fino al 15.II.2007 - Fuoriuso 06 - Pescara, Ex Mercato Ortofrutticolo 3059 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/06/2018
Apertura straordinaria per il Teatro antico di Taormina, visitabile anche la notte
22/06/2018
Dr.Dre firmerà il film sulla vita di Marvin Gaye
22/06/2018
Il romanzo “Le streghe” di Roald Dahl arriverà sul grande schermo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 15.II.2007
Fuoriuso 06
Pescara, Ex Mercato Ortofrutticolo

   
 Surrealtà, Anomalia, Assurdità, Luogo comune, Grottesco. In un frastornante e caotico insieme. Sovraccarico e frenetico. Ruota intorno all’uomo e alla sua percezione della realtà la 17° edizione di Fuori Uso... Cristina Petrelli 
 
pubblicato
Una singola figura avvolta in ampi panneggi, isolata in uno spazio non delimitabile, si muove all’indietro compiendo gesti rapidissimi e innaturali. Tre loop video Le banc, Le passage, Le tourniquet costituiscono il lavoro di Christelle Familiari (Niort, 1972), che con l’uso di un rigoroso bianco e nero e un montaggio magistrale comunica un’atmosfera straniante e surreale. La surrealtà, da intendersi come stato percettivo alterato, come allucinazione, emerge fortemente come caratteristica principale dell’edizione 2006 di Fuori Uso, che si svolge, anche quest’anno, presso l’ex Mercato ortofrutticolo.
Se si pensa all’opera di Saverio Lucariello (Napoli, 1958; vive a Marsiglia) Mama, mi gratta il cubo, dove una parrucca di capelli sintetici appesa ad un ventilatore sfiora con un’estremità, nel suo ruotare, la superficie dorata di un cubo, si capisce come sia la percezione sensoriale, e principalmente quella tattile e visiva, ad essere costantemente stimolata. E nelle opere degli artisti invitati questo aspetto si fonde spesso con l’assurdità dell’intervento. Come nel lavoro di Attila Csorgo (Budapest, 1965), che costruisce in modo artigianale lampade che si basano su originali meccanismi rotanti. L’artista, oltre ad installare in mostra uno di questi macchinari, Spherica Vortex, ha esposto anche tre fotografie nelle quali riprende le figure luminose che queste lampade creano con il loro movimento.
Ma più che verso l’assurdo, la maggior parte degli interventi presenti tende verso il sovraccarico, l’iperdecorato, il multisensoriale. Come nell’installazione con neon, specchi di sorveglianza e adesivi di Gunilla Klingberg (Stoccolma, 1966).
Christelle Familiari, Le Banc, loop video 2004
Viene, dunque, ad emergere apertamente come l’artista non sia il creatore di qualcosa di inesistente, ma un abile assemblatore che, per dirla con le parole dei curatori, Nicolas Bourriaud e Paolo Falcone, “ritaglia pezzetti di discorso nel grande flusso del parlare sociale, decodifica il fluire, lo photoshoppa, lo post produce, lo evidenzia”.
Un modo di operare che è alla base dei collage di tessuto, specchi o carta di Justin Lowe (Dayton, Ohio, 1976; vive a New York) nelle stampe di Kelley Walker (1969, Columbus, Georgia; vive a New York) e chiaramente anche nel Baroque Fractal di Ludovica Gioscia. Ma se tali lavori manifestano gli Altered States del titolo tramite una visione frastornante, stratificata, sovraccarica, altri artisti li esprimono con una maggiore sobrietà, controllo e attenzione formale. Pervaso da una sensazione liquida, di fluidità e leggerezza, è ad esempio il video Nucleorama di Vidya Gastaldon (Besançon, 1974) e Nathalie Rebholz (Atene, 1978), mentre Emese Benczur (Budapest, 1969), con l’uso di light box e zanzariera, inscena un sottile gioco ottico. Mutevoli e delicate le opere, ad acquerello di cenere su tela, di Luca Vitone (Genova, 1964), il video di Matteo Fato (Pescara, 1979), composto da ben 561Attila Csorgo, Spherical Vortex, 1999 disegni, e l’installazione costituita di collant di Madeleine Berkhemer (Bergen op Zoom, Olanda, 1973).
Sempre attento alle tendenze più attuali, nazionali e internazionali, l’evento ideato da Cesare Manzo, si è soffermato quest’anno sul confine tra normalità e anomalia, componendo un efficace affresco dell’attuale società. E così ad esprimere il luogo comune e le fantasie collettive riesce bene il lavoro di Liz Cohen (Phoenix, Arizona, 1973), mentre la sregolatezza e l’angoscia emergono nel grande murale del gruppo Gelitin (Vienna), che tra disegni e fotografie non consente pause o mediazioni e precipita nell’osceno e grottesco.

articoli correlati
Fuoriuso 2005

cristina petrelli
mostra visitata il 16 dicembre 2006


Dal 16.XII.2006 al 15.II. 2007
Fuoriuso ‘06 – Altered States
ex Mercato ortofrutticolo, Lungomare sud, Pescara. A cura di Nicolas Bourriaud e Paolo Falcone. Evento organizzato dall’Associazione culturale ArteNova – Fuori Uso.
Info 085297206 – 0854221688 - www.fuoriuso.it - info@fuoriuso.it
artisti presenti: Roberto Ago, Emese Benczur, Anca Benera, Madeleine Berkhemer, Mircea Cantor, Liz Cohen, Attila Csorgo, Daniela D’Arielli, Christelle Familiari, Matteo Fato, Vidya Gastaldon e Nathalie Rebholz, Ludovica Gioscia, Piero Golia, Barthi Kher, Gunilla Klingberg, Gelatin, Michael Lin, Justin Lowe, Saverio Lucariello, Henrik Plenge Jakobsen, Kendell Geers, Sergio Sarra, Subreal, Janaina Tschape, Luca Vitone, Kelley Walker


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Cristina Petrelli
vedi calendario delle mostre nella provincia Pescara
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Anca Benera, Attila Csorgo, Barthi Kher, Cesare Manzo, Christelle Familiari, Cristina Petrelli, Emese Benczur, Gelitin, Henrik Plenge Jakobsen, Justin Lowe, Kelley Walker, Kendell Geers, Liz Cohen, Luca Vitone, Ludovica Gioscia, Matteo Fato, Michael Lin, Mircea Cantor, Nicolas Bourriaud, Paolo Falcone, Piero Golia, Roberto Ago, Sergio Sarra, subReal, Vidya Gastaldon
 

Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram