Bob Wilson e l'Italia. Dopo Bologna stasera il grande regista è al Franco Parenti di Milan... 3021 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
fotografia
PAUSE DI ATTENZIONE
senti chi parla
READING ROOM
CURATORIAL PRACTISES
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

Bob Wilson e l'Italia. Dopo Bologna stasera il grande regista è al Franco Parenti di Milano, a raccontare del suo personale Amleto

   
   
 
pubblicato

Bob Wilson

È appena passata una settimana dalla fine di Arte Fiera e Bob Wilson fa di nuovo capolino tra le fila dei palchi italiani. Stavolta a Milano, dove non saranno in scena E dei Gufi sentii lo stridere, che apre stasera a Casa Saraceni o il Macbeth del Teatro Comunale bolognese, ma una panoramica sulla figura più nota della tragedia shakespiriana, nell'ambito della programmazione del Teatro Franco Parenti di Milano e dei suoi lunedì di incontri, che con il "Progetto Amleto" continuerà a raccogliere, fino a giugno, alcune testimonianze pubbliche da parte di grandi protagonisti del Teatro internazionale. Leone d'oro alla Biennale del 1993, Wilson stasera guiderà il pubblico in un percorso innovativo, multimediale e visionario, alla scoperta del grande classico. Alla tragedia più famosa del mondo, scritta tra il 1600 e i due anni successivi circa, Wilson ha dedicato ampio spazio nella sua carriera, portandolo in scena anche a Spoleto nel 2008, per il rilancio del Festival dei Due Mondi e che nel 1995 aveva portato in scena a New York, con una scarna scenografia e il suo famosissimo monologo. Si comincia alle 20.30, in una modalità di seduzione che da sempre ha accompagnato il lavoro dell'artista già dagli anni '70, quando debuttò nel mondo del teatro e dell'opera con Philip Glass.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre