Fino al 25.III.2001 - Artisti in gioco - Busto Arsizio (Varese), Fondazione Bandera per l’... 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 25.III.2001
Artisti in gioco
Busto Arsizio (Varese), Fondazione Bandera per l’Arte

   
 In mostra una trentina di dipinti, sculture ed installazioni di cinque artisti della contemporaneità: Alighiero Boetti, Corrado Bonomi, Giannetto Bravi, Aldo Mondino, Antonio Riello…  
 
pubblicato
Si intitola “Artisti in gioco” la mostra in corso a Busto Arsizio, presso il terzo piano della Fondazione Bandera per l’Arte, fino a domenica 11 marzo 2001.
La rassegna, curata da Alberto Fiz e patrocinata dalla Provincia di Varese, presenta una trentina di dipinti, sculture ed installazioni di Alighiero Boetti, Corrado Bonomi, Giannetto Bravi, Aldo Mondino e Antonio Riello: cinque artisti della contemporaneità uniti dalla volontà di indagare la componente ludica e, in taluni casi, ironica dell’arte.
Antonio Riello, Altalena, 1997, legno e chiodi, 220 x 100 x 150 cm
Il percorso espositivo principia con l’intrigante ricostruzione Kitsch dell’Oriente, realizzata da Giannetto Bravi. La sua più recente produzione artistica – presentata lo scorso anno alla Galleria Dieci.Due! di Milano, nella mostra “La mia Cina è buona da mangiare” – è caratterizzata dalla riproduzione di immagini di cibi, estrapolate dai menù dei ristoranti cinesi. Ne sono esempio le tele “Cappelli di funghi con verdura saltata” (1999) e “Ravioli al vapore” (1999), esposte accanto alla curiosa installazione “Perle di golosità” (2000): una statua in ceramica colorata raffigurante un Budda felice che regge tra le mani una coppa con delle nocciole al cioccolato. La rassegna prosegue con Alighiero Boetti, uno degli esponenti di spicco dell’arte povera, che confluì poi nella coeva corrente concettuale.
“Aelleigiaccaieerreobioetitii” (1967) “Manifesti” (1967) e il coloratissimo arazzo su lino “Oggi trentunesimo del quinto mese anno uno nove otto nove” (1989) - in mostra per gentile concessione della galleria milanese 1000Eventi, con “Per l’amor del cielo” (1985) - documentano gli aspetti ludico-combinatori della sua ricerca artistica sul linguaggio.
Corrado Bonomi, Godzilla, 1996, pezzi di pneumatico, led, autoparlanti, sensore e stagnola, 120 x 80 x 160 cm (Courtesy Galleria Ciocca, Milano)
Dai lavori del Maestro torinese si giunge alle opere di Aldo Mondino, indiscusso protagonista della figurazione italiana del dopoguerra, che utilizza i cioccolatini Peyrano, per creare composizioni vivaci e divertenti, come “Frida” (1999), Gaudì (1999) e “Alexandros” (1999). Altrettanto simpatico è il “Lampadario Bic” (1992), in cui una serie di penne vengono fatte “penzolare” perpendicolarmente lungo una struttura circolare in ferro.
Nella stessa sala, si trova anche l’opera-simbolo della rassegna: “Busto Arsizio” (1991), un ironico bronzo, realizzato giocando sul doppio senso delle parole. Si tratta, infatti, di un busto di colore scuro che sembra bruciato con un grande cappello verde sul capo, il cui braccio mozzato ricorda il naso di una scultura picassiana. E’ invece ispirato ad un’opera futurista l’altro lavoro bronzeo in mostra “La mamma di Boccioni” (1992), in cui al posto del seno ci sono due grandi palle da bowling.
Completano la carrellata due giovani artisti del “Concettualismo Ironico Italiano”: Corrado Bonomi e Antonio Riello. Il primo realizza opere, in cui ci sono continue citazioni al fumetto, alla fiaba, alla pubblicità ed al cinema, come testimoniano il Topo Gigio in trappola di “Cosa mi dici mai” (1993) e i puffi polverizzati da un passaverdura di “Gargamella Dream” (1997).
Antonio Riello crea, invece, dei giochi pericolosi e destabilizzanti, come l’“Altalena” (1997) o il “Cavallino a dondolo” (1997), sui cui seggiolini sono posizionati degli spilli, con le punte rivolte verso l’alto.
Per concludere si segnala che a corredo della rassegna, allestita in contemporanea con “Ottocento italiano.
Alighiero Boetti, Oggi trentunesimo del quinto mese anno uno nove otto nove, 1989, arazzo, ricamo a mano su lino, 107 x 107
Da Lega a Wildt”, è stato pubblicato dalla Fondazione Bandera per l’Arte, un agile volumetto, contenente un breve testo critico di Alberto Fiz e riproduzioni a colori di alcune opere in mostra e di altre immagini di repertorio.

Articoli correlati:
Ottocento italiano. Da Lega a Wildt
La produzione artistica di Alighiero Boetti dal 1966 al 1974
Aldo Mondino: artista dei sensi


Annamaria Sigalotti



Fino all’11 marzo 2001
“Artisti in gioco” a cura di Alberto Fiz
Busto Arsizio (Varese), Fondazione Bandera per l’Arte, Via Andrea Costa 29, tel. 0331.322311, fax 0331.398.464, www.fondazionebandera.it, info@fondazionebandera.it
Orario d’apertura: dal martedì al venerdì, ore 10.00-12.30 e ore 15.30-19.00; sabato e domenica, ore 10.00-13.00 e ore 15.00-19.00. Chiuso il lunedì
Ingresso: Intero, £ 10.000; ridotto, £ 7.000 (comprensivo dell’entrata alla mostra Ottocento italiano. Da Lega a Wildt)
Catalogo: Fondazione Bandiera per l’Arte, £ 9.500
Foto in primo piano: Aldo Mondino, Busto Arsizio, 1993, bronzo, 65 x 80 cm




[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alberto Fiz, Aldo Mondino, Alighiero Boetti, Antonio Riello, Boccioni, Corrado Bonomi, Giannetto Bravi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram