Bob Wilson e l'Italia. Dopo Bologna stasera il grande regista è al Franco Parenti di Milan... 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
CURATORIAL PRACTISES
la lavagna
senti chi parla
la lavagna
reading room
reading room
Exibart.segnala
sondaggio
Il Guardian ha stilato una classifica dei dieci musei più belli del mondo, nei quali è stata premiata la Centrale Montemartini di Roma. Poi ci sono il Museo del Mobile di Vienna, quello delle Borse di Amsterdam. la Casa Museu Medeiros di Lisbona, la Caixa Forum di Madrid e altri. Se a decidere foste voi, quale museo mettereste sul podio?
• La Galleria Borghese di Roma
• La Fondazione Beyeler di Basilea
• Il Centre Pompidou di Parigi
• Il New Museum di New York
• altri
• Il Guggenheim di Bilbao
• Il Kiasma di Helsinki
recensioni
rubriche
         
 

Bob Wilson e l'Italia. Dopo Bologna stasera il grande regista è al Franco Parenti di Milano, a raccontare del suo personale Amleto

   
   
 
pubblicato

Bob Wilson

È appena passata una settimana dalla fine di Arte Fiera e Bob Wilson fa di nuovo capolino tra le fila dei palchi italiani. Stavolta a Milano, dove non saranno in scena E dei Gufi sentii lo stridere, che apre stasera a Casa Saraceni o il Macbeth del Teatro Comunale bolognese, ma una panoramica sulla figura più nota della tragedia shakespiriana, nell'ambito della programmazione del Teatro Franco Parenti di Milano e dei suoi lunedì di incontri, che con il "Progetto Amleto" continuerà a raccogliere, fino a giugno, alcune testimonianze pubbliche da parte di grandi protagonisti del Teatro internazionale. Leone d'oro alla Biennale del 1993, Wilson stasera guiderà il pubblico in un percorso innovativo, multimediale e visionario, alla scoperta del grande classico. Alla tragedia più famosa del mondo, scritta tra il 1600 e i due anni successivi circa, Wilson ha dedicato ampio spazio nella sua carriera, portandolo in scena anche a Spoleto nel 2008, per il rilancio del Festival dei Due Mondi e che nel 1995 aveva portato in scena a New York, con una scarna scenografia e il suo famosissimo monologo. Si comincia alle 20.30, in una modalità di seduzione che da sempre ha accompagnato il lavoro dell'artista già dagli anni '70, quando debuttò nel mondo del teatro e dell'opera con Philip Glass.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre