in fumo_vitamina f - Uscire da Scientology: dentro la setta 3124 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

in fumo_vitamina f
Uscire da Scientology: dentro la setta

   
 Fondata nel 1954 dallo scrittore di fantascienza Ron Hubbard, la chiesa di Scientology raccoglie in tutto il mondo migliaia di adepti. Ma è da sempre molto controversa. Un fumetto francese racconta la vicenda di una ragazza che ha voluto uscirne...  
 
pubblicato
Marion abita a Parigi, lavora in un’agenzia di pubblicità in cui non riesce a far emergere le sue capacità ed è stata appena lasciata da Frank quando, per caso, incontra Raphaël, che le parla di Scientology.
Forse è la voglia di provare qualcosa di nuovo per lasciarsi le delusioni alle spalle, o forse la ricerca di nuovi amici che conduce Marion a un primo incontro, dopo il quale inizia a seguire un costoso programma che prevede la ricostruzione della sua personalità attraverso l’esercizio fisico e sedute con una auditor. Quando viene licenziata dall’agenzia a causa del ridimensionamento del lavoro, Marion partecipa all’incontro con una delegazione di Scientology di Copenaghen che alla fine dell’incontro la inviterà a seguirli per partecipare a uno stage per completare la sua formazione.
Dentro la setta - romanzo grafico di Pierre Henri e Louis Alloing - racconta il percorso di una persona qualsiasi all’interno di un gruppo di difficile definizione, almeno in principio: sembrano amici, sembrano interessati al miglioramento della propria e altrui capacità di stare con gli altri, stimolando le capacità di ciascuno e indirizzandole verso il successo sociale e lavorativo. Fare parte del gruppo, della setta, ha un costo; da subito economico, in seguito morale: la totale sottomissione. Pierre Henri & Louis Alloing - Dentro la settaLa sua organizzazione somiglia molto a quella dell’esercito, con inutili corvé e gradi sociali da scalare per arrivare al top, ma ricorda anche quella delle odierne aziende le cui filosofie - o mission, come amano chiamarle - nascondono spesso incoerenza, impreparazione o semplice propensione per lo sfruttamento indiscriminato dell’altrui lavoro.
Dopo un primo periodo di rinascita e ritrovato benessere, sia fisico che psicologico, Marion comincia ad avere dei dubbi. Non riesce a capire quale futuro si prospetti per lei nel ristrutturare gratuitamente appartamenti che la setta utilizzerà poi per aprire nuove sedi. Comincia a essere affaticata, poi svogliata. Alla fine decide di lasciare la setta per riappropriarsi della propria vita, ma le cose non sono così semplici. La setta non ama chi di punto in bianco se ne va, e soprattutto chi mette a conoscenza degli altri la propria esperienza e disillusione.
Iniziano così le telefonate di notte, gli inviti a ripensarci, poi le minacce. Passa del tempo prima che Marion si decida a sporgere una denuncia, che però cade nel vuoto insieme a decine di altre. Solo dopo una decina d’anni la magistratura inizia un procedimento contro la chiesa di Ron Hubbard in Francia.
Marion nel frattempo ha un’altra vita, un altro lavoro, un altro amore, un altro appartamento. Sebbene il suo numero di telefono non sia su nessun elenco, la setta riesce comunque a rintracciarla ancora. Ma questa volta non per minacciarla.

davide calì

la rubrica in fumo è diretta da gianluca testa


Pierre Henri & Louis Alloing - Dentro la setta
Coniglio Editore, Roma 2010
Pagg. 94, € 14,50
ISBN 9788860632777
Info:
la scheda dell'editore

[exibart]



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di davide calì
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: davide calì, gianluca testa, Louis Alloing, Pierre Henri, Ron Hubbard
 

2 commenti trovati  

26/01/2011
hm
http://www.youtube.com/user/HeartMind999
a me basta notare che tutti i libri di fantascienza scritti da ron hubbard FANNO CAGARE, il resto non mi tange minimamente (è sottinteso che scientology siano tutte stronzate atte a rubare soldi a gente fake tipo tom cruise abituata a recitare continuamente e scissa per mestiere dalla sua vera essenza) .

26/01/2011
Fabrizio D'Agostino
In merito all'articolo di cui sopra, vorrei esprimere alcune osservazioni e fornire le dovute informazioni ai lettori.

Innanzitutto, si deve sapere che il libro che viene promosso nell'articolo è la traduzione di un libro francese e che non è mai esistita nessuna Marion in Francia che abbia raccontato una tale vicenda.

Si tratta di un racconto di fantasia.

La Francia, terra di Libertà, Uguaglianza e Fraternità è anche luogo in cui la laicità, valore di per sé rispettabile, viene certe volte spinta al suo estremo, diventando anti-religiosità.

E la storia che viene raccontata nelle strisce del libro di cui sopra è una di quelle in cui trionfa il pregiudizio e il luogo comune tanto cari ad un certo gruppo di intolleranti d'oltralpe.

La storia di Marion è la storia che qualche apostata francese ha immaginato e che è riuscito a vendere, perché, si sa, fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce.

Solo una piccola percentuale di coloro che lasciano un gruppo religioso (o qualsiasi altro gruppo) hanno cattivi rapporti col gruppo abbandonato; gli altri, quelli che sono in buonafede, continuano ad avere buoni rapporti con tutti.

Questo è palesato molto esaustivamente in studi scientifici sul soggetto dell'apostasia, ovvero il pubblico abbandono e critica della propria precedente religione.

Il Prof. Ronnie D. Kliever, che fu docente di Studi Religiosi presso l'Università Metodista Meridionale di Dallas, Texas, U.S.A., in un suo saggio sull'apostasia conclude che:

"Numerosi sociologi hanno sottolineato come le biografie di un “sopravvissuto alla setta” siano resoconti profondamente stilizzati che tradiscono l’influenza di scenari presi a prestito di schiavitù e liberazione, una storia sulla quale l’apostata si è ben esercitato, che racconta di isolamento sociale, manipolazione mentale, deprivazione fisica, sfruttamento economico e controllo ipnotico. Questi “racconti di atrocità” servono sia a fornire all’apostata una giustificazione che ad accusare la nuova religione di comportamento immorale e fede irrazionale.
Alimentano inoltre e formano la percezione pubblica delle nuove religioni come qualcosa di pericoloso per la libertà di religione e l’ordine pubblico. A causa della stampa negativa, anche quegli apostati che non cadono direttamente sotto l’influenza delle organizzazioni anti-sette o di gruppi religiosi fondamentalisti, spesso sono influenzati dalla rappresentazione negativa che viene fatta della religione che si sono lasciati alle spalle."

E poco più avanti nello stesso saggio il prof. Kliever osserva che "Per giornalisti responsabili, studiosi e giuristi è difficile considerare tali apostati come fonti d’informazione credibile. Anche i racconti dei fuoriusciti volontari che non hanno rimostranze da esporre devono essere usati con cautela, giacché stanno fornendo un’interpretazione della loro esperienza religiosa passata filtrata dal loro tentativo del presente di ristabilire la loro identità e stima personali."

Per soddisfare la crescente richiesta di informazioni da parte di persone di ogni parte del mondo, la Chiesa di Scientology Internazionale ha rinnovato i suoi siti internet, www.scientology.org ed www.lronhubbard.org, ora on line in 15 lingue.

Lo stesso rinnovamento ha interessato i siti delle attività sociali e dei programmi umanitari che le Chiese di Scientology promuovono ed attuano in 165 nazioni del mondo.

Crediamo che ognuno debba e possa pensare con la propria testa. Visitando i siti ufficiali di Scientology, si possono acquisire altre informazioni per giungere ad un personale e libero giudizio.

Fabrizio D'Agostino
Chiesa di Scientology di Roma e Mediterraneo


trovamostre
@exibart on instagram