fino al 23.V.2008 - Mihael Milunovic - Napoli, Changing Role 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 23.V.2008
Mihael Milunovic
Napoli, Changing Role

   
 La battaglia contro ogni forma di sottomissione è annunciata. Tacchi a spillo, lattice nerissimo, loghi arcaici ristilizzati, parolacce e tanta ironia. Quante altre armi segrete Milunovic schiererà contro gli oppressori? Che la guerra abbia inizio... luigi rondinella 
 
pubblicato
Mihael Milunovic (Belgrado, 1967; vive a Parigi e Belgrado), già noto al pubblico napoletano per la partecipazione alla mostra-inaugurazione del Pan The Giving Person (2005), ritorna alle pendici del Vesuvio, stavolta con una serie di opere pensate e realizzate tra le sale dello spazio espositivo di via Chiatamone.
Eclettico nella scelta delle forme d’espressione e continuamente alla ricerca di rivisitazioni iconiche, l’artista lascia a Changing Role cornici barocche con scene bondage in stile fumettistico, segni dorati dal gusto araldico-glamour e parolacce a caratteri cubitali affisse come sculture sul muro.
Sottomissione, schiavitù, asservimento: l’argomento cattura le ultime attenzioni del serbo, che ne esplora in chiave ironico-erotica ogni sfaccettatura. I tacchi a spillo e le linee sinuose delle donnine dai ricchi décolleté ritratte mentre si legano e sculacciano l’un l’altra, fanno il verso a ciò che di godibile può esserci nell’esser sottomessi. Sono le donne dell’inedita serie Lessons, disegnate rapidamente a mo’ di instant show davanti agli occhi degli increduli proprietari della galleria. Per caratterizzare queste signorine, Milunovic sceglie uno stile retrò, ricorrendo ad acconciature alla Marilyn o alla Eva Kant.
Mihael Milunovic - Lessons - 2008 - 11 pezzi, disegni a matita nera - cm 40x50
Del resto, il clima da prima metà del XX secolo si respira anche nelle altre opere. I cinque acrilici dorati su superficie nera smaltata della serie Embassy of Pain rivisitano i simboli del potere con un accento altrettanto noir. È il caso, in particolare, della bomba stile Dottor Stranamore che s’intreccia con due martelli, ricalcando antichi simboli araldici. Fra gli altri emblemi dorati figura una corona di spine, un cuore insanguinato e un’immancabile gamba femminile con tanto di reggicalze incatenata a una palla di ferro. Schiavitù o gioco erotico? La questione si ripropone.
Sulle teste dei visitatori intanto svolazza una bandiera su cui è scritto “I am bored and crave a big cock”. Evidentemente esorcizzare gli intimi desideri che riducono in schiavitù l’uomo è per l’artista il migliore dei rimedi. Liberazione da ciò che opprime, dunque. In A, B, C, D, scultura in legno e plexiglas, Milunovic svolge un’attenta cernita di sconcerie che si leggono sfogliando il vocabolario dalla A alla G: anal, ass, babe, close up, dick, dildo, fetish, gorgeus eccetera. Le lettere nere troneggiano nell’ambiente che, attraverso un’ampia vetrata, dà sulla strada; lettere in stile “gothic-nazi”, a cui il Führer dalle incerte passioni sessuali tanto s’era affezionato.
Mihael Milunovic - A, B, C, D - 2008 - tecnica mista - cm 450x450
L’artista serve su un piatto d’argento, più sovente dorato, provocazioni su provocazioni, e mentre si è catturati dai tanti messaggi erotici o si sorride per la sofisticata volgarità, si diventa partecipi di una criptata battaglia contro i prodromi del potere. È forse il tacco a spillo l’arma segreta che libererà l’uomo dalla tirannia? Si attendono nuovi sviluppi della ricerca “anti-cratica” di Mihael Milunovic.

articoli correlati
Mihael Milunovic al Pan di Napoli

luigi rondinella
mostra visitata il 30 aprile 2008


dall’undici aprile al 23 maggio 2008
Mihael Milunovic - Submitted to
Changing Role - Main Space
Via Chiatamone, 26 (zona Chiaia) - 80121 Napoli
Orario: da martedì a venerdì ore 16-19.30
Ingresso libero
Info: tel. + 39 08119575958; infogallery@changingrole.com; www.changingrole.com

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di luigi rondinella
vedi calendario delle mostre nella provincia Napoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Mihael Milunovic
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram