo la materia che resiste, senza la quale non ci sarebbero artisti”. La pratica della scena, talvolta correndo il rischio di un eccessivo ripiegamento su sé stessa, si confonde con quella della vita: il rigore, celebrato dal giovane criminale, è anche quello che da sempre contraddistingue la compagnia forlivese, la resistenza del recluso è anche quella di un gruppo che non ha mai scelto di inoltrarsi per sentieri facilmente percorribili.

link correlati
www.masque.it 
www.ecn.org/filiarmonici/genet.html

giorgia sinicorni
spettacolo visto il 21 gennaio 2006


masque teatro – Il ragazzo criminale
ideazione e regia: Lorenzo Bazzocchi
suoni e luci: Red, Andrea Basti, Lia Pari
scene: Eleonora Sedioli, Lia Pari, Maria Cossu, Andrea Basti
con Federica Cangini, Eleonora Sedioli, Caterina Cidda,
Lorenzo Bazzocchi, Maria Cossu, Catia Gatelli
Teatri Di Vita - via emilia ponente 485 - Bologna
Tel. 051.566330 -
www.teatridivita.it

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di giorgia sinicorni
vedi calendario delle mostre nella provincia Bologna
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Giorgia Sinicorni, Jean Genet, Lorenzo Bazzocchi, Masque teatro, Rainer Werner Fassbinder
 

1 commento trovato 

13/02/2006
koshka
Sono bravissimi, folli e geniali! Auguro loro di diventare presto la risposta italiana alla Fura dels Baus

trovamostre
@exibart on instagram