fino al 9.III.2007 - Elena Arzuffi - Milano, Galleria Ciocca 3135 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 9.III.2007
Elena Arzuffi
Milano, Galleria Ciocca

   
 Sei video, ambientati in una rassicurante dimensione domestica, ci raccontano una storia dalla morale inquietante. Dietro ogni azione quotidiana c’è un’esistenza che scorre (via)... elisabetta castellari 
 
pubblicato
L’installazione modifica in modo funzionale lo spazio arricchendolo di una dimensione accogliente e intima. Tra le pareti ricreate di un salotto borghese, sei televisori trasmettono senza interruzione immagini sincroniche. Figure stilizzatissime attendono sugli schermi alle proprie faccende domestiche.
Arte e vita sono le parole d’ordine del lavoro di Elena Arzuffi (Bergamo, 1965), che investe la pratica artistica di un compito sociale: quello di digerire l’esistenza restituendone le ansie nascoste e i bisogni quotidiani. Protagonisti assoluti dei video sono i disegni che l’artista stessa realizza e anima sovrapponendovi fogli di carta da lucido che sfumano i movimenti dei personaggi. Una tecnica artigianale che viene alternata, in fase di montaggio, a riprese video scolorite e sgranate, che spezzano il ritmo della narrazione. Alberi ed elementi del paesaggio urbano mossi dal vento spostano lo sguardo dello spettatore dalla dimensione domestica a quella esterna. Questo soffio d’aria (lo spiffero che intitola la mostra), che attraversa lo spazio bidimensionale del disegno, lo trasfigura stracciandolo, per mostrare all’improvviso la cruda realtà . La forza espressiva è tutta affidata a questo irrompere inaspettato dell’incerta provvisorietà del mondo fuori. “È un pò come guardare fuori dalla propria finestra”, dice l’artista. “La nostra intimità improvvisamente si mescola a quella anonima di chi ci vive di fronte, ciò che vediamo ci incanta, eppure sono solo immagini di routine, lo scenario di sempre, i gesti di persone sconosciute di cui non riusciremo mai a ricomporre la storia”.
Per Elena Arzuffi fare arte sta nella capacità di trasmettere attraverso questi elementi appena accennati emozioni riconoscibili, al limite del banale. Le radici di questa ricerca risalgono al 1999, quando scattava fotografie che poi intrappolava in piccoli light box. Nel suo repertorio elementi casuali e preordinati si mescolavano di continuo.
Elena Arzuffi - Spifferi
Ai fotogrammi televisivi sovrapponeva immagini intime, create su misura con veri e propri teatrini di pupazzi e case di bambole. Contemporaneamente arrivavano i primi video. Attraverso la moltiplicazione dei mezzi espressivi, frutto di una riflessione sistematica sugli strumenti del fare artistico, la Arzuffi muove la sua forza creativa e di pensiero ad investigare la centralità della relazione umana in una società sempre più sorda al sentire comune.

articoli correlati
Elena Arzuffi in mostra a Torino

elisabetta castellari
mostra visitata il 9 gennaio 2007


Fino al 9 Marzo 2007- Elena Arzuffi - Spifferi
Galleria Ciocca, Via Lecco 15 (20124), Milano / +39 0229530826(info)
+39 0220421206 (fax) - gallery@rossanaciocca.it - www.rossanaciocca.it  
orari di apertura:dal martedì al sabato: 14.00 -19.30


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di elisabetta castellari
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Elena Arzuffi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram