L’ARTISTA TRONISTA 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
È morto Philippe Zdar dei Cassius
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

L’ARTISTA TRONISTA

   
 L’arte è diventata il lab glamour del mondo dello spettacolo ultrapopolare. E i riferimenti d’immagine degli artisti di oggi –lungi dall’essere i nuovi divi del grande schermo come Scamarcio o Muccino- vanno cercati nella tv postprandiale… Christian Caliandro 
 
pubblicato
È difficile trovare un modello di riferimento possibile per l’artista di nuovissima generazione, considerato nell’insieme dei suoi comportamenti e del rapporto con il mondo che lo circonda. Si potrebbe pensare forse all’attor giovane del grande schermo -vedi Silvio Muccino o Riccardo Scamarcio-, con il suo appeal sbarazzino e le scorribande nei territori extra-cinematografici. Ma no, in fondo non sarebbe corretto, e soprattutto non terrebbe conto di alcuni fenomeni tipici dell’ultimo decennio.
Perché il vero modello è un altro, ben più complesso e, diciamolo pure, misterioso: il “tronista” televisivo. È da premettere che non c’è in questa comparazione nessuna volontà denigratoria o dispregiativa nei confronti dell’una e dell’altra categoria (il tronista e l’artista). Questa vuole essere semplicemente una riflessione distesa sulle caratteristiche di quella che si presenta come una vera e propria mutazione antropologica nel mondo dello spettacolo italiano, del quale l’arte rappresenta da lungo tempo ormai il distretto avanzato o, in termini più glamour, il “lab”.
Se diamo per acquisite queste premesse, non credo infatti che altrove sia possibile rintracciare il tipo esatto del tronista, almeno nelle dimensioni e nelle sfaccettature che esso ha assommato su di sé nel nostro Paese. Il (o la) tronista è infatti innanzitutto un VIP in sedicesimo, come dimostrano le figurine di Lele Mora: allegoria perfetta, ne sia consapevole o no l’ideatore, di una condizione tutta esistenziale.
Il tronista porta alle estreme conseguenze il principio-base del divismo televisivo e cinematografico, secondo il quale l’esposizione progressiva trasporta il personaggio in una dimensione altra rispetto a quella reale. La dimensione del tronista è esattamente a metà strada tra quella reale, quotidiana, e l’aldilà dell’immagine spettacolare. È fatta di tempi strettissimi, di tam tam a stretto giro, di ospitate pomeridiane e travasi nei reality della tv di Stato (quando ci sono). Poi basta. Tutto brucia velocemente, e tutto finisce altrettanto velocemente. Un precariato mediatico. In questo senso il tronista, con la sua aria spaccona ed Daniele & Costantino insieme smarrita, con le sue impossibili magliettine e la vertiginosa approssimazione nel linguaggio, rispecchia fedelmente la società che l’ha prodotto. E ci dice anche parecchio sul suo collega artista, vagamente familiare nel look e solo apparentemente distante nell’immaginario.
Infatti, la provvisorietà non è il semplice effetto di un’evoluzione, ma il suo tratto costitutivo. Il tronista decide di puntare tutto sul qui e ora, su questa fama di breve gittata, senza dedicare alcun pensiero al futuro. Al massimo, con la vaga speranza di inserirsi in qualche modo nel meccanismo dello spettacolo. Così, l’artista-tronista sceglie più o meno consapevolmente una durata limitata (dai due ai tre anni) all’interno del mondo dell’arte, in una parodia, o versione condensata, della vecchia carriera.
Anche la dicotomia tra vero e falso, tra realtà e fiction che rappresenta il vero main theme della trasmissione Uomini e Donne, l’ossessione del pubblico in studio e di quello a casa, finisce per avvitarsi su stesso e svanire. Risucchiato da un livello ulteriore. Il tronista –e qui sta la principale differenza rispetto ad altre tipologie di microdivi- non è in alcun modo assimilabile all’attore, perché fingere, recitare una parte presupporrebbe già una volontà, più o meno costante. Piuttosto egli, comodamente posizionato già ben oltre il simulacro, “indossa” i caratteri e le personalità come fa con le sue t-shirt, uno per puntata. E queste differenti identità non si differenziano poi tanto l’una dall’altra, perché non è affatto necessario (e potrebbe anzi risultare dannoso, o comunque fastidioso): basta un’illusione di differenza, ottenuta attraverso il sovraccarico e la saturazione dei tratti emotivi, secondo la più pura scuola del reality (arrabbiato-arrabbiato, tenebroso-tenebroso, sdolcinato-sdolcinato).
In modo analogo, l’artista-tronista adotta per la giornata gli stili e i mezzi a sua disposizione, in modo ben diverso dagli altri citazionisti della storia più o meno recente, o dai multimediali tanto cari a Rosalind Krauss. Egli non monta né riusa i materiali di partenza, ma svuota tutto per creare l’apparenza di un’opera. Né si può parlare di post-post-concettuale, perché al contrario in questo caso la storia e i riferimenti –per non dire della critica- sono delle caselle morte, tutt’al più dei brani da scaricare.
L’opera diventa idealmente di cartone, o l’equivalente di un vestito: non è scomparsa, semplicemente non è più interessata ad affermare. Si modella piuttosto sui suoi corteggiatori. Siamo ben lontani, a ben vedere, anche dall’approccio fintamente minimalista e dalla facile ironia che avevano caratterizzato gli anni Novanta, nonostante la somiglianza fisica degli oggetti e delle performance: l’artista-tronista ha infatti definitivamente abdicato ad una visione, e ad una funzione, dell’arte.

christian caliandro

*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 38. Te l’eri perso? Abbonati!

foto in alto: Nico Vascellari, Nodo Terziario, 2003 - 60 x 80 cm - stampa lambda, cornice in legno naturale

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Christian Caliandro
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Christian Caliandro, Lele Mora, Nico Vascellari, Riccardo Scamarcio, Rosalind Krauss, Silvio Muccino
 

21 commenti trovati  

07/07/2009
Dante, Italia
e che Vascellari sarebbe un artista?interessante l'articolo,vero che da anni il sistema dell'Arte è sempre più strutturato come la televisione,ergo la qualità è un optional,come certi personaggi che escono dal GF e perchè no ,pure i tronisti...provate a vedere quello che passano certe gallerie,anche le più fighette,e ve ne renderete conto...

15/04/2007
attilio
bravo tre puntini dici una cosa esatta anche di berlusconi se ne parla
il piccolo andrea è convinto che fare capricci
e pestare i piedi per attirare l'attenzione sia una forma d'arte
reaity art bene-bene mi piace questo accanimento
su niente


13/04/2007
...
anche di berlusconi.
questo si che e' un punto di vista acuto: se si parla di qualcosa allora e' importante, filosofia spicciola stile iPod


13/04/2007
andrea
che lo vogliate o no, comunque di Vascellari si parla... sempre

13/04/2007
uomini e donne
ecco arrivato daniele a difendere costantino

13/04/2007
zac
poche storie. invece di accapigliarvi su Vascellari, provate a leggere l'articolo: pezzo magistrale, profondo, arguto e P-I-A-C-E-V-O-L-E. chi offre di più?

13/04/2007
caro olè
hai letto e visto di caliandro, da quanto si evince nel tuo commento. devi quindi essere o un masochista o un maniaco paranoico anticaliandro per perdere tempo su cose a tuo parere così inutili.

13/04/2007
Olè
Ma lasciate l'arte contemporanea a chi la sa fare e a chi ne può parlare veramente.

Caliandro non esiste e non esisterà mai ne come critico ne come artista. Esiste solo come frustrato.

Tutto ciò che ha scritto non c'entra nulla ma proprio nulla con chi lavora veramente nel mondo dell'arte contemporanea.

Discorsi e parole inutili i suoi.


11/04/2007
willy cicci
e dàgli co' 'sti apostrofi mancanti o messi a ca... di cane!!!

11/04/2007
fronde? ahahahahaha!
Fronde?? ah si? tu pensa io non ce lo sapevo...cmq complimenti, un'altro articolo interessante mandato in vacca con le sterili menate su vascellari, insignificanti in un contesto universale...io mi chiedo cosa si scrive a fare...

11/04/2007
gioni
mica male questo vascellari che ha fan e controfan! a me i fan non piacciono ma i controfan, poveracci!

11/04/2007
scaramuccino
perché, se non s'è capito, in exibart ci sono le fronde pro e contro vascellari. E caliandro è antivascellariano per eccellenza.

11/04/2007
che palle
voi e vascellari

11/04/2007
f
quello che mi domando è perchè caliandro abbia inserito nel suo articolo un immagine di vascelari senza citarlo nello stesso. c'è un motivo se è quella immagine di quell'artista ad accompagnare il testo e non l'immagine di un opera che ne sò di pietroiusti

11/04/2007
giorgio
la colpa non è di caliandro nè dell'artista tronista ma del sistema marcio che c'è dietro

10/04/2007
giorgio
non vedo che ci sia di sbagliato in questo articolo da suscitare la gara "a chi ce l'ha piu' lungo" innescata dai commenti precedenti.
Mi sembra un'analisi, quella di Caliandro, assolutamente pertinente, aldila' della sua carriera di artista, che io personalmente ignoro.
In un sistema dove a 30 anni un'artista dei nostri si sente arrivato o fallito a cosa li vogliamo paragonare, se non a tronisti?


09/04/2007
il bene informato
http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp/idelemento/40397

guardate qui


09/04/2007
omg
"se la prende con quelli che c'è la fanno", ma impara a scrivere almeno, intenditore.
Ogni artista ha l'ammiratore che si merita, Costantino/Vascellari ha te.


08/04/2007
giulietta, italia
Avevo annusato la capacità di riflessione di Caliandro sul fatto che davvero oggi c'è da fermarsi a riflettere. Devo dire che non avevo dubbi, e dopo questo articolo posso dire che forse il Caliandro artista non si è più tanto sentito perchè a differenza di altri "che ce l'hanno fatta" lui preferisce pensarci bene.
meditate gente, meditate


08/04/2007
giorgio
perchè l'immagine di vascellari? è lui l'artista tronista? sempre trasversali, bravi. ma caliandro come artista che fine ha fatto? se la prende con quelli che c'è la fanno?

07/04/2007
giovanni
caliandro si che ha capito tutto del mondo dell'arte

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram