cono d'ombra - Dadamaino: il Novecento al femminile 3096 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/03/2019
La casa di Philip Roth a New York è in vendita
26/03/2019
Addio ad Andrea Emiliani. Si spegne una voce forte della storia dell’arte italiana
25/03/2019
Bolzano29 è il nuovo spazio di Milano dove far circolare idee
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

cono d'ombra
Dadamaino: il Novecento al femminile

   
 Eduarda Maino, al secolo Dadamaino. Come Carol Rama, alfiere al femminile in un mondo, quello dell’arte, assai maschilista. Un altro cono d’ombra riceve un po’ di luce... Alfredo Sigolo 
 
pubblicato
"Ma forse io non sono per l'asettico nitore, né per la contemplazione muta o per il mistico isolamento. Non ancora perlomeno. Debbo parlare, dialogare, comunicare, capire. Debbo provare sentimenti anche alterni per le persone e le cose” (Dadamaino)

MESSA A FUOCO
Tra le pieghe del Novecento storico in Italia, le figure femminili sono piuttosto rare. Quelle poche che sono riuscite a ritagliarsi uno spazio in un panorama tendenzialmente maschilista (tra gli artisti così come nella critica) sono donne di forte personalità e temperamento; si pensi a Ketty La Rocca, Carol Rama, Carla Accardi, Maria Lai, Carla Badiali, Marisa Merz o Giosetta Fioroni. Enrico Crispolti, scrivendo di Bice Lazzari, inventò per le artiste italiane il termine di "farfalle d’acciaio” per rappresentarne la tenacia.
Dadamaino
, al secolo Eduarda Maino, può a buon diritto essere compresa tra le figure di spicco del XX secolo italiano e in particolare degli anni ’60 in Europa, un decennio di grande fermento intellettuale ma anche di straordinaria complessità. Gruppo Zero, GRAV, Gruppo T, Gruppo N, Gruppo Uno, Equipo ’57: sono decine le aggregazioni di artisti operanti in quegli anni e che condividono l’urgenza di un rinnovamento nel campo delle arti visive. Uno scenario articolato e che probabilmente non è stato ancora compiutamente compreso, troppo spesso liquidato nelle generiche etichette dell’arte cinetica, programmata, concettuale o ricondotto a poche individualità sulle quali il mercato si è finora concentrato.

Dadamaino - I fatti della vita - 1979 - Studio Grossetti, Milano
MINI-BIO

Nata a Milano nel 1930, sul finire degli anni ’50 stringe una profonda amicizia con Piero Manzoni; negli stessi anni aderisce al clima dell’avanguardia milanese esponendo i suoi Volumi, tele dai grandi fori ellittici nei quali si avverte l’influenza di Fontana. Nel 1959 tiene la prima personale alla Galleria Prisma e condivide con Castellani e Manzoni l’esperienza della rivista Azimuth, che avviò i contatti con importanti gruppi europei come il tedesco Zero, l’olandese Nul, il francesce Motus, favorendo le prime uscite in collettive internazionali.
La ricerca di Dadamaino si concentra sui materiali sintetici e sull’esplorazione dei volumi come via per il superamento della bidimensionalità della pittura tradizionale.
Nei primi anni ‘60 arrivano riconoscimenti in Italia ma ancor più in Olanda e Germania; nel ’62 è tra i fondatori del movimento internazionale Nuova Tendenza, che le valsero trasferte anche in terra francese e nel vivace Est europeo.
Tra ’66 e ’68 realizza la serie dei Componibili e avvia un’inedita esplorazione del colore.
Gli anni ’70 si aprono con un forte interesse per il segno grafico. La cadenza della linea, il ritmo della scrittura, dopo la serie Superficie su superficie (1973) con il ciclo L’inconscio razionale e in seguito con L’alfabeto della mente l’artista avvia il periodo dei reticoli e delle sequenze che mirano a superare la modularità programmata e a indagare il caso e il gesto. Il lavoro di questi anni, esposto in importanti gallerie (Il Cavallino, Salone Annunciata, La Polena, Galleria Martano, Studio Grossetti), giunge a coronamento con la sala personale alla Biennale di Venezia del 1980, occasione in cui vengono allestiti 461 lavori su tela del ciclo I fatti della vita.
Dadamaino - Volumi a moduli sfalsati - 1960 - tecnica mistaDel 1983 è la grande antologica milanese al Pac e la partecipazione ad Arte Programmata e Cinetica 1953/1963 a Palazzo Reale, mentre nel 1985 tocca al Castello di Rivoli di Torino comprenderla nel progetto Arte italiana degli anni ‘60.
Proseguono nel frattempo le occasioni espositive in gallerie italiane e straniere e nel ’90 è ancora presente alla Biennale di Venezia. Le mostre tedesche di Esslingen nel ’95, di Zurigo nel ’96, a Palazzo Diamanti di Ferrara nel ’97, fino all’antologica di Bochum del 2000 la confermano tra le figure di spicco della sperimentazione europea degli anni ’60.
L’anno della sua morte, il 2004, Palazzo delle Papesse di Siena la inserisce nell’importante retrospettiva dal titolo Zero. 1958-1968. Tra Germania e Italia. Negli ultimi anni l’interesse per l’opera di Dadamaino non si è affievolito e sono numerose le personali programmate nelle gallerie italiane ma anche le collettive in spazi pubblici europei.

ANALISI DI MERCATO
Le opere di Dadamaino sono frequenti nelle aste seppure con netta prevalenza di quelle nazionali. Va però annotato che i rari lotti apparsi in aste straniere, olandesi e svizzere, hanno dato buoni risultati, segno probabile di una potenzialità inespressa. A riprova di ciò stanno le numerose mostre, spesso in spazi museali pubblici, che hanno ospitato opere di Dadamaino dopo la morte, con particolare evidenza per l’area germanica.
La volontà programmatica di studiare nuovi metodi d’espressione tipica di Dadamaino e dei suoi compagni d’avventura fu condivisa a livello europeo da numerosi artisti, gruppi e collettivi. Una sensibilità transnazionale che in Italia si è forse a torto concentrata troppo sui singoli (segnatamente Manzoni e Castellani) perdendo di vista il contesto generale. Non così in Germania, dove il Gruppo Zero di Piene, Mack, Uecker e Klein ha recentemente goduto di una importante ribalta quando da Sotheby’s a Londra, nel febbraio scorso, sono passati in asta una cinquantina di lavori provenienti dalla prestigiosa Lenz Schönberg Collection segnando ben 19 nuovi record per gli artisti di Zero e un tasso di invenduto insignificante.
Per Dadamaino, il culmine delle vendite si ha tra 2006-08, con il fatturato costantemente al di sopra dei 180.000 euro e aggiudicazioni record concentrate tra le opere degli anni '60, come i Volumi, Oggetto ottico-dinamico, La ricerca del colore.
77952
Nel 2009 la crisi economica si fa sentire: raddoppiano gli invenduti e il fatturato si dimezza ma il prezzo medio delle opere non subisce contrazioni rispetto ad altri, indice di una buona tenuta.
Il 2010 è segnato da una netta tendenza alla crescita dei prezzi: il numero di proposte in asta diminuisce fino un terzo dell’anno precedente anche se nelle fiere nazionali maggiori e minori l’offerta da parte delle gallerie è in controtendenza. Una situazione dinamica che potrebbe essere ricondotta all’attività dell’Archivio costituito dagli eredi per l’archiviazione delle opere e il riordino del catalogo.
Le prime opere di Dadamaino degli anni ’50 si intitolano Volumi, tele con grandi fori ellittici in cui si avverte l’influenza di Lucio Fontana. Nel 2010 la stima in asta per esemplari di 50x60 cm è di 40-50.000 euro (venduti a 28.000 e 25.000 euro) mentre nel 2007 la stima massima per una tela 100x80 era di 22.000 euro.
Successivamente inizia a lavorare con superfici di materiale sintetico, nascono così Volumi a moduli sfasati, che presentano 9 passaggi in asta, con 3 invenduti. L'ultima aggiudicazione risale al 2008 per 24.000 euro per un'opera di 100x70 cm, mentre nel 2007 stimavano a 8.000 euro opere di dimensioni minori basandosi su aggiudicazioni di inizio 2000, quando però venivano proposte con stima raddoppiata (17.000 euro).
77953
Le serie degli anni ’60 Oggetto dinamico, Componibili fino alle sequenze cromatiche de La ricerca sul colore hanno le migliori aggiudicazioni intorno ai 20.000 euro. Le opere dagli anni ’70 in poi si assestano poco sopra ai 10.000 anche se l’andamento dei prezzi è abbastanza discontinuo. Il ciclo L’inconscio razionale del 1975presenta 8 passaggi in asta; degli esemplari 70x70cm il prezzo sale dai 4.500 euro del 2004 agli 11.000 euro del 2008, mentre per le dimensioni 100x100cm il prezzo oscilla tra 12-14.000 euro del 2006. Cromorilievo, due rilievi su tavola laccati in nero o bianco degli anni 70, sono stati venduti nel 2007 a 8.000 euro e nel 2010 a 13.000 euro.
È interessante notare che alcuni lavori recenti, segnatamente le scritture a china su poliestere presentati alla Biennale del ’90 con il titolo Il movimento delle cose, spesso in asta superano le stime allineandosi ai lavori storici. Anche le chine tarde, del ’96 e titolate Sein und Zeit, hanno una forbice variabile dai 5 agli 11.500 euro. In prospettiva questi lavori segnici sembrano costituire un ottimo investimento.

CONCLUSIONI
Le alte quotazioni via via raggiunte da Fontana, Manzoni e Castellani hanno probabilmente aperto le porte a una nuova stagione di revisione critica sugli anni ’60 che consentirà di far riemergere alcune figure di spicco di quegli anni. È successo per Bonalumi e Alviani ma anche su Gianni Colombo vi è stato interesse. I nomi nel cono d’ombra sono tanti (Lo Savio, Anceschi, Varisco, Biggi, Carrino, Biasi, Massironi...) e Dadamaino è tra quelli con la produzione più articolata e condotta all’insegna di una sintesi radicale che la rendono ancora attuale.
Gli eredi dell’artista hanno recentemente (2004) costituito l’Archivio (www.archiviodadamaino.it) che ha incaricato un comitato scientifico di procedere al riordino, archiviazione, catalogazione e autentica delle opere, primo passo per la pubblicazione di un catalogo ragionato, attualmente previsto tra 3-4 anni.
Dadamaino - Il movimento delle cose - 1996 - installazione alla Galleria Spazia, Bologna 2009
Pro: ampia produzione di qualità in varie fasce di prezzo anche negli ultimi anni, credito diffuso in ambito europeo, buone prospettive indotte dal lavoro di archiviazione e documentazione in corso.
Contro: dispersione delle opere anche in contesti periferici, forti oscillazioni di prezzo, ridotta bibliografia storica e critica (Flaminio Gualdoni è colui che maggiormente ha contribuito alla diffusione dell’opera di Dadamaino nonché direttore tecnico scientifico dell’Archivio).
Alcune gallerie di riferimento: Galleria Carlina (Torino), Studio Gariboldi (Milano), Grossetti Arte Contemporanea (Milano), Marchese Arte Contemporanea (Prato), Matteo Lampertico (Milano), Galleria Spazia (Bologna).

articoli correlati
Con Piero Manzoni a Bologna

Personale da Spazia
Con Francesco Candeloro a Padova
Cono d’ombra: Carol Rama
Cono d’ombra: Vincenzo Agnetti
Cono d’ombra: Gino De Dominicis

alfredo sigolo e martina gambillara

[exibart]



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alfredo Sigolo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Agostino Bonalumi, Alberto Biasi, alfredo sigolo, Bice Lazzari, Carla Accardi, Carla Badiali, Carol Rama, Eduarda Maino, Enrico Castellani, Enrico Crispolti, Flaminio Gualdoni, Francesco Candeloro, Francesco Lo Savio, Gastone Biggi, Getulio Alviani, Gianni Colombo, Gino De Dominicis, Giosetta Fioroni, Grazia Varisco, Ketty La Rocca, Luciano Anceschi, Lucio Fontana, Manfredo Massironi, Maria Lai, Marisa Merz, martina gambillara, Nicola Carrino, Piero Manzoni, Vincenzo Agnetti
 

2 commenti trovati  

10/12/2010
nathan, napoli
di seconda mano come la graziano menolascina di monti a roma...

09/12/2010
tansini, roma -italia
tra le gallerie di riferimento è doveroso indicare Studio Invernizzi probabilmente l'unica galleria che -come Grossetti- ha lavorato e lavora con l'artista
per le altre si tratta principalmente di mercato di seconda mano


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram