Bob Wilson e l'Italia. Dopo Bologna stasera il grande regista è al Franco Parenti di Milan... 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
BLOG
MARGINALIA #9
SENTI CHI PARLA
Un ricordo di Paolo Aita
THE COMICS WORLD/2
LA LAVAGNA
READING ROOM
Exibart.segnala
sondaggio
Quali sono i migliori direttori dei musei d'arte contemporanea italiani?
• Lorenzo Giusti (MAN, Nuoro)
• Vicente Todoli (Hangar Bicocca, Milano)
• Andrea Viliani (Madre, Napoli)
• Fabio Cavallucci (Centro Pecci, Prato)
• Gianfranco Maraniello (MART, Rovereto e Trento)
• Federica Pirani (Macro, Roma)
• Ilaria Bonacossa (Villa Croce, Genova)
• Letizia Ragaglia (Museion, Bolzano)
• Hou Hanru (MAXXI, Roma)
recensioni
rubriche
         
 

Bob Wilson e l'Italia. Dopo Bologna stasera il grande regista è al Franco Parenti di Milano, a raccontare del suo personale Amleto

   
   
 
pubblicato

Bob Wilson

È appena passata una settimana dalla fine di Arte Fiera e Bob Wilson fa di nuovo capolino tra le fila dei palchi italiani. Stavolta a Milano, dove non saranno in scena E dei Gufi sentii lo stridere, che apre stasera a Casa Saraceni o il Macbeth del Teatro Comunale bolognese, ma una panoramica sulla figura più nota della tragedia shakespiriana, nell'ambito della programmazione del Teatro Franco Parenti di Milano e dei suoi lunedì di incontri, che con il "Progetto Amleto" continuerà a raccogliere, fino a giugno, alcune testimonianze pubbliche da parte di grandi protagonisti del Teatro internazionale. Leone d'oro alla Biennale del 1993, Wilson stasera guiderà il pubblico in un percorso innovativo, multimediale e visionario, alla scoperta del grande classico. Alla tragedia più famosa del mondo, scritta tra il 1600 e i due anni successivi circa, Wilson ha dedicato ampio spazio nella sua carriera, portandolo in scena anche a Spoleto nel 2008, per il rilancio del Festival dei Due Mondi e che nel 1995 aveva portato in scena a New York, con una scarna scenografia e il suo famosissimo monologo. Si comincia alle 20.30, in una modalità di seduzione che da sempre ha accompagnato il lavoro dell'artista già dagli anni '70, quando debuttò nel mondo del teatro e dell'opera con Philip Glass.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre