fashion_incontri - Minimalismo Romantico 3793 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
fotografia
PAUSE DI ATTENZIONE
senti chi parla
READING ROOM
CURATORIAL PRACTISES
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

fashion_incontri
Minimalismo Romantico

   
 Abiti come quadri da indossare. Dipinti con tratto veloce, impressionista. Durante la settimana della moda milanese, Exibart ha incontrato Roberto Musso. Lo stilista che ama l’arte e rende omaggio a Mark Rothko...  
 
pubblicato
Dipinge gli abiti a mano, alla strenua ricerca di certi toni, di certe sfumature che con la stampa tradizionale non si possono ottenere. Applica alla moda la categoria di “opera unica”: anche un vestito può essere un unicum e, in tal caso, rifugge qualsiasi accessorio supplementare che possa distogliere l’attenzione. Ama il colore. Le tinte ironiche del circo e di Minnie Mouse, così come i fondamentali, i colori primari degli antichi kimono giapponesi.
Ed è proprio attraverso l’uso del colore che, con la sua collezione primavera/estate 2009/10, Roberto Musso strizza l’occhio a Mark Rothko: con una serie di pennellate, dal prugna al giallo limone, che diventa pattern grafico per un semplice miniabito a sacchetto, per il capospalla alla garçon abbinato a un pantalone monocromo, di un rosso pieno, brillante. Nell’economia della sfilata, i motivi geometrici, Roberto Mussole soluzioni lineari e astratte di un leggero soprabito mollemente chiuso in vita dialogano con le stilizzazioni di temi naturali: grosse margherite fioriscono su abiti in twill di seta bianca e su morbide bluse, scelte in tonalità pastello, polverose, in chiarissime declinazioni di celeste e di verde acqua.
È così che prende forma quel minimalismo romantico che gli è stato attribuito e in cui lo stilista si riconosce pienamente, quel mood new romantic che si traduce in una costruzione dei capi pulita ed essenziale, in tagli precisi e ben definiti sul corpo, in un look che accosta la mussola di seta al nylon techno, per sviluppare un discorso architettonico di pieghe, drappeggi, fasce e intrecci, tutti dettagli che contribuiscono a restituire l’immagine di una donna dolce e sensibile, per nulla androgina. Spigoli e angoli si alternano a "gusci" e ad archi: perché la moda è architettura, gioco di forme che si ottengono anche tramite il colore. Ora il collo di una giacca è morbido, a corolla, ora rigido, alla coreana. I pantaloni sono di taglio classico e lasciano le caviglie scoperte, mentre gonne e top giocano con il tessuto, indagando forme più femminili: dalla linea ad A della gonna in cotone doppiato color rosa camelia, all’effetto clessidra di certe maniche, passando per il motivo “a tulipano” di un top con fascia in vita e plissettatura sul fianco. Un look della collezione primavera/estate 2009 di Roberto MussoAi piedi sandali ultrapiatti, calzari da “gladiatore” in versione fluo; in alternativa altissime décolleté e open toe platform.
A pervadere il tutto anche un certo modo nipponico, da sempre riferimento imprescindibile per Musso che, del resto, degli stilisti giapponesi e del loro approccio alla creazione, si era invaghito fin da studente, durante il suo periodo presso la Facoltà di Lingue e Letterature straniere della Sorbona, quando Parigi era nel suo massimo fermento, città modello per un lifestyle all’avanguardia e ricca di stimoli artistici. E proprio nell’esperienza parigina giace - a detta dello stilista stesso - la base della sua vocazione per il fashion design, vocazione che ha poi trovato la sua personalissima modalità espressiva durante la fase newyorkese, quando Musso s’innamora dei tessuti dipinti a mano e cambia totalmente il modo di concepire la materia prima per le sue creazioni, dando vita a una rara realtà artigianale in grado di conquistarsi una sua inusuale nicchia di mercato.
Artista e artigiano. Così si racconta Roberto Musso: interprete della moda asservito solo alla sua sensibilità e, al tempo stesso, proprietario dell’azienda in cui produce le sue collezioni, seguendone direttamente lo sviluppo e la lavorazione. Se gli si chiede in che direzione stia andando la moda non sa indicarla: c'è molta confusione, il marketing vince sul buon gusto e sulla meritocrazia, ma tutto questo in realtà gli interessa poco.

articoli correlati
Musso per il Premio Mantero per l’Arte Giovane 2006
link correlati
www.robertomusso.com

marzia fossati



*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 53. Te l’eri perso? Abbonati!

[exibart]


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di marzia fossati
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Mark Rothko, Roberto Musso

trovamostre