fino al 25.VII.2010 - William Klein - Roma, Mercati di Traiano 3067 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2018
La Gioconda tifa Francia. Il Louvre veste il capolavoro con la maglia da calcio dei Blues
14/07/2018
Shorts Film ha pubblicato online 45 sceneggiature da scaricare gratuitamente
13/07/2018
A margine di Shining. Online gli appunti di Stanley Kubrick sul libro di Stephen King
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 25.VII.2010
William Klein
Roma, Mercati di Traiano

   
 Una sconvolgente rivoluzione dell’antiestetica, applicata al caso di una Roma in età felliniana. La provocazione di un pittore e regista. Considerato uno dei più autorevoli fotografi del Novecento... alessandro iazeolla 
 
pubblicato
Percepisce, assimila, confronta, giudica. Poi, al pari di Goethe, appunta sul proprio taccuino di viaggio immagini e parole, costruendo un’opera letteraria, oltre che un caposaldo della fotografia contemporanea.
Ma, all’opposto di un viaggiatore romantico, le sue immagini non documentano alcuna soggezione al cospetto dell'antichità classica. Al contrario, appaiono una vera sfida alla discrezione e alla misura. Sono la più cruda rappresentazione di una società che sta abbandonando i propri secolari modelli, per attraversare la soglia di un impersonale concetto di modernità e di sviluppo.
È questa la genesi della formidabile esposizione ospitata ai Mercati di Traiano: gigantografie di una Roma felliniana corredate da ampie didascalie dell’autore e citazioni letterarie. Il suo centro immaginario è in un lavoro che fu pubblicato per la prima volta nel 1959 in inglese e in francese e che è stato riedito - nel cinquantenario - da Contrasto in una lussuosa versione ampliata.
William Klein - Ostia - 1957 - stampa fotografica ai sali d’argento - courtesy Contrasto
Cos’era quel libro se non il secondo azzardo di William Klein (New York, 1928; vive a Parigi)? A quell’epoca aveva appena raccontato New York, vista da un ragazzo nato in uno slum, vittima dell’emarginazione e del razzismo antisemita. Dal rivoluzionario taglio del suo lavoro erano scaturiti tali scalpori in patria e consensi in Europa da consegnarlo alla ribalta internazionale con il prestigioso Premio Nadar. A 28 anni aveva già bruciato le tappe: pittore a Parigi, dove aveva risieduto dal ‘48 al ‘54, fotografo acclamato in tutto il mondo, decise di affrontare anche il mondo del cinema. Spavaldamente si presenta un giorno a Fellini: “Ho appena completato un libro su New York e mi piacerebbe mostrartelo”, annuncia. Dall’incontro scaturisce una spontanea empatia e la proposta di assistente alla regia in Le notti di Cabiria.
Ma in realtà Klein non apparirà mai nel casting del film, perché - giunto a Roma e nell’attesa dell’avvio delle riprese - diventerà presto ostaggio dell’idea travolgente di replicare a Roma la sua esperienza newyorchese, esponendola però alle suggestioni della geniale cerchia di Fellini, tra cui un ancora acerbo Pasolini. Con lui si accompagna spesso in una Roma che per Klein è tutta da decifrare. Girovaga con Moravia, Flaiano, Feltrinelli, o con lo stesso Fellini, fissando immagini di strada attraverso i cristalli di una Leica che confessa di non sapere neanche adoperare bene. Non importa come, ma cosa l’apparecchio è in grado di creare: “Può sorprenderci, bisogna aiutarlo”, afferma.
William Klein - Vittorio De Sica, Roberto Rossellini e Federico Fellini sul set de Il Generale Della Rovere di Roberto Rossellini - 1958 - stampa fotografica ai sali d’argento - courtesy Contrasto
La sua impostazione è opposta a quella di Henri Cartier-Bresson ed Elliott Erwitt, entrambi protagonisti recenti di sensazionali mostre sul tema capitolino, sempre per Contrasto. Il linguaggio di Klein è mutuato dalla fotografia di cronaca dei rotocalchi, dove ogni grido e stonatura è consentito: grana esasperata, taglio senza remore dell’immagine, contrasto esagerato. Tutto ciò che fa inorridire Cartier-Bresson entra nelle immagini di Roma, come in quelle di New York e più tardi di Mosca e Tokyo.
Opere che scardinano i concetti di obiettività ed equidistanza, costituendosi quali riferimenti unici, in grado di suggestionare profondamente l’intera evoluzione della fotografia sociale.

articoli correlati
Klein fra gli interpreti della Big City: una New York dove tutto può accadere
Roma negli occhi di Elliott Erwitt
La Capitale di Cartier-Bresson

alessandro iazeolla
mostra visitata il 14 aprile 2010


dal 13 aprile al 25 luglio 2010
William Klein - Roma. Fotografie 1956-1960
Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali
Via IV novembre, 94 - 00187 Roma
Orario: da martedì a domenica ore 9-19 (la biglietteria chiude un’ora prima)
Ingresso: intero € 8; ridotto € 6
Catalogo Contrasto
Info:
+39 060608; www.mercatiditraiano.it

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di alessandro iazeolla
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alberto Moravia, alessandro iazeolla, Elliott Erwitt, Ennio Flaiano, Federico Fellini, Garry Winogrand, Giangiacomo Feltrinelli, Henri Cartier-Bresson, Johann Wolfgang von Goethe, Pier Paolo Pasolini, Robert Frank, Thomas Struth, William Klein
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram