Bob Wilson e l'Italia. Dopo Bologna stasera il grande regista è al Franco Parenti di Milan... 3234 utenti online in questo momento
exibart.com
giochi
 
community
Allons Enfant/5
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
La lavagna
Question Time
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

Bob Wilson e l'Italia. Dopo Bologna stasera il grande regista è al Franco Parenti di Milano, a raccontare del suo personale Amleto

   
   
 
pubblicato lunedì 4 febbraio 2013

Bob Wilson

È appena passata una settimana dalla fine di Arte Fiera e Bob Wilson fa di nuovo capolino tra le fila dei palchi italiani. Stavolta a Milano, dove non saranno in scena E dei Gufi sentii lo stridere, che apre stasera a Casa Saraceni o il Macbeth del Teatro Comunale bolognese, ma una panoramica sulla figura più nota della tragedia shakespiriana, nell'ambito della programmazione del Teatro Franco Parenti di Milano e dei suoi lunedì di incontri, che con il "Progetto Amleto" continuerà a raccogliere, fino a giugno, alcune testimonianze pubbliche da parte di grandi protagonisti del Teatro internazionale. Leone d'oro alla Biennale del 1993, Wilson stasera guiderà il pubblico in un percorso innovativo, multimediale e visionario, alla scoperta del grande classico. Alla tragedia più famosa del mondo, scritta tra il 1600 e i due anni successivi circa, Wilson ha dedicato ampio spazio nella sua carriera, portandolo in scena anche a Spoleto nel 2008, per il rilancio del Festival dei Due Mondi e che nel 1995 aveva portato in scena a New York, con una scarna scenografia e il suo famosissimo monologo. Si comincia alle 20.30, in una modalità di seduzione che da sempre ha accompagnato il lavoro dell'artista già dagli anni '70, quando debuttò nel mondo del teatro e dell'opera con Philip Glass.


strumenti
invia la notizia ad un amico
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
inserisci un commento alla notizia

trovamostre