fino al 4.V.2009 - Transit 1 - Napoli, Madre 3114 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 4.V.2009
Transit 1
Napoli, Madre

   
 “Viaggi” non di piacere ma d’impegno. Sono i primi transiti della Project Room del Madre, stagione 2009/2010. Denuncia socio-politica, consapevolezza antropologica e rivoluzioni. Nell’allestimento... diana gianquitto 
 
pubblicato
Complesso paesaggio concettuale e persino museografico è quello disegnato dalla prima prova di Transit. La linea-guida del “transito” moltiplica i punti di vista nel pluri-centrismo ma l’itinerario progettuale è un percorso coerente, che crea un panorama di associazioni mentali e rende possibili inedite connessioni.
Che sia nell’unire, non nel separare, l’anima del transito, è risultato evidente già nell’invasione dei manifesti urbani di Empathy di Mariangela Levita, che per un anno affiancherà le mostre della PR, connotandole di un’“immagine coordinata”. Arte “dislocata” e segnaletica, abbraccio creativo alla città martoriata che, nella manciata di secondi rubata ai vorticosi transiti quotidiani, crea un improvviso cortocircuito di autocoscienza.
Non informa e non pubblicizza, il brand visivo dell’artista, ma spiazza: chiede solo “empatia” d’arte. Ricorda che gli occhi possono esistere non solo per comprare. Porta il museo nella strada, e proprio il Madre, spesso accusato di separatezza rispetto al contesto sociale.
La compenetrazione nel viaggio conduce anche Domenico Antonio Mancini a ibridare le proprie simbologie culturali con quelle del duo egiziano con cui dialoga. Imponente oggetto scultoreo, l’aquila dorata di Mancini, tratta dalla bandiera dell’Egitto, sembra la macroscopica “tipicizzazione” neopop di un patriottismo esasperato. Ma, mentre la sua “solidità” si scioglie nel dissacrante contrasto col polistirolo in cui è forgiata, sfiorando un caustico kitsch, si scopre che italiani sono i colori dello stemma, e la scritta recita “Repubblica araba d’Italia”. Mordace denuncia del neocolonialismo che esautora subdolamente un popolo nel suo cuore.
Domenico Antonio Mancini - Untitled - 2009 - materiali vari - dimensioni ambientali - courtesy l’artista
Palesata, l’invadenza europea è poi snocciolata, cifre alla mano, dalla vicina grafica che freddamente svela il debito del Paese verso l’Italia. Volutamente ancor più “didascalico” è il terzo intervento dell’autore, che inserisce nell’audioguida della mostra Alighiero & Boetti, ospitata negli spazi principali del Madre, commenti sulla storia neocoloniale dei Paesi visitati da Boetti. Lontana dall’essere una “trovata”, l’opera, probabilmente la migliore della mostra, slitta in una riflessione metalinguistica che - mentre ricostituisce a cavallo del tempo un impossibile duo Mancini & Boetti parallelo alla coppia egiziana e induce nuovi sorprendenti percorsi museografici - stravolge i ruoli di “commentato” e “commentatore”, e restituisce all’arte un’attitudine conoscitiva e di denuncia.
Cavalca il tempo anche la ricerca di Sherif El-Azma e Nermine El Ansari (entrambi nati al Cairo, 1975) sulle costanti archetipiche e sui mutamenti del concetto di “collettività”. Se il passato remoto o vicino del collettivo è evocato dall’anfiteatro di Pompei e dal 3d del San Paolo, il suo presente e futuro dissolversi nel “connettivo” è sanzionato dal Live at Pompei senza audience dei Pink Floyd e dai commenti del web.
El-Azma & El Ansari - Untitled - 2009 - materiali vari - courtesy gli artisti
Nuovi riti per nuove community, sempre meno spettatrici e sempre più attrici di “transiti” virtuali.

articoli correlati
L’intervista ai nuovi curatori della Project Room del Madre
Mancini a Piacenza

diana gianquitto
mostra visitata il 26 marzo 2009


dal 26 marzo al 4 maggio 2009
Transit 1
a cura di Adriana Rispoli, Eugenio Viola e William Wells
MADRE - Museo d’Arte Donna REgina
Via Settembrini, 79 (zona San Lorenzo) - 80139 Napoli
Orario: da lunedì a venerdì ore 10-21; sabato e domenica ore 10-24; martedì chiuso
Ingresso: intero € 7; ridotto € 3,50; lunedì ingresso libero
Info: tel. +39 08119313016; www.museomadre.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di diana gianquitto
vedi calendario delle mostre nella provincia Napoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Adriana Rispoli, Eugenio Viola, Mariangela Levita, William Wells
 

4 commenti trovati  

10/04/2009
ironic
... attenti che Cycelin vi invade lo spazio della project room, ci fa un soppalco e ci viene a vivere!

10/04/2009
oltremondo, Altromondo
l'ennesima mostra che è solo un rigo in più nel curriculum degli artisti e dei curatori.

si salva solo l'intervento urbano di Mariangela Levita



10/04/2009
Mario, Roma/Napoli
I tuoi sono solo versamenti di bile, e si riconoscono dal fatto che non argomenti le tue affermazioni.
E' facile (e da vigliacchi) bersagliare il lavoro degli altri con frasi stringate e distruttive che però non portano a niente.

Sei un invidioso e un vigliacco, e ti ho anche spiegato il perchè.
Si vede che il freddo non fa bene al fegato (almeno al tuo).


09/04/2009
aldo, napoli
che boiata!

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram