Sotheby's scalda i motori per gli "Old Master". Ecco chi vi sarà nella settimana delle ast... 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Sotheby's scalda i motori per gli "Old Master". Ecco chi vi sarà nella settimana delle aste "antiche" di New York

   
   
 
pubblicato

Pompeo Batoni, Susanna e i vecchioni, 1751

Goya, El Greco, Rubens, Turner, Tiepolo, Memling e Guardi, tra gli altri. Sono alcuni dei nomi all'incanto nella settimana dell'asta dedicata agli Old Master che si terrà a New York dal prossimo 25 gennaio. Primo highlight della serie una grande opera di Pompeo Giralamo Batoni del 1751, Susanna e i vecchioni, che andrà in vendita stimata dai 6 ai 9 milioni di euro. 
Hans Memling sarà invece all'incanto con un pannello devozionale, Cristo benedicente, scoperto quest'anno e stimato tra 1 e 1 milione e mezzo di dollari.  
Dalla collezione dell'armatore greco George Embiricos arriva invece un ritratto di Goya y Lucientes a Mariano Goya, datato 1827, uno degli ultimi dipinti realizzati durante l'ultimo viaggio a Madrid del pittore, tra il luglio e il settembre dello stesso anno. Qui la stima di è 6-8 milioni di dollari. Il capolavoro è stato presente nella raccolta gli attuali proprietari dal 1954, invisibile al pubblico per quasi 60 anni. Una tela dipinta da Heidelberg, con un paesaggio montano e nebbioso e un arcobaleno all'orizzonte, passata tra le mani di alcuni dei più grandi collezionisti dell'artista nel 19esimo secolo, tra cui Joseph Gillot e Donald Currie, sarà in asta a 4-6 milioni di dollari.  
Presente poi un cospicuo gruppo di barocco italiano, comprendente opere di Pietro Testa, con Enea sulle rive del fiume Stige (stima 3-5 milioni) e un Ritratto di Frà Bonaventura Bisi (stima 1-1.5 milioni) risalente alla fine del 17esimo secolo, firmato dal Guercino.
Due aste saranno, negli stessi giorni, dedicate alla collezione di Giancarlo Baroni, 29 e 30 gennaio, e vedranno in scena una vasta gamma di eccezionali dipinti e disegni che coprono un arco temporale che va dal 15esimo al 19esimo secolo e che tra i capofila vedono un grande dipinto di El Greco, La Deposizione di Cristo, stimata tra anch'essa tra il milione e il milione e mezzo. 
Sempre il 30 gennaio sarà all'incanto un disegno giovanile di Rubens, uno studio anatomico di tre figure maschili (stima tra i 700 e i 900mila dollari) e alcuni dei 19 acquerelli di William Blake che erano stati riscoperti nel 2001 in una piccola libreria a Glasgow, comparsi in asta da Sotheby nel 2006. I disegni, che sono stati conservati in una cartella di cuoio, sono legati a una commissione che Blake ricevette nel 1805 da Robert Cromek, come illustrazioni per una nuova edizione del poema epico di Robert Blair "The Grave". Un bottino a dir poco ricco, che promette di aprire in grande stile la prima asta del 2013. E che testerà anche l'effetto crisi. I vari lotti saranno in mostra a partire da dopodomani. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram