Fino al 30.X.2001 - Barbara La Ragione: Apparenze - Mantova, Galleria Massimo Carasi 3044 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 30.X.2001
Barbara La Ragione: Apparenze
Mantova, Galleria Massimo Carasi

   
 Barbara La Ragione mostra le sue foto alla Galleria Carasi di Mantova. Ed è uno shock! Due i casi: queste opere o le ami o le fuggi, negati i compromessi...  
 
pubblicato
Nonostante sia giovanissima (classe 1974), quest’artista napoletana ha già fatto parlare di sé: vincitrice della X° edizione della Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo (2000) per l’Area Arti Visive, Barbara è stata premiata anche al Festival Foto, la prestigiosa manifestazione per la fotografia che si tiene annualmente a Savignano.
Il suo lavoro recupera le tecniche tradizionali del dagherrotipo o ne simula i risultati attraverso la stampa su plotter. L’artista realizza ritratti in b/n su superficie argentea, utilizzando per i personaggi pose e posture classiche.
Spettri: Balzac sosteneva che ogni corpo è composto di sovrapposizioni infinite di spettri e che la fotografia ne staccava uno, fissandolo sulla lastra. Ma la cosa più importante è che Balzac aggiungeva che il corpo fotografato perdeva, di fatto in questa operazione, una pellicola, una parte della sua essenza.
A questa luce o, meglio, a quella luce che impressiona le lastre di Barbara, non resta dunque che attribuire la capacità di fissare entità, pellicole staccate da esseri viventi e, dunque, esseri viventi esse stesse.
Qual è l’immagine che Barbara vuole esibire? Quella reale, l’unica possibile: “Apparenze” appunto, come il titolo della mostra, come “cose che appaiono”, che si mostrano come sono realmente.
E cosa vediamo noi? Uomini di estrazione diversa, ben vestiti oppure no, tutti composti e posati ma, soprattutto, vediamo volti. E sono volti-mummia, volti-gabbia, volti-clown, volti-teschio. Vediamo cicatrici e mostruosità. Vediamo dannazioni e sofferenze, morte e malattia.
Sul book dei visitatori qualcuno ha lasciato un messaggio: “Barbara HA Ragione: siamo veramente così…”.
Apparenza ed interiorità, dentro e fuori: Barbara maschera i suoi personaggi per smascherarne la loro vera essenza, fa affiorare sui volti la vera immagine (ricordate Kafka, ricordate Gogol), svela le illusioni, toglie di mezzo ipocrisie e finzioni costruite dall’uomo per nascondersi nella doppiezza, per apparire ciò che non si è, per sembrare, assomigliare a qualcuno o a qualcosa d’altro da sé.
“Così è se vi pare” diceva Pirandello; “come ap-pare così è” dice Barbara La Ragione.
E così l’uomo guarda se stesso nelle foto dell’artista, percorre in silenzio la lugubre galleria di cornici funeree, riflette: e lo shock, con la sua carica di cinica e spietata ironia, è servito.

Articoli correlati:
Festival Foto di Svignano (2001)
X Biennale dei giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo (2001)

Alfredo Sigolo


“Barbara La Ragione: Apparenze”. Dal 2.IX.2001 al 30.X.2001. Mantova, Galleria Massimo Carasi Arte Contemporanea, via San Longino 1/b. Ingresso: libero. Orari: dalle 10.00 alle 12.45 e dalle 15.30 alle 19.45. Chiuso lunedì e festivi (salvo appuntamento). Pieghevole di presentazione in galleria. Info: tel/Fax: 0376/363248 E–mail: carasi-massimo@libero.it. Sito: www.carasi.it

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: alfredo sigolo, Barbara La Ragione, Gogol, Massimo Carasi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram