fino al 21.VII.2006 - Alex Pinna - Milano, Ciocca Arte Contemporanea 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 21.VII.2006
Alex Pinna
Milano, Ciocca Arte Contemporanea

   
 Cosa se ne fa l’arte del corpo umano? Alex Pinna pensa, risponde, e a volte non capisce. Il cuore è arcobaleno, colori che sospendono sculture in terracotta. Il fegato è dolore, ricoperto da più strati di giacche... ginevra bria 
 
pubblicato
L’arte usa il corpo dell’artista come un balcone in prestito, un tramite, un punto panoramico per vedere, vedersi e infine rivelarsi. È dunque l’arte stessa a fornire gli strumenti che legano l’estetica alle doti della componente umana, perché non è il corpo a scegliere le proprie attitudini, ma semmai il contrario. E Alex Pinna (Savona, 1967; vive a Milano) questo lo sa bene. Lo scultore prende spazio alla Galleria Ciocca e ripropone alcuni punti in sospeso, quelli che ancora, alcune volte, non era riuscito a capire. Quelle domande che da dentro hanno preso forma per poi uscire diverse, ben al di là dei propri punti interrogativi, oltre le cose che non si capiscono.
Pinna ha una formazione da disegnatore, anche se da alcuni anni sperimenta la scultura, riproponendo, come topos stilistici, filiformi figure antropomorfe. L’aspetto interessante di queste raffinate peregrinazioni è l’attenzione ai materiali. L’artista nel tempo ha riprodotto le proprie ombre allungate, annodandole con cordame, plasmandole con la cera e, negli ultimi anni, lavorandole con la terracotta smaltata.
La scultura esposta alla Galleria Ciocca, segue il filone degli altiforni, creando, però, effetti più carezzevoli del solito. Chi entra, infatti, trova a soffitto un telaio di fili di lana in cinque colori diversi, dai quali pendono funamboli bianchi in ceramica. Sono circa centocinquanta piccole statue modellate in posizioni diverse, sono esseri che riprendono la morfologia umana, scardinandone il sembiante.
In Cuore, questo è il titolo dell’istallazione site specific, il circo e le sue memorie entrano in gioco colorando l’aria e la stanza che la contiene. Passando, come a voler percorrere queste figure appese, infatti, l’ambiente si ispessisce e restituisce la suggestione del primo impatto. Inutile aggiungere, dunque, che rimanere a pancia in giù sotto un cielo del genere potrebbe fornire la giusta prospettiva di un’arte che crea, e, per un attimo, torna a battere l’aria, leggera.
Alex Pinna, Cuore - 2006 - Lana e ceramica - Courtesy Ciocca arte contemporanea
Tra il repulsivo e il coinvolgente rimane, infine, anche Fegato. Un essere marmoreo dalle sembianze appena abbozzate nasconde le sue allungatissime deformità sotto più strati di vestiti umani. Il messaggio di Pinna, in questo secondo caso, sembra essere di natura diversa dal precedente, mostrando con maggiore inquietudine le freddezze ricoperte e nascoste del trovarsi, in un certo senso, fuori misura.

articoli correlati
Alex Pinna a Genova
Personale a Terni

ginevra bria
mostra visitata il 12 maggio 2006


fino al 21.VII.2006 - Alex Pinna – A volte penso che non capisco
Ciocca Arte Contemporanea, Via Lecco 15 - 20124 Milano
Orari d’apertura: dal martedì al sabato, dalle 14.00 alle 19.30
Ingresso libero – tel. 02.29530826, gallery@rossanaciocca.it
www.rossanaciocca.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di ginevra bria
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alex Pinna, ginevra bria
 

7 commenti trovati  

14/06/2006
TOPO GIGIO
Il caro Alex è uno dei pochi artisti che pur non valendo nulla son sempre nelle situazioni interessanti... ma cosa farà mai a galleristi e curatori? Mah...

26/05/2006
sandrin
la galleria perugi ha una scuderia mista.
alcuni veramente bravi e altri vermante banali.
non date la colpa soltanto a pinna.
poverino gia' deve convivere con il suo lavoro.
io lo venderei in quelle fiere etniche tra un tamburo e un essenza ma state attenti agli incensi che sono cancerogeni.


23/05/2006
carlo brandi
Da quando non collabori più con la galleria perugi, non ne indovini una.

22/05/2006
RAI_QUATTRO
... nel vuoto!

20/05/2006
Kapo
Pinna lasciali perdere.....
Sei bravissimo!
Però devi fare il salto.......


20/05/2006
c.a.s.a., italia
ancora i giacometti da rinascente?
basta sei un flop!


19/05/2006
tigermoon
pinna sono diversi anni che ci propini questa roba.
forse è il caso che cambi mestiere.
un tuo vecchio estimatore.


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram