fino al 28.IX.2008 - Carol Rama - Genova, Palazzo Ducale 3116 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 28.IX.2008
Carol Rama
Genova, Palazzo Ducale

   
 Cento opere ripercorrono vita e arte dell’artista torinese. Senza distinzione fra le due. Dentiere, corpi trasparenti, lingue, cessi, serpenti, falli, pneumatici e scarpe-feticcio. Per rivelare l’invisibile... ginevra bria 
 
pubblicato
Lei non direbbe “defecare” né s’azzarderebbe a usare il termine “minzione” o a cercarne uno per sostituire la parola “cazzo”, soprattutto quando ci vuole. Ma è proprio a partire da questo punto, dal linguaggio e dalle sue malformità insostituibili (senza surrogati) che si sviluppano tutta la poetica e le visioni di Carol Rama (Torino, 1918).
Sempre artista ma mai solo pittrice, Rama ha usato il proprio paesaggio introspettivo per farne un ponte di scambio, un tramite per apparire al mondo, così come paure e fantasie l’avevano ricreata. La furia dei suoi gesti non è mai riuscita a nascondere la cacofonia della parole-tabù né a occultare il significante umano al quale queste alludevano.
Per l’artista torinese è sempre stato un obbligo restituire alla propria esperienza artistica il coraggio ribelle di un’espressione che fungesse da accesso all’aria restia e eccessivamente compatta della conformità. Proprio perché le cosiddette parolacce scappano e la prorompenza della loro esattezza ricade sulle orecchie dell’uditorio, Rama ha sempre insistito su una poetica non insistentemente sguaiata, ma deliberatamente obscaena, Abnorme. Fare arte dissolvendo il mondo ha per lei significato promuovere un’azione perfetta, perpendicolare nei confronti dei codici usati dalla realtà, attraverso visioni tanto schiantate da dover necessariamente deformare lo spavento di tutto questo, nel riso distorto dello spettatore.
Carol Rama - Composizione - 1951 - inchiostro e tempera su carta - cm 30,5x35,5 - coll. Maggiorotto, Torino
In mostra a Palazzo Ducale, nelle sale del Sottoporticato, ben si riassume e si concentra parte della produzione infinita dell’artista torinese. Con L’occhio degli occhi è possibile vedere in allestimento dai primi sottilissimi disegni su carta che stilizzano la serie degli Appassionata (1939) fino ai recentissimi disegni su stampe fatti nel 2004 (come Luoghi e sogni ancora o Mappa eolica).
Se da una parte i disegni medical-grotteschi riportano visioni composte ma violente e fisiologiche dell’esistenza, in qualità di soggetti come creature sessuate, dall’altra il visitatore dovrà fare i conti con le improvvise geometrie vorticose e ascendenti di disegni, come l’ipnotico Composizione del 1951. Sorprendenti e minimali restano i collage dei primi anni ‘70, che Rama compone con vecchi copertoni di bicicletta, sfruttando i tagli sulla gomma e le screpolature sulle superfici dei materiali di recupero.
Di una grazia selvaggia e a tratti compulsiva resta la serie di disegni di mostri alati e linguacciuti (comprendente Lontano dagli specchi del 1989 e Angelo Rosso del 1988), disegni sovrapposti a stampe antiche che ricordano il corredo decorativo falsato, appeso alle pareti di un antico salotto borghese della Torino bene.
Carol Rama - Lusinghe - 2003 - pastello, acquerello e smalto su carta (vecchia stampa) intelata - cm 25x35 - coll. privata
Dal sapore più canzonatorio e liberatorio, invece, sono gli ultimi lavori esposti, appartenenti agli anni 2000, mentre lingue rosse si stagliano su tavole di anatomia (Lusinghe 2003), ciuffi di capelli di ogni consistenza e colore sprizzano un giro di parole che dovrebbero rimanere la degna conclusione enigmatica di questa mostra: C’è un altro modo per finire.

articoli correlati
Carol Rama a Ca’ Pesaro

ginevra bria
mostra visitata il 26 giugno 2008


dal 21 giugno al 28 settembre 2008
Carol Rama - L’occhio degli occhi. Opere dal 1937 al 2005
a cura di Marco Vallora
Palazzo Ducale
Piazza Matteotti, 9 - 16123 Genova
Orario: da martedì a domenica ore 15-20
Ingresso: € 3
Catalogo Skira
Info: tel. +39 010557000; fax +39 010557001; info@palazzoducale.genova.it; www.palazzoducale.genova.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di ginevra bria
vedi calendario delle mostre nella provincia Genova
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Carol Rama, Marco Vallora
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram