fino al 25.II.2007 - L’immagine sottile 01 - Monfalcone (go), Galleria Comunale 3091 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 25.II.2007
L’immagine sottile 01
Monfalcone (go), Galleria Comunale

   
 La tecnica primigenia che ancora seduce. Dodici artisti, molti dei quali giovanissimi, entrano in una collezione pubblica con lavori su carta. Che spaziano dalle visioni cariche di suggestioni infantili al progetto razionale… daniele capra 
 
pubblicato
Il disegno, una pratica che la modernità e la tecnologia dalle magnifiche sorti e progressive avrebbero potuto relegare ai margini, come ancella della pittura o come pratica accessoria, di semplice notazione di idee o di bozzetto preparatorio. Ma così non è stato, e dalla fine degli anni Ottanta (e mai come nell’ultimo lustro) abbiamo assistito ad un fiorire di artisti che utilizzano proprio la carta come medium prediletto. Si riferisce a questo il titolo della mostra, L’immagine sottile, alludendo tanto alla levità del segno quanto alla leggera consistenza del supporto. In mostra sono i lavori che la Galleria di Monfalcone, per il secondo anno, ha acquisito come proprio patrimonio.
Il più giovane degli artisti è Matteo Fato (Pescara, 1979), che ha sviluppato un tratto a china molto asciutto che molto deve alla tradizione orientale della pittura di ideogrammi, anche per quanto riguarda la realizzazione del soggetto staccando il meno possibile il pennello dal foglio. Molto più discorsivo il segno di Ericailcane (che cela la propria identità con un pseudonimo, di lui sappiamo che è nato a Belluno), che realizza con la china una tenera scimmietta, ma è soprattutto protagonista di un delizioso intervento murario di grandi dimensioni nell’atrio della galleria: animali esotici in gilet suggeriscono un’atmosfera circense di festa, volano nell’aria cantando, come sottolineato dalle sillabe del fantasioso alfabeto che esce dalle loro bocche.
Sissi (Bologna, 1977) ritaglia da una cartolina la sagoma di una farfalla che avvolge con del metallo, e utilizza invece il collage in Approdi, risemantizzando la roccia disegnata con mille ritagli di giornale che pubblicizzano gioielli. Le suggestive radici arboree di Dacia Manto (Milano, 1973) ricordano molto le terminazioni neuronali, con la continua trasmissione di stimoli elettrici tra le sinapsi, mentre i lavori di Nico VascellariAnila Rubiku, Urban Pornitecture, tecnica mista su carta velina, cm 150x117 (Vittorio Veneto, 1976), tra i quali si distingue A Great Circle Logo, con una manciata di coriandoli serigrafati, sono molto meditati, lontani dal furore elettrico che caratterizza le sue performance.
Ozmo (Pontedera, 1975) sceglie un lavoro sui simboli, intersecando le silhouette di S.Michele e il drago (non quindi come la tradizione San Giorgio), trovate sul web. Acutamente il disegno è stato poi tagliato in quattro e disposto a terra, coperto da un vetro, rendendo solo intuibile la figurazione. Totalmente astratti i collage di Stefano Calligaro (Cividale del Friuli, 1976), che ama giocare con le trame geometriche, creando una sorta di sculture tridimensionali su carta in cui la prospettiva viene continuamente ribaltata. Andrea Mastrovito (Bergamo, 1978) disegna La Bella Moccaccina mentre legge, ma dà il meglio di sé nella personale nella project room della galleria. È invece molto suggestiva la tecnica mista Urban Pornitecture di Anila Rubiku (Durazzo, Albania, 1970), in cui vari strati visivi, con tanto di falli in erezione e pubi femminili, si sovrappongono a disegni architettonici realizzati su carta velina. Mentre è parsa fuori luogo, per un fatto anagrafico (e non certo per il valore delle opere), la presenza di artiste come Norma Jeane (Los Angeles, 1962) e Bruna Esposito (Roma, 1960) tra un gruppo di artisti nati tutti negli anni Settanta, e in qualche modo rappresentanti della generazione dei nuovi talenti.

articoli correlati
Calligaro a Padova
Ericailcane a Firenze
Il disegno postmoderno di Mastrovito
Dacia Manto a Caserta
Ozmo a Milano in coppia con Abbominevole

daniele capra
mostra vista all’inaugurazione il 15 dicembre 2006


L’immagine sottile 01. Le nuove acquisizioni della Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone - a cura di Andrea Bruciati
catalogo disponibile
(opere di Stefano Calligaro, Ericailcane, Bruna Esposito, Matteo Fato, Norma Jeane, Dacia Manto, Andrea Mastrovito, Ozmo, Perino & Vele, Anila Rubiku, Sissi, Nico Vascellari)
Monfalcone (Go), Galleria Comunale d’Arte Contemporanea, Piazza Cavour 44 (centro città)
da martedì a venerdì 16-19, sabato e festivi 10-13, 16-19
ingresso libero - attività didattiche e visite guidate gratuite a cura di Eva Comuzzi
per informazioni tel. 0481 494369, fax 0481 494352
galleria@comune.monfalcone.go.it
www.comune.monfalcone.go.it/galleria


[exibart]



strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di daniele capra
vedi calendario delle mostre nella provincia Gorizia
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Andrea Bruciati, Anila Rubiku, Bruna Esposito, Dacia Manto, Daniele Capra, Ericailcane, Eva Comuzzi, Mastrovito, Matteo Fato, Nico Vascellari, Norma Jeane, Ozmo, Perino, Stefano Calligaro, Vittorio Veneto
 

1 commento trovato 

12/02/2007
daniele capra
Nell'articolo ho inavvertitamente omesso di parlare del lavoro di Perino&Vele. Me ne scuso con i lettori e gli autori.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram