fino al 7.X.2007 - Gino De Dominicis - Nice, Villa Arson 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 7.X.2007
Gino De Dominicis
Nice, Villa Arson

   
 Parte da Nizza per approdare a New York, passando per Torino. Un’antologica notevole, dedicata a uno fra i più grandi protagonisti dell’arte di questo secolo ormai defunto. Rassegna che tralascia i temi più celebri e si concentra su olio e grafite... Marco Enrico Giacomelli 
 
pubblicato
Non è quello dell’enorme scheletro, la Calamita Cosmica, che Sgarbi insieme a Italo Tomassoni ha voluto per un mese in piazzetta Reale a Milano, giusto l’aprile scorso. Non è nemmeno quello la cui terrificante risata risuonava nell’atrio dei KunstWerke, durante l’ultima Biennale di Berlino. E così si potrebbe continuare a lungo, poiché il Gino De Dominicis (Ancona, 1947 - Roma, 1998) che viene proposto a Nizza -e successivamente a Torino, presso la Fondazione Merz, e al P.S.1 di New York- non ha nulla a che fare, almeno a un primo sguardo, con quello eclatante e miticamente concettuale che in genere si conosce.
Torna alla mente un magnifico scatto in bianco e nero, dove De Dominicis pare farsi beffe alle spalle, letteralmente, di de Chirico. Ecco, il De Dominicis mostrato in Costa Azzurra pare esser passato di là della barricata. È un De Dominicis che definiremmo, senza tema di smentite, reazionario. Nel senso del termine ribadito recentemente Bruno Arpaia, in un libretto assai coraggioso anche se forse non troppo tempestivo. Gino De Dominicis - Senza titolo (Prospettiva rovesciata) - 1991 - compensato, perspex, legno - cm 207x207x7,5 (incorniciato) - collezione Franchetti - courtesy Blu Bramante Associazione Culturale - photo Hugo GlendinningEbbene, il De Dominicis che ci si trova dinanzi agli occhi reagisce alla temperie culturale nella quale sta vivendo con un atto rivoluzionario. Rivoluziona sé stesso, ed essendo stato rivoluzionario dapprima, diviene reazionario. Logica binaria e manichea che si potrebbe discutere a lungo, ma che pur tuttavia non è facile scansare. De Dominicis torna all’ordine, cessa di esporre ragazzi affetti da trisomia del 21 -come si direbbe adesso per politically correctness- e di mostrare il nulla.
E dipinge. E come dipinge. Per questo, a malincuore, si dovrà dire che sono meno interessanti la carta D’IO o l’Asta del 1967. Perché è ai due decenni prima della morte ch’è dedicata questa rassegna; è a essi che rivolge la propria attenzione, e mescolare riforma e contro-riforma rischia di confondere i meno scaltri. Prima di giungere al Naso del 1998, si passerà dunque non senza stupore di fronte e attraverso i primi saggi di intervento bidimensionale. Sin da subito cercando di forzare i limiti canonici, va da sé. Ad esempio andando fuori dai margini (Senza titolo, 1984), in maniera quasi impercettibile. Oppure chiamando in causa ogni elemento del complesso pittorico, dalla cornice all’ordito della tela, come in quello straordinario Senza titolo (Viso) privo di datazione e appartenente a Milena Ugolini. E ci si troverà a contare il numero dei tratti, dei segni; la loro varietà essenziale e profondamente significante. E l’insignificanza, quasi, del senso finale. Che è sublimato ed esploso, immobile ormai, a causa di un campo di forze portato a una tensione inaudita.
Un’unica nota deludente: la pubblicazione del catalogo affidata a un numero monografico di “Flash Art International”. Avendo a disposizione testi di notevole levatura e -caso più unico che raro- moltissime immagini delle opere dell’artista, sarebbe stato auspicabile dare alle stampe un volume al quale fosse garantita un’autentica distribuzione.

articoli correlati
Grandi marchigiani alla Mole Vanvitelliana di Ancona
La risata di Gino alla IV Berlin Biennial
Personale da Erica Fiorentini a Roma

marco enrico giacomelli
mostra visitata il 21 agosto 2007


dal 29 giugno al 7 ottobre 2007
Gino De Dominicis
a cura di Andrea Bellini e Laura Cherubini
Centre National d’Art Contemporain de la Villa Arson
20, avenue Stephen Liégeard - 06105 Nice cedex 2
Orario: tutti i giorni, escluso il martedì, ore 14-18
Ingresso libero
Info: tel. +33 0492077373; fax +33 0493844155; cnac@villa-arson.org; archive.villa-arson.org


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Marco Enrico Giacomelli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Andrea Bellini, de Chirico, Erica Fiorentini, Gino De Dominicis, Italo Tomassoni, Laura Cherubini, Marco Enrico Giacomelli, Merz, Sgarbi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram