fino al 14.IX.2008 - Cesare Viel - Genova, Villa Croce 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 14.IX.2008
Cesare Viel
Genova, Villa Croce

   
 Frammenti di scrittura, identità che mutano. Una mostra che celebra un artista colto e raffinato. Installazioni, video e performance. Quest'ultime interpretate dai suoi allievi d'Accademia... Helga Marsala 
 
pubblicato
Cara Emily, disegnare la paura e lo sgomento è colmare un abisso con l'aria”. Come in un incipit epistolare, Cesare Viel (Torino, 1964) si specchia nei versi dell'amata Dickinson: “Per chiudere un vuoto, riempilo con ciò che lo ha generato. Chiudilo con qualcos'altro, e si spalancherà di più. Non puoi colmare un Abisso con l'aria”.
E invece sì che si può. L'essenziale disegno su cui è annotata la frase di Viel riprende un'immagine mediatica del G8 di Genova; altri ricalcano scene drammatiche d'attualità, come il volo disperato di un uomo lanciatosi delle Twin Towers. Ancora una metafora del vuoto, della paura: quell'inspiegabile non-senso di cui è intrisa la trama della storia. Assumendo la grana sottile e densa dell'aria, del fiato, della parola, la pratica del disegno schiude il senso provvisorio e lirico con cui è possibile colmare quell'abisso.
È proprio la relazione tra parola, scrittura, identità e politica che nutre la poetica di Viel, ben rappresentata da quest’ampia personale: non una retrospettiva, ma un percorso ragionato intorno ad alcuni temi affrontanti nell'arco di vent'anni.
La scrittura, per Viel, è esperienza performativa ed esistenziale: un piano in divenire che fonda il pensiero, portando il peso del corpo. Con Luca Vitone, nel 2001, riflette sulla trasmissione del sapere in relazione all'identità maschile: i due citano su una lunga pergamena centinaia di “padri intellettuali”. Nascosti tra i nomi celebri, anche quelli dei veri papà.
Della performance dedicata a Ingeborg Bachmann non resta che un pannello su cui sono trascritti i gesti compiuti in quella camera romana, adiacente all'appartamento in cui la scrittrice austriaca perse la vita. L'azione, volutamente non documentata, r-esiste solo nella memoria dell'artista e dei pochi spettatori presenti, oltre che nel dopo delle parole stese sulla pagina. Nulla di più prepotente del nesso fra tempo, morte e scrittura.
Cesare Viel - Lost in meditation - 1999-2001 - stampa fotografica, installazione - courtesy Pinksummer, Genova
E il pensiero va a Virginia Woolf, di cui Viel nel 2004 assume aspetto e identità. Seduto in poltrona, al centro di un salottino british, ascolta la propria voce registrata che recita un brano di To the lighthouse. Sul filo di tematiche femministe e post-strutturaliste, la questione dell'identità di genere incontra il teatro e la letteratura, luoghi in cui si articolano i rapporti tra parola scritta e parola pronunciata, presenza e assenza, verità e artificio. L'anno dopo, alla Rocca sforzesca di Imola, un nuovo esperimento di com-passione e immedesimazione. Viel monta su un lettino alto cinque metri e rievoca la condizione di segregazione vissuta da Dino Campana in un ospedale psichiatrico della città emiliana, un secolo prima. La scrittura compulsiva a cui l'artista s'abbandona lo libera e insieme lo inchioda a una vertigine onirica.
Cesare Viel - To the Lighthouse. Cesare Viel as Virginia Woolf - 2004-05 - stampa fotografica, installazione, intervento audio - courtesy Pinksummer, Genova
Ritorna il senso del vuoto, ossessivamente. Di Operazione Bufera è ricostruito il set: le tre file di poltroncine rosse, la voce di Viel che racconta il fatto. Poi, una foto di lui con la testa all'indietro, gli occhi bendati, la bocca dischiusa. Stava lì, nel 2003, su una di quelle poltrone, a interpretare una vittima della strage avvenuta al teatro Dubrovka di Mosca, dopo l'assedio di un gruppo di indipendentisti ceceni. Il lungo monologo confonde i pensieri degli ostaggi e dei terroristi, in un implacabile gioco di ruoli. Scorrono le parole nell'aria, inesatte, cangianti, leggere. Provando a colmare l'abisso, come segni decisi sul foglio.

articoli correlati
Around Manifesta. Con Fuori contesto arte anche negli spazi delle affissioni pubbliche
video correlati
Il video della mostra

helga marsala
mostra visitata il 3 luglio 2008


dal 19 giugno al 14 settembre 2008
Cesare Viel - Mi gioco fino in fondo. Performances e installazioni
Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce
Via Ruffini, 3 - 16128 Genova
Orario: da martedì a venerdì ore 9-18.30; sabato e domenica ore 10-18.30
Ingresso: intero € 4; ridotto € 2,80
Info: tel. +39 010580069; fax +39 010 532482; museocroce@comune.genova.it; www.museovillacroce.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Helga Marsala
vedi calendario delle mostre nella provincia Genova
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Cesare Viel, Ingeborg Bachmann, Luca Vitone, Virginia Woolf
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram