L'arte del tappeto o il tappeto d'arte? Anticipi da Salone stamattina a Milano, con gli Ar... 3224 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
CINEMA
Reading Room
Allons Enfant/5
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

L'arte del tappeto o il tappeto d'arte? Anticipi da Salone stamattina a Milano, con gli Art Carpets di Munari & friends

   
   
 
pubblicato martedì 5 febbraio 2013

You & Me, il tappeto ideato da Lawrence Ferlinghetti per Moret

Tappeti ad arte, sia per un arredamento d'eccezione che per un progetto editoriale. Un anticipo di Salone del Mobile bello e buono quello di stamattina, nello showroom Moret di via Ventura a Milano, che ha presentato una serie di tappeti con una caratteristica molto particolare: tralasciando i materiali di prima scelta e le tecniche di composizione, che in questa sede non sono proprio fondamentali, quello che è stato messo in luce oggi è il progetto "Art Carpets” -tappeti d'arte, che l'azienda veneta ha portato avanti negli ultimi tre anni con il contributo fondamentale di Cleto Munari, grande designer italiano, che ha disegnato i tappeti insieme ad un gruppo di autentiche icone dell'arte, della poesia e del design mondiale. Ecco i nomi della nuova campagna per un oggetto che, afferma Moret «può ampliare i propri orizzonti e farsi portatore di idee e sogni, universali e condivisi, trasformandosi da complemento d'arredo a oggetto d'arte»: Lawrence Ferlinghetti, pittore ma soprattutto grande scrittore americano, esponente primo della Beat Generation; Dario Fo, Alessandro Mendini e l'archistar Mario Botta; due dei più conosciuti artisti italiani, Sandro Chia e Mimmo Paladino; il designer spagnolo Javier Mariscal, l'architetto Ettore Mochetti e la giovane creativa e designer Deisa Centazzo. Un tappeto come una poesia, ha spiegato Munari, che ha scelto gli autori del progetto e che ha ricordato come in lingua scozzese i grandi poeti siano definiti "makar”, ovvero come coloro avvezzi al fare -to make-, che ribadisce anche la volontà di produrre qualcosa che non sfugga, come spesso viene identificata la scrittura e la poesia, ma che possa essere un emblema culturale che possa sopravvivere al tempo, significativo anche per il futuro. Accompagnato da un grande catalogo, edito da Skira, i tappeti sono tirati in 49 esemplari più uno, hanno dimensione di circa quattro metri per tre, e possono essere modificabili su richiesta. Nelle dimensioni, non nel disegno! 


strumenti
invia la notizia ad un amico
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
inserisci un commento alla notizia

trovamostre