YAP! MAXXI 2013. Vince la terza edizione il collettivo torinese bam!, che invaderà piazza ... 3095 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
SENTI CHI PARLA
fotografia
PAUSE D’ATTENZIONE
READING ROOM
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

YAP! MAXXI 2013. Vince la terza edizione il collettivo torinese bam!, che invaderà piazza Boetti con una scultura fluttuante

   
   
 
pubblicato

rendering di He, l'installazione dello studio bam! vincitore di YAP MAXXI 2013

Sono la "bottega di architettura sostenibile” alias bam!, da Torino, ad aggiudicarsi lo spazio romano della ribattezzata piazza Alighiero Boetti, di fronte al MAXXI, nella terza edizione del concorso riservato ai giovani studi d'architettura YAP!, organizzato dal museo romano in collaborazione con il MoMA/MoMA PS1 di NY, Constructo di Santiago del Cile e, per la prima volta quest'anno, Istanbul Modern.
L’installazione si chiamerà He e sarà fruibile al MAXXI a partire dal prossimo giugno, e fungerà da zona d'ombra per l'estate: si tratta infatti di una "scultura” aerostatica di grandi dimensioni e a forma di prisma, che dai lati gocciolerà acqua per delimitare idealmente il suo perimetro e creare una cortina rinfrescante per il pubblico, mentre di notte il leggero solido diventerà una grande lampada davanti al museo, che dopo la sua vita nell'estate 2013 sarà sgonfiato e l'elio che ne permetterà la vita sospesa sarà recuperato e impiegato nella ricerca scientifica e medica. Il progetto dei bam! -Alberto Bottero, Valeria Bruni, Simona Della Rocca, Fabio Vignolo- è stato definito da Margherita Guccione «una giusta sintesi tra poesia e tecnologia, nell’approccio sperimentale e innovativo sul tema dello spazio pubblico del museo  e del confronto con il grande edificio di Zaha Hadid». «Il progetto dello studio bam! incarna alla perfezione le tre qualità essenziali del programma YAP: qualifica lo spazio pubblico in modo inusuale e sostenibile; affronta "a viso aperto" l'architettura del museo; esplora con coraggio il tema cruciale di un'architettura potente eppure priva di costruzione» sono state le parole di Pippo Ciorra, mentre Giovanna Melandri, Presidente della Fondazione MAXXI ha dichiarato la speranza di poter continuare proficuamente la collaborazione con il MoMA.
Contemporaneamente ad He, come vi abbiamo annunciato, verranno installati i progetti Party Wall dei CODA al Ps1 e Sky Spotting Stop dello studio SO? di Istanbul, mentre l’installazione The Garden of Forking Paths dello studio Beal + Lyons Architects, vincitori nel 2012, sarà inaugurata il prossimo 7 marzo 2013 a Santiago del Cile. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre