fino al 2.III.2008 - Giorgio Moiso - Milano, Spazio Mazzotta 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 2.III.2008
Giorgio Moiso
Milano, Spazio Mazzotta

   
 Di lui come non notare quella felice connivenza fra musica e pittura, fra timbro sonoro e materia cromatica? Vivifica le sue opere, nutre i suoi quadri. In una incalzante metamorfosi, dalla ben nota formula della jam session jazzistica all’inedita jam session pittorica... alessandra nappo 
 
pubblicato
Pittura vitale, frenetica, “gestuale” quella di Giorgio Moiso (Savona, 1942) che, memore della sua esperienza passata come batterista in una jazz band, ripropone l’elemento musicale come materiale, fonte prediletta d’ispirazione in un processo di rimando continuo dalla musica all’arte e dall’arte alla musica. Sono ormai celebri le performance in cui l’artista ligure si lascia sedurre e ispirare dalle note musicali e crea, plasma, agisce di fronte a un pubblico che diviene parte attiva nella gestazione dell’opera, diversamente dai quadri realizzati nell’intimità dello studio, nei quali Moiso dosa sapientemente l’impeto, l’élan vital che si dispiega senza inibizioni nelle pratiche dal vivo.
I quadri prendono vita alimentandosi di pennellate, movimenti fisici (con le mani, i piedi o il corpo intero), colore lanciato sulla tela oppure spremuto direttamente dal tubetto sino a creare un magma caotico e squillante nelle tinte, mai mescolate o attutite negli effetti cromatici, ma sempre pure, pastose, vibranti (Volo alto, 2007). I colori sono scelti senza premeditazione, al di là di qualsivoglia remissiva sottomissione a un progetto; l’accostamento esteticamente compiacente lascia indifferente Moiso, il quale preferisce arrendersi al caso, approdando a esiti formali imprevisti e provocatori, nel totale abbandono delle convenzioni.
Giorgio Moiso - Ombre gialle - 2007 - olio su tela - cm 150x300 - courtesy Spazio Mazzotta, Milano
La provocazione è un aspetto fondamentale dell’opera d’arte”, spiega Moiso. “Provocare significa andare oltre, Balzac diceva che ‘un’opera d’arte, per essere tale, deve avere qualcosa di sbagliato e non del tutto gradevole’. Per questo, quando dipingo non cerco che il mio quadro sia bello, ma vero”. Quest’aspetto risulta ancor più evidente alla luce delle radici culturali avanguardiste a cui Giorgio Moiso, aggiornandole, si è ispirato, spaziando dall’action painting americana alle esperienze del gruppo giapponese Gutai, dagli happening di Kaprow alle azioni di Fluxus e del Wiener Aktionismus, senza tralasciare l’incisività dell’opera di Fontana -come non notarla nella presenza dei frammenti di ceramica in Ancestral?- e quella di Sergio Dangelo e dei Nucleari.
Giorgio Moiso - Volo alto - 2008 - olio su tela - cm 120x200 - courtesy Spazio Mazzotta, Milano
Questo è Giorgio Moiso, artista vagamente narcisista nell’inseguire l’effetto grandioso, operando di preferenza su grandi superfici nelle quali il gesto si esalti; e artista versatile nel quale pittura, musica e poesia vivono di incessanti richiami in un’esperienza multisensoriale: “Non posso immaginare un mio quadro privo di musicalità o poesia. Credo che per capire il mio quadro più che guardarlo sia più importante sentirlo, toccarlo, fiutarne l’odore”.

articoli correlati
Personale da Biale Cerruti a Siena

alessandra nappo
mostra visitata il 12 febbraio 2008


dal 12 febbraio al 2 marzo 2008
Giorgio Moiso - Fingerstamps
Spazio Mazzotta
Foro Buonaparte, 60 (zona Castello sforzesco) - 20121 Milano
Orario: da martedì a venerdì ore 15.30-19.30; sabato su appuntamento
Ingresso libero
Catalogo Gabriele Mazzotta con testo di Francesco Poli, € 35
Info: tel. +39 0245498776; info@spaziomazzotta.it; www.spaziomazzotta.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di alessandra nappo
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Giorgio Moiso, Kaprow, Sergio Dangelo
 

1 commento trovato 

21/02/2008
morimura
ma state scherzando? ma se non riuscite a chiamare con il loro nome delle croste così, che credibilità critica volete mai avere? a quando un bell'elogio di Massimo Meda o del maestro Viola?

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram