Fino al 4.XI.2001 - Photografica - 30 giorni di fotografia a Biella (2° edizione) - Biella... 3094 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 4.XI.2001
Photografica - 30 giorni di fotografia a Biella (2° edizione)
Biella, varie sedi

   
 Sebastião Salgado, Peggy Sirota, Mauro Raffini, affiancati da interpreti di spicco del panorama biellese come Gianfranco Bini, con incursioni nel passato...  
 
pubblicato
Vittorio Barazzotto, Assessore alla Cultura di Biella, continua il lavoro di promozione di questa nuova provincia che non ha alle spalle un significativo passato come centro culturale, se non a livello locale. Negli ultimi anni la città, grazie ad un continuativo e duro lavoro, si è risvegliata dal lungo sonno ed i risultati per lungo tempo attesi oggi si continuano a vedere con importanti iniziative che si susseguono. Così è per la seconda edizione della rassegna Photografica. L’appuntamento si ripropone grazie anche all’appoggio della Regione Piemonte, nonché della Fondazione Italiana della Fotografia.
Filo rosso di tutta la rassegna è il tema del lavoro dell’uomo, visto secondo diversi sguardi e attraverso differenti chiavi di lettura. I coordinatori dell’evento Patrizia Bellardone e Fabrizio Lava, partendo da un tema comune, hanno individuato alcuni protagonisti della fotografia invitandoli a presentare una parte del loro lavoro. Per alcuni interpreti del passato è stato svolto un lungo lavoro di ricerca e raccolta di immagini che assume ora un importante significato. Nella rassegna vi è un buon equilibrio fra presente e passato, fra sguardo discreto ed indiscreto. Si possono vedere le esposizioni creando un buon livello di dibattito sia soffermandosi sulla tecnica dello scatto, sia sulle scelte delle inquadrature, sia attraverso una valutazione complessiva del lavoro svolto dal fotografo.
A Palazzo Cisterna si resta affascinati dallo scatto di Sebastião Salgado, che rende omaggio al lavoro nel suo aspetto più umile, dove l’uomo, la forza lavoro, è la chiave di lettura di immagini stupende. La visita prosegue a Palazzo La Marmora dove sono affiancati due fotografi biellesi del passato, Clementina Corte ed Edoardo Viola. Valentina Corte viene definita una “irregolare della fotografia” che in modo scaltro ed estremamente naturale ha dato un’interpretazione singolare della fotografia in studio dei primi Novecento. La scena, il costume, la posa, sono stravolti da incursioni fuori luogo – per i tempi – basti osservare la donna ritratta di tergo, o le donne in divisa, o ancora l’uomo vestito da signora.
Al momento ludico e provocatorio si accosta quello più drammatico della fotografia di guerra di Edoardo Viola che con estrema perizia esamina, immortala, per tramandare ai posteri, momenti di intimità, di normalità, quando queste due parole assumono un significato dilatato e distorto come avviene in tempo di guerra. Così ci narra della rasatura, della mascotte del battaglione, della distribuzione del rancio, in immagini che ai nostri occhi appaiono malinconiche, sarà la patina del tempo, o forse la consapevolezza della caducità delle cose terrene.
Altrettanto intimistiche possono essere considerate le immagini di Gianfranco Bini che ha, nella sua carriera, saputo cogliere la vera essenza di un mondo ormai perduto, quello della vita contadina nelle nostre montagne, dove le azioni del lavoro quotidiano come la mungitura assumono le fattezze di riti ormai perduti da tempo. Quei volti solcati da rughe che sembrano segni incisi con lo scalpello sono dei nostri avi, quelle mani ruvide che accarezzano un vitello sono ancora vicine.
Andando a ritroso fra passato e presente arriviamo alla Città dell’Arte in una dimensione totalmente diversa, galleggiante fra passato, presente e futuro. Siamo alla Fondazione Pistoletto con le istallazioni di dodici fotografie di Silvio Wolf. Si tratta di un’installazione situata nella ex casa padronale del complesso industriale oggi donato all’arte. Le grandi immagini in bianco e nero ripropongono parti di antichi manoscritti biellesi. L’ambientazione all’interno di un cantiere in corso, con sottofondo di voci evocanti passaggi di persone, che si accostano e si sovrappongono alle parole fotografate, da’ vita ad un linguaggio fatto di segni, suoni. È la rappresentazione simbolica di un passaggio, quello fra passato e futuro.
Durante la rassegna sono previste molte iniziative collaterali. In dieci locali pubblici di Biella verrà allestita Off, la cosiddetta “mostra nella mostra” dove alcuni fotografi dilettanti biellesi esporranno le loro opere. Sono inoltre attive la sezione didattica per i più piccini; le serate aperte al pubblico con i fotografi o gli esperti del settore che parleranno di temi specifici; sarà inoltre possibile partecipare ai workshop a cura di Nital (Nikon), studio Velvet di Milano (20 ottobre) e con il fotografo Mauro Raffini (27 ottobre). Per i workshop si consiglia di prenotare.

Michela Cavagna
mostra visitata il 9 ottobre 2001


PHOTOGRAFICA – 30 giorni di fotografia a Biella; dal 6 ottobre al 4 novembre 2001; Biella, sedi varie; Orario: dal lunedì al sabato ore 15.00 – 19.00, domenica ore 10.00 – 19.00; Ingresso:cumulativo per tutte le mostre, intero € 7,75 (£. 15.000), ridotto € 5,16 (£. 10.000), gratuito per bambini fino ai 10 anni; Informazioni: Assessorato alla Cultura Comune di Biella tel.015.350.66.01; Catalogo: è disponibile il catalogo generale € 23,24 (£.45.000) e, dove specificato, anche il catalogo dell’opera dell’artista; Bookshop: sì nella sede Palazzo La Marmora; Caffetteria: sì; Prenotazioni Workshop: +39 015.252.92.01
web-site: photografica
Mostre e rispettive sedi espositive. Sebastião Salgado. La mano dell’uomo. Palazzo Cisterna – Biella Piazzo; Clementina Corte. Da donna a donna. Realismo e immaginario nelle fotografie di una donna fotografo del primo Novecento – Palazzo La Marmora – Biella Piazzo; Edoardo Viola. Le fotografie di guerra. Palazzo La Marmora – Biella Piazzo; Gianfranco Bini. Fu tempo nostro. Chiostro di San Sebastiano – Biella; Peggy Sirota. La fotografia nella moda. Città degli Studi – Biella; Images 2001. Le tracce dell’uomo. Mostra fotografica collettiva. Città degli studi – Biella; Paola Masoero. Un’opera, un autore. Città degli studi – Biella; Silvio Wolf. Fondazione del Tempo. Fondazione Pistoletto – Biella; Mauro Raffini. Lo spirito dei luoghi. Lavoro e lavoratori. Villa Cernigliano – Sordevolo; La fabbrica e la sua immagine. Cento anni di industria biellese nella fotografia. Fabbrica della Ruota – Pray.


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Fondazione Pistoletto, Pistoletto, Sebastião Salgado, Silvio Wolf
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram