Fino al 20.X.2001 - La natura nel mondo - Roma, Galleria Al Ferro di Cavallo 3059 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 20.X.2001
La natura nel mondo
Roma, Galleria Al Ferro di Cavallo

   
 Ancora foto ai confini fra un uso "classico" delle possibilità del mezzo e modalità di costruzione di un racconto. In mostra immagini di muffe e macchine fotografiche giocattolo che rappresentano gli ultimi lavori di Francesca Vitale...  
 
pubblicato
Di Francesca Vitale abbiamo già avuto modo di parlarne altre volte. E' probabilmente una delle più attive fotografe romane legate alla fotografia contemporanea, alla costante ricerca di nuove modalità espressive.
La mostra è presentata nella galleria "Al Ferro di Cavallo" spazio sottostante l'omonima libreria specializzata il libri d'arte e fotografia. L'ambiente espositivo non è grande, ma godibile e di discreto fascino.
Delle due serie presentate ("Muffe" e "Wunderkammer" o stanze delle meraviglie) quella che evidenzia maggiormente il percorso della Vitale è sicuramente "Muffe".
Sono sostanzialmente immagini di frutti marcescenti, nature morte racchiuse in contenitori di plexiglass. Le foto sono contorte, accartocciate, quasi a rimarcare ancora di più la sensazione di scarto, ed è sicuramente questa la caratteristica dell'esposizione che ho maggiormente apprezzato.
Francesca si muove al limite, esce dai contesti tradizionali, dove la fotografia è sostanzialmente bidimensionale, e da corpo alle foto varcando quella soglia che le separa dalle altre forme di d'arte.
Questo pone un problema d'identificazione, di cui abbiamo parlato anche con Outlook (manifestazione di cui era organizzatrice), circa il reale significato d'essere fotografo che, probabilmente, nel rispetto di una visione collettiva diventa restrittivo.
Se da una parte è ormai assodata l'esistenza di una fotografia contemporanea, che ha abbandonato da tempo una visione troppo reale della "realtà", dall'altra sono sempre maggiori le "incursioni" di autori di chiara matrice fotografica in ambiti ancora non del tutto esplorati , che sono il terreno ideale per sperimentare modalità comunicative di nuova matrice.
La mostra è completata da due poesie di Marco Giovenale, dal ciclo "Ossidiane", e una installazione sonora di Luca Conti, intitolata "Ab-Zu"




Maurizio Chelucci
mostra vista il 6.10.01



Roma, Al ferro di cavallo, via di Ripetta 67
Orario :tutti i giorni - tranne la domenica dalle 9,30 alle 19,30. Ingresso libero
Informazioni: Tel. 06-3227303 - lena@ferrodicavallo.com oppure iwuqvi@tin.it
Fino al 20 ottobre ’01



[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Luca Conti
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram