fino al 25.XI.2007 - Mimmo Jodice - Milano, Spazio Forma 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
SENTI CHI PARLA
fotografia
PAUSE D’ATTENZIONE
READING ROOM
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

fino al 25.XI.2007
Mimmo Jodice
Milano, Spazio Forma

   
 Guardare è lasciarsi. È farsi occhio del paesaggio. È scoprire che si è come dentro una premonizione. Sempre presente. Con questa premessa scivolano alle pareti 160 fotografie in bianconero. Ritratti di un’Italia silenziosa…  
 
pubblicato
Immaginare è anche guardare. Eppure guardare, in fondo, è accettare. È prenderla così, come un invito. Senza avversione. Guardare è azione e passività. È somma e sottrazione. È amplificazione e riverbero degli spazi che ci si trova di fronte. Basta abituare con lentezza gli occhi. Divaricati e divisi sul senso primo della realtà. Guardare, è dunque, prima di tutto, lasciarsi pensare. Senza necessaria risposta. Al di là del paesaggio. Oltre quei luoghi che sembrano prendersi cura della nostra stessa immagine, ribaltata e a volte smontata, sulle pareti del globo oculare.Mimmo Jodice - Stromboli - 1999
Nel caso dei 160 lavori di Mimmo Jodice (Napoli, 1934) sono il bianco e il nero, sparsi sui contorni, a fare luce. A illuminare l’autorità della visione, restituendo intensità ieratica a ogni scena. I lavori esposti sono la certezza della testimonianza. Intatta. L’occhio sempre allerta del fotografo partenopeo proietta su chi guarda la serenità del proprio presente, stretto e catturato dallo scatto. All’interno di questo Grand Tour intellettuale, a tratti introspettivo -per citare la presentazione della mostra-, sfilano trent’anni di pose e appostamenti. Dettagli e curiosità estrapolati da indagini condotte su suolo italiano. Chi osserva questi scatti, riprodotti in formato poster, compie un viaggio statico. Ogni fotografia è un finestrino mobile, lucido, argenteo e spalancato su realtà fatte di contraddizioni. Ma anche d’immensa semplicità. Sottolineando le differenze balenanti del nostro Nord-Sud. Per questo motivo, può succedere di perdersi nei primi piani di volti e rovine. La luce fissa, morbida ed eterea rimane sempre in agguato, impreziosendo radici, foglie, ringhiere e specchi d’acqua.
L’impronta estetico-stilistica di Jodice è, infatti, la chiarezza della ribalta. È la capacità di non confondere primi piani e scene di dettaglio, regalando un’impostazione materica e tridimensionale, ben marcata, nei confronti del paesaggio che si fa incontro. Impostando un rispetto metafisico nei riguardi di quei luoghi solidi, costantemente ponderati e sotto stretta speculazione. Mimmo Jodice - Napoli (Scuola di Virgilio) - 1979Come in Sibaria, 1999, le linee prospettiche e i punti di fuga si mischiano per lasciar unire, fuori dalle gabbie geometriche, luci e ombre. Ogni foto esalta il contrasto senza ispessire tanto le circostanze della presa (Baia, 1997) quanto il contesto istantaneo che ne racconta antecedenti e prospetti futuri. Il punto di vista di questo campione della fotografia italiana è quindi capace di intagliare vicoli e isole, porte abbandonate e scranne con la stessa posata misura di un cesellatore.
Il “rischio” è di lasciare questa mostra con una coscienza visiva che supera la realtà stessa. Modificando, inaspettatamente, il significato più profondo di fotografie viste e riviste, inglobate per catacresi nel linguaggio dell’osservazione comune. Sotto l’egida di Jodice, dunque, sarete colti crudeli, fra mostri e potenze solitarie, fra guglie e volti che, forse, solo sotto forma di silenzi riescono a passare le lenti dell’obiettivo.

articoli correlati
Mimmo Jodice al Palazzo Reale di Napoli
Mimmo Jodice a Villa delle Rose a Bologna

ginevra bria
mostra visitata il 18 settembre 2007


dal 12 settembre al 25 novembre
Mimmo Jodice - Perdersi a guardare. Trenta anni di fotografia in Italia
Spazio Forma - Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro, 1 (zona Bocconi) - 20136 Milano
Orari: tutti i giorni dalle 10 alle 20. Giovedì dalle 10 alle 22. Chiuso il lunedì
Ingresso: intero 7.50 euro. Ridotto 6 euro. Scuole 4 euro
Catalogo Contrasto
Info: info@formafoto.it, www.formafoto.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: ginevra bria, Mimmo Jodice

1 commento trovato 

24/09/2007
elo.
bah, è un po' come se l'avessi già letto.

trovamostre