arteatro_festival - Uovo 2010 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

arteatro_festival
Uovo 2010

   
 Ottava edizione per l’indisciplinato festival di arti performative. Che offre viaggi nel tempo, abbattimento della quarta parete, fantocci di legno e metallo che prendono vita. E vortici asemantici di venti e avventure notturne con risvolti “polizieschi”... costantino pirolo 
 
pubblicato

I cinque spettatori sono posizionati su una crocetta bianca segnata a terra. Appena si alza il sipario a un palmo dal naso, appaiono due occhi verdi che scrutano in profondità: è rasa al suolo la quarta parete, così come la distanza tra pubblico e performer. Poi: musica soft, un tavolo, un bicchiere di vino, alcune foto del performer in costume adamitico e infine una seduta di gruppo psicanalitica che mette a nudo tutte le debolezze del pubblico, vero protagonista della performance. Gli Ontroerend Goed, con lo spettacolo Internal, spiazzano gli spettatori, suscitando reazioni a volte estreme (in Inghilterra ci sono stati grida, schiaffi e fuga dal teatro).
L’ampio atrio dell’austera Triennale è la location per l’incontro fittizio dei venti che spirano nei mari dell’Antartide, Cinquanta urlanti quaranti ruggenti sessanta stridenti dei Dewey Dell: tre figure primitive nere con maschera bianca, sospinte da un vorticoso ed epico turbinio musicale, accennano movimenti ritmici provocando uno spaesamento spazio-temporale.
La macchina del tempo dei Pathosformel prende spunto dagli studi dell’abate Andrea De Jorio del 1832 sulle connessioni intrinseche tra i gesti delle vittime di Pompei e quelli dei suoi concittadini napoletani. I tre perfomer de La prima periferia, in uno scarto onirico disorientante, sospingono scheletri svuotati dei tessuti con un pathos raffinato che ha cura della misura estatica. Si prendono cura di questi resti umani, mettendo a nudo il movimento nella sua essenzialità primordiale.
Pathosformel - La prima periferia
Altri viaggi nel tempo propongono i due affabulatori del movimento: Giuseppe Chico e Barbara Matijevic. In I’m 1984, Matijevic racconta nella sua conferenza che, da bambina, ignara delle implicazioni orwelliane di tale data, adorava ingenuamente Pac Man e scarpette da punta. Solo durante le olimpiadi invernali di Sarajevo intuisce che il suo futuro sarà quello di coreo-disegnatrice: la sua abilità nel far danzare i gessetti sul blocco di grafite è pari alla capacità immaginifica di creare interconnessioni tra simboli e segni (Disney, Microsoft, Bowie, Dylan) di un gigantesco puzzle storico-emotivo, per trasformare “la materia in idea immateriale”. Stessa modalità, medium diverso: il conferenziere sonoro, Giuseppe Chico della stessa compagnia, in Tracks disegna nell’aria un pentagramma fatto di jingle tratti da videogame, cartoni animati e telefilm. Per tracciare una panoramica dell’anno 1989 non bastano i richiami alla caduta del muro di Berlino, ma anche le fanta-tecnologie del telefilm Supercar, i mattoncini colorati di Tetris e il beep beep di Willy il Coyote.
Con la telecamera a spalla i Gob Squad, pluripremiato collettivo anglo-tedesco, dopo aver sintonizzato gli orologi si avventurano in 4 punti diversi della città di Milano con uno sfasamento spazio-temporale di appena 2 ore rispetto all’inizio dello spettacolo in teatro. Così, mentre il pubblico attende nel foyer del Teatro CRT, lo spettacolo si sta consumando altrove: i quattro performer per le strade di Milano propongono le mirabili azioni del supereroe “Will”, tra una ballata a suon di rap o di Singing in the rain, indossano maschere di conigli stile Alice in Wonderland, molto meno surreali di quelle dei giovani milanesi impegnati nell’happy hour. Tutto questo però il pubblico lo vedrà solo in video, quando gli eroi saranno rientrati a teatro, proiettando in tempo reale il “girato” su 4 schermi galleggianti sul proscenio e creando live la colonna sonora.
Gob Squad - Super Night Shot - photo David Baltzer
Inquietante la scena (reale!) in cui la polizia in servizio nei pressi delle Colonne di San Lorenzo, nota location della movida cittadina e dell’azione performativa, interrompe la performance del malcapitato supereroe Simon “Will” chiedendo autorizzazioni, permessi, licenze ecc., costringendo gli artisti a operare un taglio al “continuous shooting”. Tempestivo e provvidenziale, l’arrivo del supereroe “Small Angels” (Umberto Angelini), direttore artistico del festival, che ammansisce le truppe poliziesche e consente agli artisti di terminare il loro Super Night Shot tornando in teatro e a noi spettatori di accomodarci in poltrona per gustarci uno spettacolo che... si è appena concluso.
Ma tutto è assolutamente nella norma per un festival milanese indisciplinato come Uovo!

costantino pirolo
spettacoli visti dal 18 al 21 marzo 2010

la rubrica arteatro è diretta da piersandra di matteo


dal 18 al 21 marzo 2010
Uovo 2010 - Performing Arts Festival
Sedi varie - Milano
Info: www.uovoproject.it

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di costantino pirolo
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Andrea De Jorio, Barbara Matijevic, Bowie, costantino pirolo, Disney, Dylan, Giuseppe Chico, piersandra di matteo, Umberto Angelini
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram