Premio Talenti Emergenti, il CCCS di Firenze incorona Luigi Presicce 3213 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Premio Talenti Emergenti, il CCCS di Firenze incorona Luigi Presicce

   
   
 
pubblicato

Luigi Presicce
È l’artista pugliese/milanese Luigi Presicce il vincitore della seconda edizione del premio Talenti Emergenti, promosso e organizzato dal CCCS - Centro di Cultura Contemporanea Strozzina - Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze. La giuria internazionale - composta da Achim Borchardt-Hume (Whitechapel Gallery, Londra), Barbara Gordon (Hirshhorn Museum, Smithsonian Institution, Washington D.C.) e Adam Szymczyk (direttore della Kunsthalle Basel) - ha infatti scelto la sua opera fra quella dei sedici finalisti, assegnandogli in premio il finanziamento della Fondazione Palazzo Strozzi per una monografia dedicata al suo lavoro, pubblicata da Silvana editoriale.
"La sua performance - si legge tra l’altro nelle motivazioni - è incantevole, enigmatica e lascia un segno, con allusioni ai simboli dell'arte italiana e riferimenti ai rituali massonici e religiosi”. Il format di Talenti Emergenti prevedeva che quattro critici segnalassero ciascuno quattro artisti. Il vincitore è stato segnalato da Giacinto Di Pietrantonio, assieme a Meris Angioletti, Rossana Buremi e Patrizio Di Massimo; Luca Massimo Barbero aveva indicato Alessandro Ceresoli, Valentino Diego, Giovanni Ozzola ed Antonio Rovaldi, Chiara Bertola Ludovica Carbotta, Loredana Di Lillo, Invernomuto e Margherita Moscardini, mentre le preferenze di Andrea Bruciati erano andate a Giorgio Andreotta Calò, Riccardo Benassi, Luca Francesconi ed Alberto Tadiello. (marianna agliottone) 


Mostra: dal 19 febbraio al 1 maggio 2011
Palazzo Strozzi - Firenze
www.strozzina.org

[exibart]

 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Achim Borchardt-Hume, Adam Szymczyk, Alberto Tadiello, Alessandro Ceresoli, Andrea Bruciati, Antonio Rovaldi, Barbara Gordon, Chiara Bertola, Giacinto Di Pietrantonio, Giorgio Andreotta Calò, Giovanni Ozzola, Loredana Di Lillo, Luca Francesconi, Luca Massimo Barbero, Ludovica Carbotta, Luigi Presicce, Margherita Moscardini, Meris Angioletti, Patrizio Di Massimo, Riccardo Benassi, Rossana Buremi, Valentino Diego
 

6 commenti trovati  

21/02/2011
Francesca, milano
Il Centro Contemporaneo la Strozzina assomiglia al Festival di S. Remo.
Visto che le mostre a premi sono diventate la moda del momento.


19/02/2011
jesus love
sì e dopo che vi siete fatti crescere la barba pentitevi e fatevi benedire dalla massoneria, inginocchiatevi orsù e lasciatevi porre un mantello di volpe sulle spalle

19/02/2011
luca rossi
http://whitehouse.splinder.com/post/23787771/sommario
Al di là di certi commenti stupidi, il vero problema è che il "giovane artista emergente" deve conformarsi ad un certo modello di ruolo. Questo crea contraddizioni che poi si riflettono nei linguaggi proposti.

Ogni due giorni c'è un nuovo Premio, o un nuovo spazio...non si capisce quale sia il fine (forse "senza fine" come cantava Gino Paoli?).

In realtà gli artisti italiani sono bloccati ad una fase di eterni Peter Pan: come se un peso fosse in continua emersione senza mai arrivare in superficie. Parlo dei giovani di ieri: perrone, tuttofuoco, caravaggio, pivi, berti, zimmerfrei, assael, grimaldi, marisaldi...che spesso sono coetanei dei nuovi "emergenti"....certo, sono tutti in emersione. Significativo questo ennesimo Premio: un catalogo, una monografia..quasi nella vana speranza di storicizzare, di fermare e risolvere questa emersione senza fine...

Consiglio questa visione:

http://www.youtube.com/watch?v=q8MkIGeqEk4

Questi Premi sembrano proprio "attimi senza fine". Stessa cosa per il recente Premio Furla. In questo caso consiglio questa lettura, per cercare di approfondire:

Il Caso Rub(b)i: tra volti in un paese per vecchi

http://whitehouse.splinder.com/post/23787771/sommario






19/02/2011
X
La barba lunga fa tanto artista..cavolo. Fatevi crescere quella barba. Dai ragazzi. così...

19/02/2011
Francesco
bhe vedi, che fare gli spazi no profit serve...chissà se anche la monografia di silvana editore sarà no profit..chissà

18/02/2011
Luca Rossi
Prima di emergere bisognerebbe buttarsi

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram