fino al 29.IV.2009 - Susana Serpas Soriano - Roma, Mlac 3080 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 29.IV.2009
Susana Serpas Soriano
Roma, Mlac

   
 Volti, corpi, mani imprigionati in un riquadro, in una campana trasparente. Un urlo silenzioso, un’inquietudine compressa. La prospettiva è ritmata dal nero. Un nero deciso, ingombrante... manuela de leonardis 
 
pubblicato
Non troppo tempo fa, Susana Serpas Soriano (El Salvador, 1976; vive a Roma) ha fatto un sogno che non ha mai smesso di farla riflettere. Era già da un po’ che s’interrogava, cercando di capire il motivo per cui la sua attenzione di artista era calamitata dal corpo umano. “Nel sogno, qualcuno - non saprei se un uomo o una donna - mi diceva che la risposta è nell’ombra del tuono”, spiega. “Ogni verità ha un’ombra. L’ombra del tuono è la traccia di un’energia. Di solito, in presenza di un temporale, c’è la scarica elettrica e subito dopo il tuono. Tra le due fasi c’è un riverbero. È quella l’ombra del tuono: un punto di passaggio tra la forza, lo stordimento... È una visione”. Non è un caso, allora, che nel titolo di questa sua prima personale sia associata la parola “wunderkammern” al frammento “l’ombra del tuono”, che suona così poetico.
Il ritmo della visione segue una costruzione prospettica scenografica, in base alle peculiarità dello spazio che avvolge e respinge. Chiave fondamentale, la forma quadrata. Al centro della parete del Museo Laboratorio, l’osservatore è catturato da quelli che Serpas chiama “volumi prospettici”: internamente contengono fotografie che si riflettono attraverso lo specchio. Sono sempre corpi privati di un’identità specifica, che rimandano all’idea di uomo in senso assoluto, sempre però in area occidentale. Nelle fotografie dette I giganti (stampe digitali su carta cotone, particolarmente adatta a rendere l’effetto pittorico dell’epidermide), i corpi compressi sono avvolti da ali d’acciaio.
Susan Serpas Soriano - Ikamatisslag 2 - 2008 - stampa digitale su carta cotone - cm 200x200 - courtesy MLAC, Roma
Simmetricamente, da un lato e dall’altro, le immagini vanno a scalare “come vertebre” verso i pannelli con i collage. C’è un dialogo intenso tra le fotografie che l’artista scatta personalmente e le immagini anonime che assembla: “Nasco come fotografa. Mi sono sempre occupata di documentazione di opere d’arte; dagli ultimi tre anni ho iniziato a dedicarmi a una mia ricerca personale. Da sempre, però, ho la mania di ritagliare immagini di giornale, come se fossero appunti. Raccontano il mondo che viviamo, le influenze che subiamo”. Dal 1999 al 2004 Susana Serpas Soriano ha lavorato nello studio di Claudio Abate, di cui ammira “la razionalità di guardare le cose sempre con distacco”.
Il suo racconto prosegue sulla parete opposta, dove molti corpi sono intrappolati nelle campane di vetro. Mani contorte, nervose, inquiete s’intrecciano. Frammenti di corpi arrivati al limite della sopportazione: “Semplici gesti che esprimono il pathos della sofferenza, o comunque la negazione delle proprie emozioni”.
Susan Serpas Soriano - Ikamatisslag 1 - 2008 - stampa digitale su carta cotone - cm 200x200 - courtesy MLAC, Roma
Non è un monito. Piuttosto è l’idea della compressione dovuta alle troppe informazioni che arrivano dall’esterno, e che distraggono l’uomo dall’ascolto del proprio sé.

manuela de leonardis
mostra visitata il 31 marzo 2009


dal primo al 29 aprile 2009
Susana Serpas Soriano - Wunderkammer. L’ombra del tuono
a cura di Simonetta Lux e Giorgia Calò
MLAC - Museo Laboratorio di Arte Contemporanea
Piazzale Aldo Moro, 5 (Università La Sapienza) - 00185 Roma
Orario: da lunedì a venerdì ore 14-19
Ingresso libero
Catalogo disponibile
Info: tel. +39 0649910365; muslab@uniroma1.it; www.luxflux.org


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di manuela de leonardis
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Giorgia Calò, Simonetta Lux, Susana Serpas Soriano
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram